Anno 1°

domenica, 29 novembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Gestione rifiuti urbani e assimilati, per Luca Mannini (Cisl) la parola chiave è 'sinergia'

venerdì, 20 novembre 2020, 20:26

Dal primo gennaio il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati sarà svolto per le province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno dalla società pubblica di capitali, Reti Ambiente spa, che diventa così il gestore unico di Ato Toscana Costa e la Cisl interviene sulle polemiche molto dibattute, probabilmente in riferimento a una sempre più divisa Lunigiana dove lo statuto della società non è stato approvato da alcuni comuni tra cui anche Pontremoli.

Sinergia, è la parola d'ordine per Luca Mannini, segretario di Fit-Cisl Massa Carrara Toscana Nord, considerato il pericolo che un divisionismo sul territorio possa originare un assorbimento da parte di realtà più importanti vicine in cui poi il potere di decisione dei nostri territori potrebbe disperdersi.

"Troppe persone nella nostra provincia-interviene con una nota la Cisl- sono convinte che entrare in Reti Ambiente sia l'obiettivo da raggiungere. Alcuni articoli di stampa di queste ultime settimane ne sono la testimonianza ma ciò è assolutamente sbagliato-riferisce il sindacato definendo solo un passaggio e non un arrivo l'ingresso in Reti Ambiente- a nostro avviso infatti Reti Ambiente deve essere considerato solo un punto di partenza per arrivare a quegli accorpamenti tra aziende pubbliche dei rifiuti del territorio che fino ad ora sono mancati".

Il segretario di Fit-Cisl Massa Carrara Nord Luca Mannini cita la ex partecipata comunale carrarese Amia con la nuova Nausicaa e cita Massa con la sua partecipata Asmiu e gli sforzi compiuti finora anche in Lunigiana, segnali, secondo Mannini, di attenzione verso un settore, la gestione della raccolta dei rifiuti, un tempo abbandonato nell'indifferenza: "Per la "vecchia" AMIA di Carrara, il Comune ha fatto un percorso importante in questi anni. Percorso iniziato sotto l'amministrazione Zubbani, terminato con l'attuale amministrazione, ha portato alla razionalizzazione delle partecipate, come previsto dalla legge Madia, e alla nascita di una importante multiservizi NAUSICAA. Su Massa, l'attuale amministrazione ha investito molto su ASMIU. Lo sono a dimostrare le tante assunzioni di Personale che la Società sta facendo nonché il rinnovo in atto del parco mezzi veicolare. Un chiaro segnale di cambiamento ed interesse da parte dell'amministrazione in un settore, quello della raccolta rifiuti, lasciato da anni a se stesso e privo di investimenti. Anche in Lunigiana negli ultimi anni si è puntato molto ad una politica del rifiuto portando la raccolta rifiuti differenziata ad altissime percentuali a tutto vantaggio di una politica verso il rifiuto zero".

 Ma questo basta? Sembra chiedersi Mannini. Risponde lui stesso:"Tuttavia tutto questo impegno da parte delle amministrazioni comunali della nostra Provincia rischia di essere vanificato se non si riesce a fare sinergia. Tre SOL (Società Operative Locali) sul nostro territorio infatti sono troppe. Tre SOL che non hanno i numeri dalla loro parte. In area vasta abbiamo a che fare con colossi come GEOFOR di Pisa (371.000 abitanti serviti e 600 dipendenti), ERSU che opera in 7 Comuni della Versilia e Montignoso (112.000 abitanti serviti e 360 dipendenti), AAMPS di Livorno che entrerà in area vasta nel 2022 (158.000 abitanti serviti e 330 dipendenti). Se non si arriva in un futuro prossimo ad un accorpamento tra aziende del nostro territorio, si rischia di essere fagocitati in un secondo momento da SOL più grandi già esistenti e strutturate, rischiando di non contare più nulla sul panorama dei Rifiuti Regionale" è il laconico commento con cui mette in guardia Mannini che mette il dito nella ferita citando il caso di CTT Nord nei trasporti, nodo doloroso anche in terra di Lunigiana.

 "L'azienda di trasporto pubblico CTT Nord dove nel consiglio di amministrazione della società non ci sono rappresentanti del nostro territorio ne è il classico esempio-fa notare infatti il segretario sottolineando la questione dell'abbattimento dei costi e della tassa sui rifiuti- Reti Ambiente non ci dimentichiamo che era nata per ottimizzare le risorse pubbliche ed arrivare al taglio dei tantissimi consigli di amministrazione che proliferavano su tutti i territori. Se non vi è accorpamento non ci può essere ottimizzazione e taglio dei costi. Si rischia che il taglio dei costi, in ogni caso necessario per abbassare la TARI, ricada sui lavoratori mediante il taglio dei loro stipendi".

Insomma, chiude Mannini schierandosi in favore di Reti Ambiente:"Ripetiamo, Reti Ambiente da sola non è sufficiente. Bisogna fare uno sforzo mentale tra i vari comuni del nostro territorio. In Versilia tra ERSU e SEA Ambiente abbiamo assistito nel recente passato ad uno scontro legale e mediatico senza precedenti. A distanza di pochi mesi stanno accorpandosi in nome e per conto dell'interesse Pubblico. Uniamoci dunque per poter contare ed e poter dire la nostra in ambito Regionale sul mondo dei rifiuti, un mondo importante sia sul fronte dell'offerta occupazionale sia dal punto di vista della salute dei cittadini".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


carispezia


sabato, 28 novembre 2020, 18:07

Covid: #Stelleincorsia di Natale in Ospedale, il dono degli agricoltori a medici ed infermieri del Noa

Si respira aria natalizia da questa mattina all'Ospedale Noa di Massa con l'iniziativa #stelleincorsia con cui i florovivaisti di Coldiretti hanno donato a medici ed infermieri impegnati nella lotta contro il Covid-19 dei bellissimi esemplari di Stella di Natale


giovedì, 26 novembre 2020, 12:57

Uiltec: "Enel ha smantellato presenza su Massa Carrara: tornare a investire su tecnici e commerciale"

La richiesta della Uiltec Toscana Nord: "Perse tante professionalità in pochi anni. Bisogna tornare a essere punto di riferimento per l'utenza"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 26 novembre 2020, 12:55

Insetti alieni: è emergenza vespa velutina (calabrone asiatico), primi casi in Toscana certificati a Massa Carrara

Coldiretti chiede task force per fermare avanzata sterminatore alveari. Neutralizzati alcuni giorni fa due nidi. Apicoltori preoccupati


mercoledì, 25 novembre 2020, 17:59

Confartigianato: "Pandemia accelera il ricambio imprenditoriale: aiutare aziende a superare salto generazionale"

L'analisi di Confartigianato sui dati del Centro Studi nazionale: "Fondi per una 're-startup' che agevoli una nuova partenza in linea con le sfide digitali"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 25 novembre 2020, 17:48

"Compra materasso online, ma consegnano uno diverso e ora l'azienda pretende che sia il cliente a pagare il reso"

Il caso a Massa Carrara segnalato da Adoc Alta Toscana: "Violazione dei diritti dei consumatori e del contratto stipulato, contro il buon senso in piena pandemia"


lunedì, 23 novembre 2020, 19:23

AOTL: "Gli agriturismi esclusi dal contributo a fondo perduto per la ristorazone"

L'associazione operatori turistici della Lunigiana lancia un accorato appello all'unione dei comuni della Lunigiana e ai sindaci affinché si attivino al più presto presso il governo, l'agenzia delle entrate e gli organismi competenti per porre rimedio all'esclusione degli agriturismi dal bando, in scadenza il 28 novembre


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara