Anno 1°

sabato, 6 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Governo ed Europa, finalmente aiuti alle imprese: segnali positivi ma servono risorse a fondo perduto. L'analisi del presidente di Confartigianato Ms

lunedì, 6 aprile 2020, 14:42

"E pur si muove. Lentamente, a piccoli passi, ma finalmente si intravede qualcosa di positivo da parte della politica che sembra aver capito che se si ferma l'economia senza dare aiuti alle imprese collasserà tutta la società così come la conosciamo. E sarà un dramma sociale senza precedenti. Passi incerti che segnano una netta inversione di rotta e ci danno qualche speranza in più".

A parlare è il presidente di Confartigianato Massa Carrara, Sergio Chericoni, che ha atteso gli ultimi sviluppi nella gestione della crisi della pandemia Covid19. "Purtroppo l'emergenza è stata affrontata dall'inizio in maniera disorganica. A fronte dei risultati che arrivavano dalla Cina sin dall'inizio dell'anno non abbiamo preso le dovute precauzioni e contromisure, pensando di avere davanti a una banale influenza. Così non è stato e ci siamo trovati con decine di migliaia di persone contagiate, migliaia di morti, un sistema sanitario al collasso. Virus sottovalutato da tutti ma, soprattutto, da Governo e Protezione civile. Fra le prime misure da adottare, si doveva pensare alla carenza di Dispositivi di protezione individuale, a convertire le fabbriche per produrre tute e mascherine, a potenziare le camere di rianimazione nelle strutture ospedaliere. C'è stato un vuoto che ha amplificato le problematiche. Oggi non dobbiamo fare lo stesso errore: bisogna evitare una seconda, disastrosa crisi, economica e sociale".

Chericoni entra nel merito degli aiuti varati dal governo: "Qualche passo in avanti è stato fatto ma non tutto adeguato alla dimensione del problema. Pensiamo all'importo di 600 euro per liberi professionisti e partite Iva: si ipotizza di portarlo a 800 ma è comunque assolutamente insufficiente. Anche per il modo in cui è stato gestito, aprendo il sito dell'Inps per tutti in una sorta di 'chi prima arriva meglio alloggia' che ha mandato in tilt il sistema, come era ben prevedibile. A volte copiare da chi è più bravo può essere una soluzione migliore di una misera figura a livello internazionale: bastava aprire su appuntamento, se è vero che le risorse ci sono per tutti".

C'è poi il nodo della Comunità Europea, matrigna delle prime ore che ha cercato di salvarsi in calcio d'angolo: "Un cambio di tendenza repentino che ci auguriamo vada avanti in senso positivo. Ben venga il via libera alla copertura fino al 100% dei crediti elargiti alle imprese con la garanzia dello Stato alle banche (prima era fino al 90%), con un limite massimo del 25% del fatturato dell'anno precedente. Ma per salvare il salvabile serve liquidità a fondo perduto: è questo che ci aspettiamo soprattutto per il tessuto delle piccole e medie imprese che non hanno le spalle larghe per rialzarsi dopo settimane o mesi di stop forzato causato da una forza maggiore".

Garanzie sui crediti che non si trasformano necessariamente in liquidità di cassa a causa del classico collo di bottiglia del sistema economico italiano: burocrazia e pubblica amministrazione.

"Ci sono già diversi enti pubblici che non vanno avanti con le varie procedure di liquidazione adducendo come scusa la particolare situazione. Inoltre, la banca non può anticipare i crediti se la stessa pubblica amministrazione non rilascia la documentazione necessaria per fatturare e quindi smobilizzare le risorse, provocando oltre al danno la beffa del rallentamento dei crediti maturati. Chiediamo quindi al governo – conclude il presidente – di fare pressione su tutta la pubblica amministrazione. Devono rendersi conto che sono al servizio del cittadino e delle imprese, delle aziende che fanno il prodotto lordo del paese. E se crollano migliaia di piccole e medie imprese il Paese non avrà una rete di salvataggio in questa caduta libera provocata dal virus". 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


sabato, 6 giugno 2020, 16:19

Arpagaus (Confesercenti): "Il controllo della movida, le azioni da mettere in atto"

Paolo Arpagaus, presidente Confesercenti Massa, interviene dopo il tavolo del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica con il prefetto Paolo D'Attilio


sabato, 6 giugno 2020, 13:00

Lavoratori contagiati, nessuna responsabilità per datore lavoro che rispetta tutte prescrizioni. Esulta Confartigianato

La previsione passa alla Camera e al Senato e diventa legge, esulta Confartigianato Massa Carrara: "Una battaglia che abbiamo portato avanti per primi in tutte le sedi istituzionali" 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 5 giugno 2020, 17:54

Mercato settimanale, torna a pieno regime anche quello del lunedì

Anche il mercato del lunedì torna a pieno regime con la presenza di tutti i banchi. Lo ha stabilito l’amministrazione comunale con una ordinanza del Sindaco Francesco De Pasquale attraverso la quale vengono disposte importanti misure di sicurezza per il contenimento del Coronavirus


venerdì, 5 giugno 2020, 17:43

Lungomare, da lunedì stop ai mezzi pesanti

Come ogni anno  la dirigente della polizia municipale ha firmato l’ordinanza che vieta il transito agli autocarri di massa complessiva superiore alle 7,5 tonnellate in entrambi i sensi di in via Fabbricotti e viale Colombo, nel tratto compreso tra via Fabbricotti e via Salvetti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 4 giugno 2020, 18:43

Iscrizioni aperte fino al 15 giugno per i centri estivi comunali

Sono state aperte le iscrizioni ai centri estivi comunali che saranno attivi dal 1 luglio al 14 agosto la cui organizzazione è stata regolata da quanto dettato dalle Linee guida del DPCM del 17 maggio 2020 ed integrata con l'ordinanza Regionale n. 61 del 30 maggio 2020


giovedì, 4 giugno 2020, 18:40

Saldi estivi al via il 1 agosto. Consentite le vendite promozionali anche a luglio

Saldi di fine stagione estiva 2020 al via il primo agosto, per una durata di 30 giorni, e sospensione del divieto di vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara