Anno 1°

mercoledì, 20 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Confartigianato: "Sentenza Farmoplant, inizia nuova epoca: bonifiche subito"

lunedì, 9 novembre 2020, 12:14

"Hanno cambiato nome e identità. Hanno provato a confondere le carte in tavola. Le tracce sono state smantellate e fatte sparire. Ma la pistola fumante è sempre rimasta lì: nei terreni e nelle acque di falda. Brucia ancora dall'esplosione del luglio 1988, dalla nuvole nera che si era sollevata dalla Farmoplant. Ha ancora l'odore del Rogor, sa ancora di veleni. E adesso, dopo almeno 20 anni di attesa, abbiamo finalmente la sentenza del Tar di Firenze che associa la pistola a un colpevole: Edison, erede di Farmoplant e Montedison. E' colpevole, seppur forse corresponsabile insieme ad altri soggetti, dell'inquinamento della falda della zona industriale apuana. Oggi per la nostra provincia deve iniziare una nuova epoca: su questa sentenza dobbiamo far convergere tutti gli sforzi delle istituzioni per iniziare le bonifiche e ottenere, finalmente, un vero risarcimento per il danno subito".

E' il presidente di Confartigianato Massa Carrara, Sergio Chericoni, a interpretare gli sviluppi della storica sentenza del Tribunale amministrativo di Firenze che nei giorni scorsi ha respinto il ricorso presentato da Edison contro la nota del 2018 del Ministero dell'Ambiente che imponeva alla società di presentare un progetto di bonifica della falda. "Al di là del possibile appello al Consiglio di Stato da parte di Edison, dalla sentenza emergono aspetti cruciali per la storia del nostro territorio e per gli sviluppi futuri. I consulenti tecnici d'ufficio e di parte coinvolti nella causa hanno prodotto migliaia di pagine per arrivare a capire se l'inquinamento della falda a monte e a valle del sito ex Farmoplant fosse riconducibile all'attività dell'azienda – sottolinea il presidente della Confartigianato apuana -. E i giudici sono arrivati a conclusioni storiche: esiste un nesso causale tra l'attività svolta dalla Farmoplant e la presenza di inquinanti nella zona, anche se non è esclusa la responsabilità di altre imprese; Edison è erede di Farmoplant e Montedison, nonostante i tanti cambi societari; l'inquinamento ambientale crea danni permanenti che perdurano fino a che non sono rimosse le cause e quindi l'applicazione della legge può essere retroattiva sui responsabili".

Valutazioni che ora devono smuovere l'immobilismo amministrativo: "E' il momento di cambiare passo. Lasciamoci alle spalle errori e divisioni. L'obiettivo deve essere unico a tutti i livelli istituzionali: i Comuni, con Regione, Sogesid e Ministero dell'ambiente chiudano al più presto lo studio della falda, ormai iniziato nell'autunno del 2018, così da  avere un quadro esatto della contaminazione e dei flussi delle acque sotterranee, e rendano pubblico il prima possibile il progetto unitario di bonifica della falda, visto che la seconda revisione è già stata consegnata a settembre. Al tempo stesso – prosegue Chericoni -, la Regione attivi la procedura amministrativa di individuazione dei responsabili della contaminazione: è l'elemento chiave per andare poi a battere cassa dai colpevoli perché una sola sentenza del Tar non basta. E sarà un atto che certamente provocherà ulteriori ricorsi. Quindi muoversi in fretta diventa la parola d'ordine. Al Ministero dell'Ambiente chiediamo invece se sia possibile avviare una causa civile contro Edison per ottenere i danni da disastro ambientale, così come fatto recentemente per Bussi sul Tirino. Dopo 32 anni questa terra merita non solo giustizia ma soprattutto di riavere dignità: bonifiche, salute, rilancio economico e lavoro bloccati da decenni di veleni, inerzia e silenzi. Potrebbe essere l'ultima occasione: non sprechiamola". 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


martedì, 19 gennaio 2021, 17:24

Bisogni delle imprese, il punto di Confindustria: "Idee chiare, la politica ci appoggi"

Di questo si è parlato oggi in una conferenza stampa che è servita anche a fare il punto sui possibili percorsi da tracciare per tradurre le proposte delle imprese in interventi concreti


lunedì, 18 gennaio 2021, 17:39

Paga bollette in ritardo, ma gli staccano lo stesso il gas: lasciato al freddo con i figli minorenni

La vicenda accaduta a Massa. La denuncia di Adoc Toscana Nord: "Comportamento inumano da parte del distributore. E ancora non hanno risolto il problema"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 gennaio 2021, 17:36

Asporto vietato dopo le ore 18 per esercizi senza cucina, per Confartigianato una misura estremamente vessatoria per un settore già in profonda crisi

“Si va a colpire ulteriormente - ha evidenziato Giovannelli - un intero settore economico già messo a dura prova dal lungo lockdown e verso il quale le misure di sostegno prese dal Governo si sono dimostrate palesemente insufficienti”


giovedì, 14 gennaio 2021, 12:26

Camera di Commercio, Bedini (Cna): "Bene nomina commissario Sodini"

E' il commento di Paolo Bedini, presidente Cna Massa Carrara all'indomani dell'ufficializzazione della noma di Dino Sodini a commissario dell'ente camerale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 14 gennaio 2021, 11:42

Patronato Inapa/Confartigianato: comunicazione dell'Inps su rivalutazione e tassazione pensioni 2021

Il cedolino della pensione, accessibile tramite servizio online presso l’INPS, è il documento che consente ai pensionati di verificare l’importo erogato ogni mese dall’Istituto di previdenza e di conoscere le ragioni per cui tale importo può variare.


mercoledì, 13 gennaio 2021, 19:48

Logistica: il Gruppo Grendi chiude il 2020 con crescita di fatturato, volumi e investimenti

Il 2021 parte con un nuovo magazzino a Bologna, una nuova nave e linea merci per la Sardegna. Tra i progetti anche la realizzazione di un terminal merci internazionale Lo-Lo a Cagliari


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara