Anno 1°

sabato, 28 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Nuova disposizione del mercato settimanale di Massa fa infuriare i commercianti

martedì, 18 febbraio 2020, 19:40

di vinicia tesconi

Il mercato settimanale del martedì nel centro di Massa, da poco riorganizzato dall’amministrazione Persiani crea malumori sempre più forti tra i commercianti massesi che, a causa della nuova disposizione dei banchi nelle vie del centro, si ritrovano con la città ingorgata dal traffico e nessun cliente nei negozi.

A sostenere il grido di rabbia dei commercianti massesi c’è Comfimpresa Massa Carrara che ha collaborato alla richiesta rivolta all’amministrazione comunale di rivedere il progetto del mercato “Non ne possiamo più –hanno detto i commercianti- Le persone non vengono in centro per le code chilometriche e i nostri negozi restano vuoti. Noi, in sede fissa, abbiamo le tasse da pagare. Quando alziamo la saracinesca al mattino, abbiamo già le spese delle utenze e del personale. Ma se non arriva nessuno, con clienti bloccati dal traffico e bancarelle al posto dei parcheggi, come possiamo sopravvivere? Abbiamo in città un’area chiusa a Ztl, completamente vuota. Perché non spostiamo le bancarelle in quella zona, rivitalizzandola? Non si può chiudere una piazza centrale come Largo Matteotti , togliere parcheggi, bloccare il flusso del traffico. Ormai sono passati anni e ci pare che anche questa sperimentazione sia fallita.”

Sono infatti passati cinque anni dal trasferimento del mercato dal viale Roma al centro città ma una verifica da parte delle amministrazioni non è mai stata fatta: ha portato o no benefici?

“Sarebbe stato necessario effettuare una verifica, una sorta di “gradimento” sia tra i residenti che ambulanti e negozianti fissi – ha suggerito il presidente di Confimpresa Massa, Daniele Tarantino, che ha il polso dell’andamento del tessuto economico della città -. Il mercato spostato in Largo Matteotti e non in centro storico mi pare non abbia portato vantaggio a nessuna categoria. I negozi in sede fissa continuano a chiudere e chi resta, non è agevolato dalla presenza degli ambulanti, mentre i residenti sono intrappolati nel traffico. Non va bene nemmeno la riapertura di parte del Viale Eugenio Chiesa, dividendo il mercato con il passaggio dei mezzi, obbligando i vigili urbani a regolamentare il traffico per il rischio che ne deriva sugli attraversamenti pedonali. Insomma, va individuata una soluzione adeguata valutando perlomeno l’ipotesi di un ritorno positivo sia per gli ambulanti, per i negozi su sede fissa e per la vivibilità della città stessa”. Che senso ha un centro storico vuoto? “Si parla di problemi legati alla sicurezza – hanno aggiunto i commercianti – ma in occasione delle fiere le bancarelle ci sono”.

Da anni il mercato settimanale fa discutere, esattamente da quando venne spostato dalla sua sede originale, il centro storico, per il rifacimento delle piazze. Se venisse ridimensionato e rimesso nella sua sede originaria non ci sarebbero più problemi legati all’intasamento del traffico, alla mancanza di parcheggi, alla vivibilità della città stessa – ha concluso il presidente Tarantino-. Ovviamente è necessario aprire un tavolo di lavoro tra amministrazione e categorie interessate per valutare finalmente la soluzione più idonea, condivisa da tutti”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


sabato, 28 marzo 2020, 14:51

Coronavirus, la raccolta fondi della Fondazione Marmo supera 1 milione di euro

Oltre 1 milione di euro. E' quanto ha messo insieme in pochi giorni, meno di una settimana, la campagna straordinaria lanciata dalla Fondazione Marmo Onlus per aiutare gli ospedali, a cominciare dal Nuovo Ospedale Apuano, e le associazioni del Terzo Settore che sono in prima fila nella battaglia contro il...


sabato, 28 marzo 2020, 10:08

A.I.L apuana non sarà in piazza con le uova di Pasqua ma lancia un appello: ”Donate comunque, è importante”

I volontari della a Sezione provinciale dell’A.I.L. di Massa-Carrara così come quelli dell’ Associazione nazionale ieri e stamani non saranno nelle varie piazze apuane perla vendita a scopo benefico delle uova di Pasqua


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 28 marzo 2020, 09:56

Indennità una tantum 600 euro: i chiarimenti della Fenapi sul decreto Cura Italia

La FENAPI ricorda che Il decreto legge Cura Italia ha previsto, ad oggi, una indennità, che non concorre alla formazione del reddito, per il mese di marzo, di 600 euro per alcune categorie, in seguito all’emergenza sanitaria COVID -19


giovedì, 26 marzo 2020, 17:00

Adoc: "Sospensione dei mutui, beneficio anche ad autonomi"

Le linee guida dell'Adoc Alta Toscana: "Val"Sospensione mutuo, estese le possibilità di accedere al fondo di solidarietà mutui prima casa. Basta un semplice modulo da presentare alla banca"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 26 marzo 2020, 13:16

Modalità per le consegne a domicilio in Ztl

A seguito delle dichiarazioni di un’associazione dei commercianti, è doverosa una precisazione dell'amministrazione comunale per quanto riguarda le consegne a domicilio


mercoledì, 25 marzo 2020, 14:47

Si consolida la collaborazione tra IMM e ISR: le vendite mondiali del lapideo rallentano, ma il mercato c’è

L’Internazionale Marmi e Macchine Carrara e la CCIAA di Massa Carrara-Istituto Studi e Ricerca intensificheranno la loro collaborazione per approfondire l’analisi e lo studio dell’economia lapidea comprensoriale. Il tutto è finalizzato a rendere i servizi al sistema delle imprese apuane e Comprensoriali ancor più solidi ed efficaci


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara