Anno 1°

martedì, 19 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Nasce la cooperativa "L'Abbraccio", casa famiglia per madri e figli in difficoltà

giovedì, 12 luglio 2018, 11:26

Un'occasione di crescita e riscatto, una chance per costruire una nuova vita lasciandosi alle spalle storie di abusi e maltrattamenti, psicologici e fisici. E' questo che offre la neonata cooperativa sociale L'Abbraccio, con sede a Montignoso, che sta anche realizzando la sua prima casa famiglia a Massa dove le persone possono ritrovare una stabilità emotiva personale anche attraverso un percorso di crescita personale.

La cooperativa si è formata da poco ma sta crescendo in fretta, nella convinzione di poter diventare un punto di riferimento nel sociale in una provincia in cui, anche a causa della perdurante crisi economica che va avanti almeno dagli anni '90 e che ha finito per lacerare il tessuto sociale di tutto il territorio apuano ma anche delle vicine province di Lucca e La Spezia, sulle quali si estende l'attività della cooperativa.

A spiegare alcuni dettagli è il presidente de L'Abbraccio, Massimiliano Buonocore: "La nostra cooperativa opera nell'ambito del disagio psichico e sociale, affettivo e relazionale, in particolare per donne e bambini, con uno sguardo privilegiato ai rapporti fra madre e figlio. E' innegabile che certe tensioni sociali siano aumentate negli ultimi anni, e i numeri lo dimostrano. Sono sempre più numerosi i casi di maltrattamenti, psicologici e fisici, verso donne e bambini. Il nostro scopo è quello di aiutarli a rialzarsi, attraverso un percorso di recupero, affiancando le persone ad operatori qualificati e sensibili".

In quest'ottica diventerà strategica la nuova casa famiglia in fase di completamento, con 3 camere da letto, 2 bagni, una cucina, un salone dedicato all'accoglienza e può ospitare fino a 3 nuclei monogenitoriali. "Durante la permanenza nella casa-famiglia si traccia un cammino di crescita, fatto da tanti piccoli passi quotidiani – spiega ancora il presidente -.  Si crea così un ambiente confortevole che sia in grado di portare stabilità alle persone che vengono accolte. In qualità di casa-famiglia, potremo accogliere gestanti e madri con bambini da neonati fino ai diciassette anni, in situazioni di fragilità o disagio, magari sancita pure da un tribunale per i minorenni. Le donne troveranno una realtà protetta dove potere realizzare, con il sostegno degli operatori della comunità e dei servizi, una rilettura della propria situazione personale e familiare, un'integrazione o reintegrazione della propria dimensione sociale e genitoriale e la possibilità di concretizzare un progetto di vita autonomo e adeguatamente tutelante per i figli".

La  cooperativa è in fase di accreditamento, ovvero iscrizione all'albo delle Cooperative Sociali e sta finendo di allestire la prima casa famiglia nel comune di Massa. "Si tratta di un progetto complesso a sostegno della comunità che ha bisogno di una piccola mano in questa di start-up – conclude Buonocore -. Abbiamo già trovato un importante contributo da parte di Confartigianato. Ora stiamo cercando aziende che grazie a donazioni possano dare un contributo affinché il nostro progetto possa partire nei migliori dei modi e ricordiamo che tutti i contributi sono deducibili al 75% nella dichiarazione dei redditi".

Per informazioni e donazioni è possibile contattare la cooperativa su Facebook, sul sito internet www.labbracciocoopsoc.org oppure al numero 371.1667960. Oltre al presidente, ne fanno parte il vice, Damiano Spinetti, e i soci fondatori Silvia Tofanelli ed Edoardo Baldini.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


martedì, 19 febbraio 2019, 16:08

Fiume Frigido, il Consorzio di Bonifica ha rimosso un albero attraversato

Nei pressi di via dei Corsari, località La Zecca, il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord ha rimosso diversi albero che risultavano nocivi per la sicurezza idraulica del territorio, alcuni di essi caduti in seguito alle violente piogge che hanno portato al codice arancione dei giorni scorsi


martedì, 19 febbraio 2019, 15:10

Azienda USL Toscana nord ovest: oltre 100 operatori stabilizzati in pochi mesi

Con tre diverse delibere ed un decreto dirigenziale, nel periodo tra luglio e febbraio, l’Azienda USL Toscana nord ovest ha attuato le procedure di stabilizzazione di oltre 100 operatori, distribuiti nei cinque ambiti territoriali dell’Azienda, ed ha riaperto i termini nel profilo di dirigente medico di medicina interna


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 19 febbraio 2019, 12:56

L'analisi dell'osservatorio sui bilanci delle società di capitali della provincia di Massa-Carrara

Utile in crescita a livelli elevati per molti settori e tipologie d’impresa della nostra provincia nell’anno 2017, con valori medi quasi doppi rispetto a quelli targati Toscana. L’Osservatorio mette innanzitutto in evidenza come il 2017 sia stato un anno positivo per le nostre società di capitali su molti fronti


lunedì, 18 febbraio 2019, 16:41

Camper: presentato al Tof itinerario per scoprire le meraviglie dell’ecomuseo delle Alpi Apuane

Il progetto vincitore del Bando APC 2016 "I Comuni del Turismo in Libertà" svela al Travel Outdoor Fest i nuovi percorsi per i camperisti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 febbraio 2019, 15:18

Aggressioni al Noa, Salvadori (Uil Fpl di Massa Carrara): "Indennità di rischio ai lavoratori"

La richiesta è del segretario della Uil Fpl di Massa Carrara, Claudio Salvadori, che ha sollevato per primo il caso di violenza avvenuto pochi giorni fa nel reparto di psichiatria al Noa


domenica, 17 febbraio 2019, 18:29

Bertuccelli: "Il mercato deve restare in centro"

I mercati fanno parte della tradizione e in quanto tali devono essere rispettati. "Come intendono far rivivere il centro storico cittadino se ogni iniziativa o attività, che esuli dalla banale quotidianità, viene interrotta o modificata a discapito della classe piccola o media imprenditoriale?"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara