Anno 1°

venerdì, 24 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Turismo, nel 2018 la Toscana sfonda i 48 milioni di presenze: +3,8 per cento rispetto al 2017

lunedì, 25 marzo 2019, 14:56

Abbattuto il muro dei 48 milioni di presenze in Toscana nel 2018, +3,8 per cento rispetto al 2017. L'Ufficio regionale di statistica ha elaborato i primi dati complessivi sulle presenze turistiche in Toscana per l'anno 2018, dati che confermano un nuovo record di presenze con un incremento, rispetto al 2017, di oltre 1,7 milioni di pernottamenti in più. La tendenza generale ad una contrazione della durata media del viaggio viene confermata anche nel 2018 seppur in rallentamento rispetto agli anni precedenti (da 3,4 giorni nel 2017 a 3,3 nel 2018).

Commenta soddisfatto l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo: "i numeri evidenziano una Toscana ancora e sempre più attrattiva. Diversificando l'offerta e lavorando su segmenti specifici cercheremo di intercettare ulteriormente i gusti dei viaggiatori. La nuova suddivisione dei dati in base ai nuovi Ambiti territoriali turistici permette di individuare con più puntualità le performance delle varie zone comprese quelle con criticità e quindi studiare i correttivi per provare a invertire la tendenza. Siamo alle porte di una serie di ponti tra aprile e maggio e l'inizio del 2019 quindi ci fa ben sperare".

Nel dettaglio, sono gli ambiti delle città d'arte (+6,8 per cento) e quelli collinari interni (che definiamo campagna +6,5 per cento) a registrare i maggiori incrementi. Molto bene Pisa e Arezzo, con un +25 per cento e +18 per cento, ma continua la crescita a ritmi molto alti di Firenze (+4,6 per cento) e Lucca (+4,7 per cento). Da segnalare che Prato (+3,3 per cento) e Pistoia (+4,7). Negli ambiti legati alla campagna, grandi performance per Terre di Valdelsa e dell'Etruria Volterrana (+11,7 per cento), per Val d'Orcia (+11,1 per cento) e per Valdarno Aretino (+16,4 per cento). Vicini alla doppia cifra sia Valdichiana aretina che senese (+8,7 per cento e +8.6 per cento rispettivamente), più contenuti i risultati di Chianti, Valtiberina ed Empolese/Valdelsa. Valdinievole registra un incremento inferiore alla media (+3,1 per cento) ma decisamente interessante perchè consolida la ripresa degli ultimi anni. Sostanzialmente stabili gli ambiti della costa (+0,02 per cento) con ris ultati positivi per Livorno (+6,5 per cento) e Maremma Sud (+3,0 per cento); stabili Versilia, Maremma Nord e Costa degli Etruschi. In leggero calo Isola d'Elba (-1,3 per cento) e, soprattutto, la Riviera Apuana (-4,1 per cento) che continua il suo trend negativo.

Gli ambiti della montagna registrano l'unico dato negativo della regione (-1,3 per cento). Gli unici ambiti in segno positivo sono Amiata, Lunigiana e la Montagna Pistoiese. Contrazioni significative per Mugello e Garfagnana; stabile Casentino. "L'impegno della Regione sul turismo in montagna, di fronte a una concorrenza agguerritissima in questo settore in espansione a livello mondiale - aggiunge Ciuoffo -, tenderà a dispiegarsi per la destagionalizzazione dei flussi per far vivere le località non solo di turismo ‘bianco' ma sfruttando tutto ciò che si può avere a disposizione tutti i mesi dell'anno con la creazione di offerte ad hoc".

Estremamente interessante l'analisi per trimestre: forte incremento del primo trimestre (gennaio/marzo +11,2 per cento) ma in parte ‘drogato' da una Pasqua molto precoce. Molto bene la primavera (aprile/giugno +4,1 per cento); una crescita importante considerando la mancata presenza del weekend pasquale. Crescita decisamente sotto la media (+1,8 per cento) per la stagione estiva (luglio/settembre) che sconta il dato della costa sostanzialmente stabile. Estremamente interessante la crescita (+5,5 per cento) dell'ultimo trimestre (ottobre/dicembre). "In generale – dice ancora Ciuoffo - ci sono segnali di destagionalizzazione interessanti e da seguire con attenzione".

Infine alcuni dati sulla provenienza: aumentano maggiormente gli stranieri (+4,1 per cento) rispetto agli italiani (+3,4 per cento) ma il divario fra questi si è molto ridotto rispetto agli anni precedenti. Gli italiani diminuiscono sulla costa e in montagna, ma crescono molto negli ambiti della campagna (+5,6 per cento) e sopratutto nelle città d'arte (+10,2 per cento). Gli stranieri diminuiscono leggermente solo negli ambiti montani, sono in leggera crescita sulla costa ma registrano risultati molto interessanti negli ambiti della campagna (+7,0 per cento) e consolidano la crescita nelle città d'arte (+5,1 per cento).

"Adesso – conclude Ciuoffo - la strutturazione delle politiche del settore possiamo portarlo avanti grazie alla certificazione dei dati censuari: alcuni picchi sopra il 20 per cento in alcune zone infatti sono il segno di sacche di inadempienza diffusa nel comunicare le presenze. Adesso invece, con la re-introduzione nella legge regionale dell'obbligo della comunicazione dei dati a comuni e regione, e con una sanzione prevista in caso di inadempienza, potremo avere finalmente cifre più verificate per meglio programmare le scelte politiche".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


venerdì, 24 maggio 2019, 00:13

Indifferenza per i turni di lavoro dei dipendenti dell’Ospedale delle Apuane: Albertosi di Usi Toscana parla di operatori fantasma, perennemente inascoltati

L’amministrazione dei turni di lavoro deve, per legge tenere presente le competenze dei lavoratori stessi: parte da questa premessa Luca Albertosi di Usi Toscana per segnalare un’abitudine ormai incancrenita e scorretta che invece non rispetta le regole e parla, non a caso, di lavoratori fantasma che non hanno il potere...


giovedì, 23 maggio 2019, 16:37

Farmaci anticoagulanti orali, sentenza d'appello del consiglio di Stato: "L'ASL ha operato bene"

Anche la sentenza d’appello del Consiglio di Stato, dopo il TAR della Toscana, ha dato ragione all’Azienda USL Toscana nord ovest in merito ad un ricorso di una ditta farmaceutica sull’utilizzo di farmaci anticoagulanti orali, con una pronuncia che costituisce uno dei primi precedenti in materia a livello regionale e...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 23 maggio 2019, 15:07

Il Consorzio aderisce al secondo sciopero globale per il clima, lanciato dalla giovanissima Greta Thunberg

Il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord è in prima fila per prevenire e combattere gli effetti dei cambiamenti climatici: e per questo, aderisce alle manifestazioni in programma domani (venerdì 24 maggio) per il secondo sciopero globale per il clima, promosso a livello globale dalla giovanissima ragazza di origini svedesi,...


giovedì, 23 maggio 2019, 11:43

Tariffe Rc auto in provincia di Massa Carrara: Davide Grandi chiarisce alcuni punti

Recentemente alcune notizie di cronaca locale hanno riguardato la questione delle tariffe rc auto: è stato evidenziato un dato dall’osservatorio di facile.it, nel quale viene indicata – appunto – una flessione delle tariffe rc auto nella nostra provincia del 4,1%. Davide Grandi dell’associazione Confimitalia interviene chiarendo alcuni punti 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 22 maggio 2019, 17:14

Area industriale apuana: sul sito Arpat domani i dati sull’inquinamento della falda

L'Arpat, su richiesta della Regione Toscana, pubblicherà domattina sul proprio sito i dati delle analisi sull'inquinamento della falda idrica nelle aree industriali tra Massa e Carrara


mercoledì, 22 maggio 2019, 12:48

Fondazione Marmo, in meno di due anni oltre 850 mila euro a sostegno del territorio

Trenta progetti, tra i quali l'acquisto di un apparato di video-endo-scopia per l'ospedale NOA di Massa e il ripristino delle opere del parco La Padula a Carrara, sono stati finanziati dalla Fondazione Marmo per un totale di 850mila euro di contributi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara