Anno 1°

sabato, 20 ottobre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Centinaia strutture da recuperare tra la Lunigiana e la costa, ecco gli incentivi

venerdì, 17 febbraio 2017, 16:32

Incentivi per il recupero di fabbricati rurali abbandonati nelle aree rurali. Sono casolari, granai, stalle ed annessi che attraverso una speciale legge regionale volta a tutelare il paesaggio e al tempo stesso combattere l'abbandono ed il degrado nelle campagne potranno tornare a vivere nuovamente. Sono alcune centinaia e si trovano su tutto il territorio della provincia di Massa Carrara secondo un primo monitoraggio di Coldiretti che applaude alla nuova normativa. “E’ una legge intelligente che permette il recupero ed una nuova valorizzazione del patrimonio edilizio rurale della Lunigiana e delle aree rurali della provincia. – commenta Vincenzo Tongiani, Presidente Coldiretti Massa Carrara – L’obiettivo è recuperare volumetrie già esistenti senza consumare ulteriore suolo. Stiamo parlando di edifici abbandonati e non utilizzati che con questa opportunità potranno essere ristrutturati e valorizzati. Per gli immobili non sottoposti a vincolo di restauro conservativo – fa sapere Tongiani – è previsto un graduale e progressivo aumento volumetrico in virtù dell’efficientemente energetico e della sicurezza sismica”. La filosofia degli incentivi punta a ristrutturazioni green, e quindi al risparmio energetico, senza dimenticare il rischio sismico. Inoltre, la legge per il recupero degli edifici rurali abbandonati prevede delle riduzioni degli oneri comunali. L’eccezione la costituiscono quegli immobili che sono ubicati in aree a rischio idraulico o geomorfologico elevato, si parla di aree in cui l’insediamento è da scoraggiare. “Secondo un nostro censimento – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Massa Carrara – sono decine, in ogni comune, i casolari abbandonati. Stiamo parlando di strutture che costerebbe troppo ristrutturate, ammodernare e manutentare. Gli incentivi spingono nella direzione di recuperare e valorizzare immobili improduttivi, mettere in modo investimenti e rilanciare l’agricoltura nelle aree rurali del nostro territorio”.

Nel frattempo Coldiretti informa che è ancora possibile regolarizzare i fabbricati rurali nel catasto terreni nonostante sia scaduto il termine. “L’Agenzia delle Entrate – prosegue Fantini – ha stabilito la possibilità di regolarizzare la posizione e sanar così una situazione molto diffusa anche sul nostro territorio”. I proprietari dei fabbricati potranno presentare una dichiarazione di aggiornamento con la possibilità di usufruire dell’istituto del ravvedimento operoso. A tale scopo l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito l’elenco dei fabbricati rurali che risultano ancora censiti al Catasto Terreni e provvederà ad inviare una specifica comunicazione ai soggetti interessati al fine di consentire la regolarizzazione. “I proprietari – conclude il Direttore – potranno regolarizzare la loro posizione e provvedere autonomamente all’iscrizione del fabbricato nl catasto edilizio urbano”. 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


venerdì, 19 ottobre 2018, 17:07

L’assessore Raggi diserta l’appuntamento con FITA Cna e Confartigianato Trasporti, richiesto da mesi: lo sconcerto dei sindacati

La prima richiesta per un incontro con l’assessore alle attività produttive, Andrea Raggi risale al 6 luglio. A richiederlo FITA CNA e Confartigianato Trasporti che avevano profilato l’urgenza di risolvere alcune serie criticità relative alle imprese dell’autotrasporto locale


venerdì, 19 ottobre 2018, 15:38

Lavoro in nero, decine di segnalazioni allo sportello di Confartigianato

Un mese dalla sua nascita e lo sportello contro il lavoro nero di Confartigianato Massa Carrara sta già avendo ottimi risultati: decine di segnalazioni telefoniche con alcune che si sono trasformate in un denunce messe nero su bianco


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 17 ottobre 2018, 17:18

Cave, disposizioni speciali fino a giugno 2019

Per porre fine ad ogni incertezza e a interpretazioni dubbie relative al sanzionamento degli abusi oltre i 1000 mc, la Regione ha fissato, in via eccezionale e solo fino al 5 giugno 2019, una procedura 'alternativa' per chi ha effettuato, all'interno del perimetro estrattivo indicato nelle autorizzazioni comunali, prelievi importanti...


mercoledì, 17 ottobre 2018, 17:17

Cave, Rossi: "No a condoni, sì alla tutela dei lavoratori durante eventuali sospensioni dell'attività"

Le precisazioni di Rossi, a Massa insieme all'assessore regionale alle cave Vincenzo Ceccarelli per illustrare la modifica alla LR35/2015 alle categorie ed agli enti locali


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 17 ottobre 2018, 15:50

Abusivismo, i numeri di Cna dopo il tavolo dell'ispettorato del lavoro

Saloni della bellezza allestiti in casa e lavanderie a gettone (self service) che effettuano il servizio tradizionale con tanto di stireria e confezionamento. Due imprese artigiane su tre danneggiate dall'abusivismo e dalla concorrenza sleale: sono i numeri presentati da Cna in occasione dell'incontro organizzato dall'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Lucca – Massa Carrara che si...


martedì, 16 ottobre 2018, 13:11

Bilancio 4x4Fest 2018: la parola ai protagonisti

Archiviata domenica la diciottesima edizione di 4x4Fest, è tempo di bilanci a CarraraFiere. Il Salone Nazionale dell’Auto a Trazione Integrale 2018 da venerdì 12 a domenica 14 ottobre ha attratto oltre 33 mila visitatori di provenienza italiana ed estera, incluse persone che hanno partecipato alla manifestazione per la prima volta


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara