Anno 1°

mercoledì, 3 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Non ci sono mascherine in vendita a Carrara e le poche reperibili hanno prezzi altissimi

martedì, 31 marzo 2020, 12:33

di vinicia tesconi

La priorità, sacrosanta, è per tutti gli operatori sanitari e per tutti coloro che devono garantire servizi e quindi lavorare esposti a possibili contagi, ma anche se non c’è l’obbligo di indossarle per i comuni cittadini, le mascherine di qualunque tipo sono comunque molto consigliate e molto efficaci, soprattutto per arginare la causa più grave e determinante della diffusione del virus e cioè le persone asintomatiche.

L’assenza totale di sintomi è una variabile contemplata nelle manifestazioni del contagio da covid 19 e, forse, assai più diffusa di quanto sia ancora stato valutato. Sicuramente è la principale indiziata dei contagi a tappeto in molte situazioni, perché a chi apparentemente non ha sintomi o li ha in forma lievissima, non viene fatto il tampone né, di conseguenza viene imposta la quarantena obbligatoria, impedendogli di contagiare ancora.

Come su ogni elemento relativo alla drammatica pandemia in corso, anche sulle mascherine si sono aperte le fazioni dei favorevoli e dei contrari in mezzo alle quali è passato un fiume in piena di spiegazioni dallo scientifico al kitch, che hanno distinto approvato, negato, esaltato, aborrito, demonizzato, centralizzato, minimizzato l’uso di questo dispositivo di prevenzione.

Al netto delle lunghissime spiegazioni tecniche su ognuno dei molti tipi di mascherina sanitaria, resta il punto fermo della protezione che l’uso comporta rispetto alla possibilità di trasmettere agli altri potenziali virus e batteri presenti in chi la indossa. Concetto questo che, nel mezzo dell’escalation spaventosa di contagi che si registra in Italia, dovrebbe essere sufficiente a renderle obbligatorie per tutti, compresi i cittadini che escono per fare la spesa o andare in farmacia o per portare fuori il cane.

L’obbligo ancora non c’è. C’è invece il mercato che, cogliendo il dato dell’immensa richiesta, ha reso introvabili le mascherine e ne ha alzato vergognosamente i prezzi. Una semplice indagine presso le farmacie del comune di Carrara, ad esempio, ha confermato l’assenza quasi totale delle mascherine in vendita. Solo due farmacie hanno confermato la disponibilità, se pur in quantità assai limitata e, in un caso, si tratta di una consegna prevista nei prossimi giorni quindi al momento non disponibili.

Per tutte le altre non vi è neppure una prospettiva di consegna del prodotto a breve termine. Stessa situazione per i negozi di ferramenta, seconda scelta rispetto alle farmacie in quanto rivenditori di mascherine protettive da lavoro. Le indicazioni sui prezzi comunque rilevati da tutti sono concordi: le mascherine di ogni tipo hanno subito rincari considerevoli passando da circa un euro a pezzo ai quattro e cinquanta e ai sette riscontrati negli ultimi ordini che, tuttavia, non hanno avuto consegna.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


mercoledì, 3 giugno 2020, 12:08

Da Crédit Agricole Italia e Fondazione Carismi 300 tablet per la Federazione Regionale delle Misercordie della Toscana

Ogni Associazione ha ricevuto un tablet per far collegare i pazienti e gliCrédit Agricole Italia e Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato di nuovo insieme per fronteggiare l’emergenza Coronavirus e fornire un aiuto concreto alle associazioni presenti sul territorio ospiti di RSA e RSD con i propri familiari


lunedì, 1 giugno 2020, 13:39

Orari prolungati per parrucchieri ed estetisti

Orari prolungati per parrucchieri ed estetisti: lo prevede una nuova Ordinanza firmata dal Sindaco Carrara Francesco De Pasquale Dal primo giugno al 31 dicembre 2020 è data facoltà di apertura nei giorni di riposo settimanale. Centri aperti martedì 2 giugno


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 1 giugno 2020, 12:57

Covid-19: l'infettivologo della Asl Spartaco Sani contro la riapertura delle regioni

Spartaco Sani, primario delle malattie infettive dell’ospedale di Livorno e responsabile delle malattie infettive per l’ASL Toscana nord ovest si dice preoccupato per una eventuale seconda ondata: ci mancava solo lui!


sabato, 30 maggio 2020, 14:02

Confartigianato: "Ristoratori e locali pubblici aprono alla nuova sfida, ma i comuni diano una mano"

La direzione della Confartigianato apuana plaude soddisfatta per le misure attuate dall'amministrazione De Pasquale: "Utilizzo del suolo pubblico gratuito anche in aree non adiacenti all'attività" 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 29 maggio 2020, 14:47

"Governo dimentica il charter nautico: aziende pronte a spostare sede legale in Costa Azzurra"

L'affondo di Confartigianato Nautica Massa Carrara: "La Francia ha bloccato l'adeguamento Iva. Settore trainante nella nostra zona: i parlamentari si facciano carico del problema"


venerdì, 29 maggio 2020, 13:21

Apuane: Centro Antifumo a disposizione dei cittadini

Domenica 31 maggio si celebrerà in tutto il mondo la Giornata mondiale senza tabacco. Il fumo è infatti tra i fattori di rischio che concorrono maggiormente allo sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara