Anno 1°

sabato, 30 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Coldiretti: "Tante castagna ma poco miele, stagione in chiaro scuro"

sabato, 9 novembre 2019, 11:20

Tante castagne e tanta farina ma poco miele. Se i castanicoltori possono sorride, gli apicoltori non possono fare altrettanto. Dopo alcune annate sottotono, anche a causa della presenze del parassite cinipide e delle bizzarrie climatiche, la stagione delle castagne in Lunigiana sarà generosa e in salute. Meno quella del miele che registra pesanti riduzione di produzione soprattutto per l'acacia. Ma andiamo per ordine. Secondo il monitoraggio di Coldiretti in Lunigiana si raccoglierà più castagne, anche fino a 30%, rispetto allo scorso anno nel complesso. Un andamento in controtendenza rispetto al panorama nazionale dove il trend di raccolta è stimato in un 30% in meno. "In molte zone della Lunigiana la produzione è molto alta. L'andamento è a macchia di leopardo e questo è comprensibile. – analizza Francesca Bresciani, Presidente Coldiretti Massa Carrara – Ed anche la resa, ad una prima analisi, sembra essere molto buona. Nel complesso la stagione è stata fino a qui molto incoraggiante. Il cinipide è ancora presente ma la lotta biologica, con i lanci dell'antagonista, sta dando i frutti sperati. Questa annata è salva".

Nel suo complesso il comparto ha una rilevanza economica notevole in Toscana: su di una superficie di 33.000 ettari, di cui 16.000 ettari coltivati con castagni da frutto, si ottengono quasi 200mila quintali di castagne per una produzione media annua di oltre 90 milioni di euro. La castanicoltura, che ha sempre rappresentato una fonte di sostentamento primario per questi territori, si è rimessa in moto. "E' tutt'oggi una importante integrazione al reddito delle famiglie e delle aziende agricole – spiega ancora la Ferrari - che stanno tornando ad investire e crederci anche per alimentare la filiera della farina Dop". La Farina Dop della Lunigiana è una delle cinque Dop della Toscana, una delle eccellenze del paniere apuo-lunigianese. Molto diversa l'annata del miele. Per l'acacia la stagione è drammatica con una produzione quasi azzerata a causa di un maggio freddo ed anomalo che ha quasi lasciato morire di fami le api. Una situazione che ha sconvolto la vita delle api che le api sono sentinelle dell'equilibrio naturale globale e della biodiversità con l'alimentazione che dipende per oltre un terzo da coltivazioni impollinate attraverso il lavoro di insetti, al quale proprio le api concorrono per l'80% a conferma del ruolo insostituibile svolto da questo insetto tanto si dice che Albert Einstein sosteneva che: "se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita". 

Secondo il Consorzio di Tutela del Miele Dop della Lunigiana è la peggiore stagione della storia per l'acacia. Un po' meglio è andata per la varietà millefiori. "Al caldo e siccità nei primi mesi primaverili sono seguite copiose precipitazioni, unite ad un significativo calo termico per buona parte del mese di maggio che hanno compromesso le fioriture mentre nell'estate bollente si sono verificate violente ondate di maltempo. Le api non hanno avuto la possibilità di raccogliere il nettare e il poco miele che sono riuscite a produrre lo hanno mangiato per sopravvivere con il risultato è che quest'anno la produzione risulterà molto ben al di sotto delle aspettative con gravi ripercussioni sulle aziende agricole e sulla commercializzazione soprattutto del Dop che non basterà per soddisfare le richieste crescenti del mercato". 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


sabato, 30 maggio 2020, 14:02

Confartigianato: "Ristoratori e locali pubblici aprono alla nuova sfida, ma i comuni diano una mano"

La direzione della Confartigianato apuana plaude soddisfatta per le misure attuate dall'amministrazione De Pasquale: "Utilizzo del suolo pubblico gratuito anche in aree non adiacenti all'attività" 


venerdì, 29 maggio 2020, 14:47

"Governo dimentica il charter nautico: aziende pronte a spostare sede legale in Costa Azzurra"

L'affondo di Confartigianato Nautica Massa Carrara: "La Francia ha bloccato l'adeguamento Iva. Settore trainante nella nostra zona: i parlamentari si facciano carico del problema"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 29 maggio 2020, 13:21

Apuane: Centro Antifumo a disposizione dei cittadini

Domenica 31 maggio si celebrerà in tutto il mondo la Giornata mondiale senza tabacco. Il fumo è infatti tra i fattori di rischio che concorrono maggiormente allo sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie


giovedì, 28 maggio 2020, 17:42

Confartigianato Trasporti: "Pubblicato regolamento di proroga validità revisioni e certificati di guida"

Confartigianato Trasporti  Massa Carrara informa che il Regolamento UE, contenente le misure temporanee che consentono di prorogare la validità di determinati certificati, attestati, CqC e revisioni nel trasporto stradale, è stato finalmente pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale L 165 del 27 maggio 2020, dell’Unione europea


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 27 maggio 2020, 18:32

Nuovo incontro online sul futuro della scuola nella provincia di Massa Carrara: domani, 28 maggio alle 21

Dopo il successo del primo incontro virtuale organizzato sabato 23 maggio, che ha visto la partecipazione di 150 persone, il gruppo organizzatore dell’assemblea sulla scuola lancia un nuovo appuntamento per domani sera alle 21 sulla piattaforma digitale Chrome


mercoledì, 27 maggio 2020, 18:31

Avenza est dimenticata dal trasporto pubblico: Baruzzo di FdI chiede una nuova linea che arrivi fino alla Grotta

Non ci sono mezzi pubblici né fermate nella zona della Grotta di Avenza, cioè nella parte più orientale del quartiere che confina direttamente con il comune di Massa, all’inizio della zona industriale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara