prenota

Anno 1°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Cultura

Teatro dei Servi, si alza il sipario sulla nuova stagione

sabato, 17 ottobre 2020, 13:47

Grandi classici, teatro contemporaneo, proposte per famiglie, musica ed appuntamenti di lettura all’aperto in centro città e nella Marina, nel programma novembre-dicembre 2020 del Teatro dei Servi.

Un'offerta culturale di qualità, in grado di accontentare pubblici diversi con proposte che spaziano dai classici, alla scena teatrale contemporanea, dalla musica, alla comicità, con tanti appuntamenti dedicati ai più piccoli.

Il cartellone, come da tradizione, nasce dalla collaborazione tra l'Amministrazione Comunale e la Fondazione Toscana Spettacolo onlus, consolidando la vocazione multidisciplinare del Teatro dei Servi, con un'offerta che esplora forme artistiche diverse e nuovi spazi di fruizione.

Tra i protagonisti di questa prima parte di stagione, Alessandro Benvenuti, Max Giusti, Maria Amelia Monti e Roberto Turchetta, il quintetto d'archi dell'Ort, Francesco Niccolini e Luigi D’Elia, Francesca Sarteanesi e Luisa Bosi.

Il sipario si alza sull’anteprima di stagione 2020/21 del Teatro dei Servi sabato 7 e domenica 8 novembre (ore 21, come per tutti gli spettacoli) con La Parrucca. Lo spettacolo, tratto da La Parrucca e Paese di mare di Natalia Ginzburg, per la regia di Antonio Zavattieri, vede in scena Maria Amelia Monti e Roberto Turchetta.
Comico, drammatico, vero, scritto con l’ironia e la leggerezza che rendono la Ginzburg unica nel panorama della narrativa e della drammaturgia italiana, questo progetto conferma Maria Amelia Monti come straordinaria interprete ginzburghiana: l’attrice più adatta oggi a far rivivere quel personaggio femminile che tanto aveva di Natalia stessa.

Le musiche di Mozart e Brahms, al centro del secondo appuntamento in cartellone, mercoledì 18 novembre (ore 21), col quintetto d'archi dell'Orchestra della Toscana.
All’ascolto vengono proposti il quintetto n. 3 K. 515 di Mozart, opera di notevole ampiezza e complessità, e il quintetto per archi n. 2 op. 111 di Brahms, lavoro tra i massimi di tutta la produzione brahmsiana per bellezza d’invenzione, coerenza formale e tono riccamente enigmatico dei vettori espressivi.

Sabato 21 novembre (ore 21) il dialogo e l’introspezione fanno da filo conduttore in Bella bestia, di e con Francesca Sarteanesi e Luisa Bosi.
La Bella Bestia un giorno arriva e si piazza lì. Decide lei quali saranno le feste comandate. Ti prende per mano e ti accompagna passo dopo passo laggiù, in quel posticino che avevi sentito dire, ma che non avevi mai visto. Si nasconde, ricompare e non ti dà pace. È un grande incendio. Bella bestia è un dialogo che attraversa l’intimità, fatto di momenti drammatici e ironia, che le due protagoniste affrontano cercando di esorcizzare e superare il proprio vissuto.

Dal classico della narrativa per ragazzi, scritto da Herman Melville, giovedì 3 dicembre (ore 21), in scena Moby Dick di Francesco Niccolini, con Luigi D’Elia.
Luigi D’Elia e Francesco Niccolini conducono una ricerca sul racconto della natura dal 2009 e tornano a lavorare insieme per portare in scena il capolavoro di Hermann Melville, mostrandoci come il capitano Achab non può far altro che correre verso il proprio destino, in quanto l’uomo in realtà è insignificante e impotente di fronte alla natura.

Spazio ad un campione della comicità, sabato 12 dicembre (ore 21), con Max Giusti che, sul palco del Teatro dei Servi, porta …Che resti tra noi!.
Approfittando dell’intimità del teatro, Max Giusti si racconta senza filtro e senza nessuna barriera tra sé e il pubblico. Condivide il suo punto di vista sulla vita e sulla realtà; rivela aneddoti e segreti mai svelati prima. La sostanza prevale sulla forma, l’efficacia sull’eleganza, in un perfetto stile casual che promette: non si riflette, si ride.

Chiude la programmazione dell’anteprima di stagione, venerdì 18 dicembre (ore 21), Alessandro Benvenuti, protagonista di White rabbit red rabbit di Nassim Soleimanpour.
White rabbit red rabbit è un esperimento sociale in forma di spettacolo. L’attore che lo interpreta, per un’unica volta, senza regia e senza prove, apre la busta sigillata che contiene il testo direttamente sul palco e ne condivide il contenuto con il pubblico. Il testo dell’iraniano Nassim Soleimanpour, tradotto in venti lingue e con alle spalle più di mille repliche, è un veicolo per condividere una condizione attraverso parola e gioco, ironia e intimità, innescando una reazione a catena estremamente stimolante. Ma ci sono delle regole da rispettare per chi accetta la sfida: chi decide di portarlo sulla scena non può averlo visto prima; deve arrivare sul palco ed iniziare a giocare, portando in dote coraggio, leggerezza, intraprendenza, ironia ed intelligenza. E questa volta tocca ad Alessandro Benvenuti.

Nel cartellone dei Servi anche la rassegna per famiglie Tutt’insieme a teatro!

Tre spettacoli nella rassegna pensata per i più piccoli ed i loro genitori. Il primo appuntamento di Tutt’insieme a teatro!, domenica 15 novembre, alle 16, è con Becco di rame (età: 3-8 anni), adattamento, con narrazione e pupazzi, dell’omonima fiaba del dottor Alberto Briganti.
Un’oca di Tolosa, Ottorino, viene accolta nella fattoria di Gisella e Alfredo e “adottata” dagli altri animali. Una storia vera, che racconta ai bambini l’importanza del rispetto e dell’accettazione delle diversità.
Domenica 6 dicembre alle 16, per la regia di Livia Gionfrida, in scena Giulia Aiazzi con La Regina della neve (età: 3-7 anni).
Il piccolo Kai ha seguito il richiamo della Regina della Neve e il suo cuore si è ghiacciato. Ma la sua amica Gerda non si rassegna e per cercarlo è disposta ad affrontare mille avventure: incontrerà corvi parlanti, briganti terribili, renne e vecchie maghe.
La rassegna si chiude domenica 20 dicembre alle 16 con il Canto di Natale di Charles Dickens (età: dai 5 anni).
Il celebre racconto in una messa in scena ricca di soluzioni sorprendenti, giochi di ombre e luci, che evocano spiriti giocosi e fantasmi di un passato pieno di vitalità e di pathos; un ritmo sostenuto, scandito dalle canzoni e dalle coreografie, in uno spazio scenico che si trasforma a sorpresa in ambienti sempre nuovi.

L’offerta si arricchisce con una serie di eventi per famiglie ad ingresso libero

Sei doppi appuntamenti pomeridiani (alle 16 e alle 17), il 12, 23, 26 e 27 dicembre, il 2 e 3 gennaio; sono Le raccontastorie col cappotto, che interesseranno il centro di Massa e Villa Cuturi a Marina di Massa.
Sabato 19 dicembre alle 16, la partenza della Caccia al tesoro con Gams è fissata in piazza Aranci a Massa.

Il gospel protagonista a Natale

Con Dicembre in gospel quattro appuntamenti nel centro di Massa e nella Marina con la musica ad ingresso libero.
Il primo, sabato 12 dicembre (ore 17), a cura del Circolo didattico Do.Re.Mi, è con The smiling faces choir.
Domenica 13 dicembre (ore 17), Gamp presenta The joyful gospel ensemble.
Sabato 19 dicembre (ore 17), The smiling faces choir, a cura del Circolo didattico Do.Re.Mi.
Mercoledì 23 dicembre (ore 17), Gospel diffuso, a cura di Officine della Cultura.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Cultura


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 30 ottobre 2020, 09:10

Lo Zaccagna sul podio: la classe V fra i vincitori del premio di Unicredit "Startup your life"

Il lockdown non ha fermato l'entusiasmo e la creatività dei giovani, la loro voglia di fare e di mettersi alla prova, portando a casa ottimi risultati


mercoledì, 28 ottobre 2020, 10:57

Garibaldi, Astoria e Il Nuovo: il cinema risponde con lo streaming

Ci troviamo nuovamente di fronte ad una situazione molto difficile per il nostro Paese in generale, e per il settore della cultura e del cinema in particolare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 ottobre 2020, 20:25

Susan Bottici, una vita sui pattini raccontata nel suo libro "Otto ruote, una vita"

A pochi eletti capita nella vita, di iniziare un'attività sportiva o artistica da bambini, innamorarsene e portarla avanti fino all'età adulta, non solo, ma trasmetterla con passione anche alle nuove generazioni, dopo aver ottenuto successi gratificanti, ma anche dopo cadute, incidenti di percorso


domenica, 25 ottobre 2020, 10:53

Il satiro delle Apuane Mezzacapra rappresentato dall'artista Nadine

Ruvide e sincere, le Alpi Apuane custodiscono molteplici segreti e ne rivelano – seppur soltanto una scheggia - a chi cerca di indagarli e interpretarli attraverso l'arte


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 23 ottobre 2020, 12:55

Presentata la raccolta antologica “Decameron 2020”: c'è anche la piccola Viola

La piccola Viola Della Pina, 9 anni, è la più giovane autrice del gruppo che ha presentato il suo racconto “Viola e la farfalla d’oro”


martedì, 20 ottobre 2020, 09:53

La fotografa Cristina Maioglio tra i finalisti del contest di "Wiki Loves Monuments"

“Una foto non scattata è un ricordo che non c’è”: con questa frase e con uno dei suoi soliti mirabili scatti dedicati a Carrara, la “nostra” Cristina Maioglio, fotografa della Gazzetta di Massa Carrara, è stata inserita tra i finalisti del contest WikiLovesMonuments, il più grande e importante concorso fotografico...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara