Anno 1°

giovedì, 4 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

I Pabe, un identikit digitale delle cave

venerdì, 14 giugno 2019, 17:54

Circa 70 carte, completamente digitalizzate con tanto di sistema di geolocalizzazione cava per cava: è un'altra importante novità introdotta con l'adozione dei Piani Attuativi dei Bacini Estrattivi da parte del Consiglio Comunale. Il vicesindaco Matteo Martinelli, titolare della delega al Marmo, l'assessore all'Urbanistica Maurizio Buschi e l'assessore all'Ambiente Sarah Scaletti sono tornati a illustrare alcuni delle tante innovazioni contenute nello strumento. La digitalizzazione delle carte permetterà di velocizzare il lavoro degli Uffici, sia per quanto riguarda le risposte da dare alle attività sia per il controllo del rispetto della norma.
«I Pabe si inseriscono in un momento storico particolare in cui si sta riscrivendo, in maniera complessiva, il quadro normativo a vari livelli, da quello Regionale a quello Comunale. Lo strumento messo a punto dal comune nasce in coerenza al quadro normativo regionale: recepisce le norme del Pit e del Piano Regionale Cave ma contiene in sé aspetti di originalità legati al contesto territoriale proprio di Carrara. E questo è maggiormente evidente nella parte relativa alla disciplina in materia ambientale. Non si tratta di un insieme di norme generiche e di carattere generale ma di un piano calato nel nostro territorio e pensato sulla realtà di Carrara. Basti pensare a come viene coniugato lo studio dei ravaneti con il tema del dissesto idrogeologico. I Pabe sono inoltre stati l'occasione per introdurre un identikit digitale delle cave dove con click è possibile disporre tutte le informazioni su inquadramento territoriale, vincoli, pericolosità idrauliche e geomorfologiche, e ogni altro elemento del quadro conoscitivo. Si tratta di una rivoluzione anche per i nostri Uffici che avranno a disposizione uno strumento informatico sempre aggiornato e un supporto finalmente moderno ed efficace per il loro lavoro» ha spiegato l'assessore Scaletti.
Ma i Pabe rappresentano soprattutto una traduzione in norma di una nuova visione del settore: « L'obiettivo che vogliamo raggiungere con i Pabe è quello di aprire le cave a un futuro sostenibile che passa attraverso un maggior impatto socio economico dell'attività estrattiva e un minore impatto sull'ambiente. Non vogliamo chiudere le cave ma aprirle a un futuro di sostenibilità. Abbiamo avuto il coraggio di mettere mano alle regole del monte con uno strumento calibrato su contrappesi che tengono conto delle esigenze delle attività e dell'economia cittadina, della tutela dell'ambiente e del paesaggio, ma anche della sicurezza del territorio. La nostra è una visione del settore innovativa rispetto al passato, e in quest'ottica abbiamo messo a punto uno strumento equilibrato che tiene insieme le necessità delle aziende del settore, le stimola a migliorarsi e a evolversi» ha spiegato il vicesindaco Matteo Martinelli. 
«Abbiamo fatto lo sforzo di mettere a punto un piano, difficile, complesso, perché deve rispondere a un sistema di nozioni che non appaiono di facile interpretazione, perchè abbiamo lavorato in un clima di forti contrasti per la difficoltà del carattere interdisciplinare e per la natura sperimentale. È stato uno sforzo enorme provare a rendere l'attività estrattiva compatibile con la qualità del paesaggio: quello che più mi rammarica è che ancora una volta, una certa parte politica  è li a ricordarci che prevale il timore di perdere ciò che abbiamo faticosamente raggiunto piuttosto che scommettere sul futuro e su una innovazione possibile. Ci vuole una proposta coraggiosa per il futuro: una proposta che sappia trovare equilibrio tra interessi diversi e apparentemente contrapposti. Il tutto entro un contesto di sostenibilità e di coesione sociale» ha concluso l'assessore Bruschi. 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


giovedì, 4 giugno 2020, 18:43

Iscrizioni aperte fino al 15 giugno per i centri estivi comunali

Sono state aperte le iscrizioni ai centri estivi comunali che saranno attivi dal 1 luglio al 14 agosto la cui organizzazione è stata regolata da quanto dettato dalle Linee guida del DPCM del 17 maggio 2020 ed integrata con l'ordinanza Regionale n. 61 del 30 maggio 2020


giovedì, 4 giugno 2020, 18:40

Saldi estivi al via il 1 agosto. Consentite le vendite promozionali anche a luglio

Saldi di fine stagione estiva 2020 al via il primo agosto, per una durata di 30 giorni, e sospensione del divieto di vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 4 giugno 2020, 18:32

«Le discariche abusive ci costano mezzo milione l'anno. Utilizziamo i servizi gratuiti di Nausicaa»

L'appello del presidente di Nausicaa, Luca Cimino, a una settimana dalla riapertura della Ricicleria di via Berneri


giovedì, 4 giugno 2020, 18:19

Donnavventura fa tappa sul territorio apuano: grande opportunità di promozione e di rilancio

Una grande occasione per promuovere le bellezze del territorio apuano, fra mare e montagne, in un momento delicatissimo come quello che si sta vivendo, in cui il turismo sta soffrendo per gli effetti del lockdown e un'opportunità per far conoscere aree meno note del paese, rispetto alle tradizionali mete


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 4 giugno 2020, 10:11

Ripartono aziende e imprese ma ci sono ancora dubbi e incertezze secondo Confimpresa

Duecento le aziende e le piccole imprese locali nelle quali Confimresa Massa Carrara ha effettuato sopralluoghi, su richiesta di molti imprenditori, ha effettuato sopralluoghi per verificare l’andamento della ripartenza dopo il lockdown causato dal coronavirus


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:08

Da Crédit Agricole Italia e Fondazione Carismi 300 tablet per la Federazione Regionale delle Misercordie della Toscana

Ogni Associazione ha ricevuto un tablet per far collegare i pazienti e gliCrédit Agricole Italia e Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato di nuovo insieme per fronteggiare l’emergenza Coronavirus e fornire un aiuto concreto alle associazioni presenti sul territorio ospiti di RSA e RSD con i propri familiari


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara