Anno 1°

domenica, 5 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Nuovo regolamento degli agri marmiferi: Athamanta fa rete per la tutela delle Apuane

sabato, 9 maggio 2020, 09:22

Athamanta ha aperto ieri un’assemblea pubblica invitando diverse realtà attive sul territorio al fine di elaborare un’analisi critica del quadro politico e normativo del Nuovo Regolamento Degli Agri Marmiferi di Carrara. Athamanta è lo spazio di discussione, autorganizzazione e sperimentazione politica nato a Massa Carrara dalla collaborazione di Fridays for Future Carrara e Casa Rossa Occupata,  e ad oggi vede partecipare diverse realtà e soggetti singoli che hanno interesse nell’elaborare un discorso comune sul tema dell’estrattivismo nelle Alpi Apuane. Le pratiche sono quelle dell’autoformazione, inchiesta e azione. In questo quadro si è svolta ieri un’assemblea pubblica virtuale tramite Zoom Meeting a cui hanno partecipato circa 60 persone, tra cittadini e associazioni, con l’obiettivo di elaborare un’analisi critica comune sul Nuovo Regolamento degli Agri Marmiferi di Carrara.

“Abbiamo analizzato la bozza del comune partendo dalla critica al modello capitalista estrattivo che riduce la gestione delle risorse del territorio ad una contrattazione tra istituzioni ed aziende, producendo profitto per pochi e devastazione ambientale. Quello che vorremmo è un approccio ecosistemico che prenda come punto di partenza la tutela dell’ambiente e di chi lo abita individuando con lungimiranza quali siano i vantaggi ed i costi comunitari – per la comunità di oggi e di domani - dello sfruttamento della risorsa marmo.” Così Athamanta ha aperto l’assemblea che ha visto poi susseguirsi gli interventi delle diverse realtà che hanno aderito all’iniziativa. Tra questi Legambiente Carrara: “Il Regolamento disciplina lo sfruttamento, da parte di privati, di beni della comunità carrarese, ed è quindi preciso dovere del comune disciplinare l’estrazione del marmo assicurandosi di ricavarne il massimo dei benefici per i cittadini e di ridurre al minimo i danni. Dall’analisi emerge però l’esatto opposto, gli interessi della comunità sono stati sistematicamente subordinati a quelli dei concessionari”. Nicola Cavazzuti per l’associazione Trentuno Settembre ha aggiunto “si ripercorrono i paradigmi degli anni passati, perdendo l’occasione di avere una regolamentazione più vicina alla collettività. La salvaguardia delle nostre acque è totalmente insufficiente. Le vene dei monti sono interrotte e inquinate dalla marmettola. In aggiunta, l’Art. 24 sulla creazione di un osservatorio del marmo è una vera e propria presa in giro per la città. Un monitoraggio sui prezzi fatto da comitati scientifici o pseudo conoscitori del mercato hanno già dimostrato a Massa la loro totale inadeguatezza con prezzi talmente bassi da essere ridicoli.” Alberto grossi per il Grig: “parlare di coltivare gli Agri Marmiferi di Carrara è già di per sé inaccettabile se guardiamo allo scempio che ci si propone di fronte ogni giorno. La cittadinanza dovrebbe capire che stiamo combattendo per il bene comune ed è arrivato il momento di abbandonare quei falsi miti basati sul ricatto occupazionale. Miti diffusi appositamente per creare scissioni all’interno della cittadinanza da un sistema basato sull’illegalità”. Matteo Procuranti -Circolo Culturale Anarchico Gogliardo Fiaschi- ha rimarcato l’esigenza di smettere di parlare di cave circondate da montagne per parlare di montagne all’interno delle quali vi è un’attività estrattiva: “sono le montagne che devono essere tutelate limitando completamente il lavoro che vi può essere fatto all’interno. Il sistema cave non è sostenibile né per l’ambiente né per il lavoro. Serve un percorso culturale e bisogna portare questa lotta fuori dai semplici confini provinciali.” Anche Accademia Apuana della Pace ha sottolineato l’importanza di portare i contenuti dell’assemblea fuori dalla provincia. L’associazione consumatori ADIC Toscana: “si consegna il bene comune delle Apuane rappresentato dal marmo, da un paesaggio unico al mondo, da preziosi eco-sistemi e da biodiversità, nelle mani di pochissimi industriali, dando loro la licenza a continuare a perpetuare l’opera di distruzione e a conseguire profitti stratosferici. Attivare un piano strategico serio di riconversione economica subito.”

Durante il dibattito è stato rimarcato il problema dell’inquinamento delle acque superficiali e sotterranee dovute all’attività estrattiva e l’importanza di tutelare le montagne come luogo di pace per immergersi nella natura. L’aspetto culturale è risultato fondamentale, “l’indifferenza è il vero nemico” dice il collettivo studentesco Tirtenlà. Gianluca Briccolani del progetto ambientale l’Altezza della Libertà “bisogna aumentare gli sforzi e stimolare la lotta in tutto il comprensorio Apuano interessato dall’attività estrattiva. Ci stanno portando via il futuro, bisogna ribellarsi”.

Athamanta ha concluso: "Ringraziamo tutti i soggetti singoli e organizzati che hanno preso parte all'apertura di questo percorso. Abbiamo individuato alcune intersezioni possibili a cui ci impegnano a dare presto seguito."

Tra le 60 connessioni all'assemblea virtuale, erano presenti diverse realtà organizzate del territorio provinciale e regionale:

Fridays For Future Carrara, Casa Rossa Occupata, Legambiente Carrara, Trentuno Settembre, Tam Cai Massa, GrIG, Collettivo Studentesco Tirtenlá, Fridays For Future Firenze, Fridays For Future Pisa, Associazione murAperte, Accademia Apuana della Pace, Associazione consumatori ADiC Toscana, Medicina democratica, Circolo Culturale Anarchico Gogliardo Fiaschi, Italia Nostra Apuo-Lunigianese, Coordinamento l'acqua di tutti, Altezza della libertà, Associazione Versante Apuano.

Athamanta ricorda inoltre che il documento di analisi critica del regolamento degli agri marmiferi di Carrara e la registrazione dell'assemblea sono disponibili sul sito all'indirizzo www.athamanta.wordpress.com

Contatti Athamanta

e-mail: athamanta.ms@gmail.com

web: www.athamanta.wordpress.com


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


venerdì, 3 luglio 2020, 12:38

Ma.R.Mo 20.20: una nuova Fiera per il rilancio del Marmo di Carrara

Relativamente al progetto Ma.R.Mo 20.20, la nuova fiera del marmo che l'Internazionale Marmi e Macchine sta organizzando per il mese di Settembre, abbiamo raccolto l'opinione del Presidente della Camera di Commercio di Massa-Carrara, Dino Sodini


venerdì, 3 luglio 2020, 11:09

Confindustria, Matteo Venturi nuovo presidente designato della delegazione di Massa Carrara

"Siamo a un passaggio cruciale, probabilmente epocale, e non possiamo permetterci di sbagliare alcunché" così Matteo Venturi, presidente designato degli industriali di Massa Carrara spiega l'essenza della sua mission


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 2 luglio 2020, 22:57

Cermec: presentato Il Nuovo Piano Industriale

Nuovo Piano Industriale per Cermec, che porterà l'azienda nel sistema di Economia Circolare. Una svolta epocale per l'impianto, che avrà importanti risvolti anche per il territorio


giovedì, 2 luglio 2020, 22:46

Roberto Venturini risponde al comunicato della CGIL Massa Carrara sul suo licenziamento

Roberto Venturini, il lavoratore licenziato dalla CGIL, interviene dopo la pubblicazione di un comunicato da parte del sindacato, dopo la sentenza


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 2 luglio 2020, 17:32

Adoc: "Dentix, chi ha pagato nella situazione peggiore. Per i finanziamenti basta la messa in mora"

Il 25 giugno Dentix Italia ha chiesto l'apertura della procedura di Concordato Preventivo, con tempi lunghi per poter presentare un eventuale piano di risanamento che andrà vagliato dal Tribunale. I tempi richiesti sono di 120 giorni, prorogabili di altri 60


giovedì, 2 luglio 2020, 17:15

Il nuovo piano industriale porta Cermec nell’economia circolare

Una svolta storica quella presentata oggi da Cermec: da impianto di trattamento, principalmente di rifiuto indifferenziato, ad impianto di valorizzazione e recupero dei materiali da raccolta differenziata


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara