Anno 1°

mercoledì, 20 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Prestiti: a Lucca chiesti, in media, più di 11 mila 800 euro

giovedì, 12 novembre 2020, 11:38

Il Covid ha modificato le ragioni per cui i toscani si rivolgono ad una società di credito. Secondo l’analisi di Facile.it e Prestiti.it, realizzata su un campione di oltre 7.000 domande di finanziamento raccolte in Toscana*, la prima motivazione per cui nel terzo trimestre 2020 si è chiesto un prestito è stata l’ottenimento di liquidità; in regione più di 1 richiesta su 4 (25,9%) è legata a questa finalità.

«Durante periodi di incertezza come quello attuale», spiega Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it «è normale che le famiglie decidano di rimandare progetti importanti, avendo la necessità di maggiore liquidità economica per affrontare imprevisti o difficoltà lavorative».

Cambiano le priorità dei toscani

Secondo l’indagine di Facile.it, la richiesta media rilevata nel terzo trimestre del 2020 è stata pari a 12.737 euro, valore in aumento dell’8,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; il piano di restituzione medio è stato di 61 rate (poco più 5 anni).

Guardando alle domande di prestito personale presentate in Toscana per le quali è stata specificata la finalità emerge che, nel corso del terzo trimestre dell’anno, è aumentato anche il peso percentuale dei prestiti legati all’acquisto di auto usate, che rappresentano ormai il 20,1% del totale (in aumento di 4 punti percentuali rispetto al 2019).

Di contro, sono diminuite le quote di prestiti per la ristrutturazione casa, stabilizzatasi al 12,8% del totale, in calo di 2,5 punti percentuali rispetto al 2019. A riprova di quanto detto da Giacobbe, sono diminuite anche quelle per l’arredamento, matrimoni e cerimonie, viaggi, con un calo compreso tra 0,9 e 1,2 punti percentuali.

Identikit del richiedente

Guardando al profilo sociodemografico dei richiedenti prestito residenti in Toscana emergono dati interessanti; il primo segnale significativo è il calo del peso delle donne che hanno presentato domanda di finanziamento; la percentuale, sebbene storicamente inferiore rispetto a quella maschile, è scesa ulteriormente passando dal 31,5% del totale rilevato nel 2019 al 26,9% del 2020.

Analizzando la professione dei richiedenti emerge che, nel 2020, a presentare domanda di prestito è stato, nel 78,2% dei casi, un dipendente privato a tempo indeterminato; in aumento la percentuale di pensionati toscani che hanno fatto richiesta per un finanziamento, passata dal 5,9% del 2019 all’8,7% del 2020, dato che si lega anche all’età media dei richiedenti, passata da 41 anni e 11 mesi a 42 anni e 10 mesi. Probabilmente a causa dell’incertezza lavorativa cala, invece, la quota dei liberi professionisti e lavoratori autonomi che hanno chiesto un prestito personale, passata dal 15,17% del terzo trimestre 2019 all’8,04% dello stesso periodo del 2020.

L’andamento provinciale

Se a livello regionale l’importo medio richiesto è pari a 12.737 euro, analizzando le richieste di finanziamento in ottica territoriale emerge che Siena è la provincia toscana dove sono stati richiesti gli importi medi più alti (16.067 euro, il 26% in più rispetto alla media regionale); seguono nella classifica le province di Prato (14.592 euro), Arezzo (13.796 euro) e Grosseto (13.220 euro). Valori sopra la media regionale anche per Pisa (13.027 euro) e Massa-Carrara (12.910 euro).

Inferiori al valore medio toscano, invece, gli importi richiesti a Firenze (12.394 euro) e Lucca (11.862 euro); chiudono la graduatoria la provincia di Livorno (11.045 euro) e quella di Pistoia (10.922 euro).



Provincia

Importo medio richiesto terzo trimestre 2020 (€)

Arezzo

13.796

Firenze

12.394

Grosseto

13.220

Livorno

11.045

Lucca

11.862

Massa - Carrara

12.910

Pisa

13.027

Pistoia

10.922

Prato

14.592

Siena

16.067

Toscana

12.737


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


martedì, 19 gennaio 2021, 17:24

Bisogni delle imprese, il punto di Confindustria: "Idee chiare, la politica ci appoggi"

Di questo si è parlato oggi in una conferenza stampa che è servita anche a fare il punto sui possibili percorsi da tracciare per tradurre le proposte delle imprese in interventi concreti


lunedì, 18 gennaio 2021, 17:39

Paga bollette in ritardo, ma gli staccano lo stesso il gas: lasciato al freddo con i figli minorenni

La vicenda accaduta a Massa. La denuncia di Adoc Toscana Nord: "Comportamento inumano da parte del distributore. E ancora non hanno risolto il problema"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 18 gennaio 2021, 17:36

Asporto vietato dopo le ore 18 per esercizi senza cucina, per Confartigianato una misura estremamente vessatoria per un settore già in profonda crisi

“Si va a colpire ulteriormente - ha evidenziato Giovannelli - un intero settore economico già messo a dura prova dal lungo lockdown e verso il quale le misure di sostegno prese dal Governo si sono dimostrate palesemente insufficienti”


giovedì, 14 gennaio 2021, 12:26

Camera di Commercio, Bedini (Cna): "Bene nomina commissario Sodini"

E' il commento di Paolo Bedini, presidente Cna Massa Carrara all'indomani dell'ufficializzazione della noma di Dino Sodini a commissario dell'ente camerale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 14 gennaio 2021, 11:42

Patronato Inapa/Confartigianato: comunicazione dell'Inps su rivalutazione e tassazione pensioni 2021

Il cedolino della pensione, accessibile tramite servizio online presso l’INPS, è il documento che consente ai pensionati di verificare l’importo erogato ogni mese dall’Istituto di previdenza e di conoscere le ragioni per cui tale importo può variare.


mercoledì, 13 gennaio 2021, 19:48

Logistica: il Gruppo Grendi chiude il 2020 con crescita di fatturato, volumi e investimenti

Il 2021 parte con un nuovo magazzino a Bologna, una nuova nave e linea merci per la Sardegna. Tra i progetti anche la realizzazione di un terminal merci internazionale Lo-Lo a Cagliari


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara