Anno VIII

lunedì, 8 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Lettera di Italia Nostra alla soprintendenza per reperti in marmo di epoca romana incustoditi

martedì, 26 gennaio 2021, 14:19

Italia Nostra Apuo-Lunense, inascoltata da sindaco e assessore di riferimento, scrive alla Soprintendenza di Lucca e Massa Carrara: quei reperti storici marmorei lasciati giacere presso alcune cave, "tra detriti e camion e ruspe in azione, marmi che sono la storia antica delle nostre gloriose cave, vanno messi in salvo", per usare le parole della presidente dell'associazione Emanuela Biso, devono essere tutelati e collocati in un posto protetto e sicuro come per esempio, suggerisce con forza Emanuela Biso, presso il Museo del Marmo.

Infatti la presidente Biso invoca:"Il Museo del Marmo, che tanto lustro ha dato a Carrara, è da tempo inutilizzato (e non si capisce perché), mentre è il posto logicamente e storicamente deputato ad ospitarli". Non solo, Biso ricorda che a chiedere la tutela di quei reperti sono tecnici ed esperti :"Lo dicono i nostri esperti; lo dice il buon senso; lo dice un'ordinanza" ripete la presidente in una nota. L'ordinanza a cui si riferisce la presidente è l'ordinanza Marchetti che obbliga il trasferimento dei reperti presso il Museo Civico del Marmo, struttura istituita nel 1982 appositamente per la tutela del materiale archeologico.

Se la lettera aperta rivolta al Primo cittadino non ha sortito alcun effetto, Italia Nostra Apuo-Lunense prova a stimolare l'attenzione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Lucca e Massa Carrara. Oggetto: Tutela dei reperti marmorei d'epoca romana giacenti presso varie cave attive di Carrara.

Scrive Italia Nostra Apuo-Lunense:

In riferimento all'oggetto, da noi più volte segnalato, anche con pubblica denuncia sui quotidiani locali, sia alla presente Amministrazione sia alle precedenti, e che, in data 28.6.2018 e 24.8.2020, già sottoponemmo alla Vs attenzione, rinnoviamo la richiesta del parere di codesta Soprintendenza. Chiediamo se lasciare reperti marmorei all'interno di cave attive ne garantisce la tutela secondo quanto previsto dalle normative vigenti e se, a seguito della nostra segnalazione, sono stati effettuati degli interventi o sono in progetto dei provvedimenti. Il rinnovo della nostra richiesta è motivato anche dal fatto che, alla data odierna, non ci risulta siano state prese iniziative di tutela da parte del Comune di Carrara relative a questi importanti materiali di pubblica proprietà, abbandonati da anni, con grave pregiudizio per la loro conservazione.

I reperti marmorei risultano catalogati e dunque ne vorremmo conoscere l'attuale consistenza numerica, dal momento che le consegne dei reperti al Museo Civico del Marmo da parte degli Uffici Comunali preposti, così come previsto dall'Ordinanza Marchetti, sono inspiegabilmente cessate a partire dal 2009.

"Sembrerebbe, dai nostri comunicati stampa che segnalano criticità della nostra zona, che Italia Nostra sia aprioristicamente mal disposta nei confronti del Comune e dei suoi amministratori. Non è affatto così.
Anzi, noi saremo ben felici di poter collaborare con chi ci amministra, legittimamente eletto dai cittadini- sottolinea e fa sapere nella nota l'associazione- Ma lo Statuto di Italia Nostra dice che dobbiamo difendere il nostro patrimonio storico artistico e naturale"


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


domenica, 7 marzo 2021, 19:59

8 marzo, una panchina rossa alla Uil e Uilp Nord Toscana

La Panchina Rossa, nel giorno dell'8 marzo, vuole rappresentare un simbolo contro la violenza sulle donne e un simbolo di rivendicazione della parità


sabato, 6 marzo 2021, 14:19

Cave, decine di posti di lavoro a rischio. Feneal Uil: "Subito un tavolo"

Questo l'appello della Feneal-Uil tramite il responsabile Daniele Marsilia alla politica di Massa Carrara e della Regione Toscana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 5 marzo 2021, 17:45

Nuovo sistema di conferimento rifiuti a Carrara centro

Questa mattina la commissione ambiente, alla presenza dell'assessore all'ambiente Sarah Scaletti, ha effettuato un sopralluogo presso il centro informazioni di San Martino dove è stato predisposto il punto di distribuzione delle tessere per l'uso dei cassonetti intelligenti ai cittadini di Carrara centro


giovedì, 4 marzo 2021, 11:33

Cesare Micheloni (Fratelli d’Italia): “Uno psicologo per l’Accademia? Bene, ma il bando ci lascia perplessi”

Cesare Micheloni, a nome del coordinamento comunale di Fratelli d’Italia, in un comunicato, affronta l’iniziativa dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, che negli scorsi giorni, per voce della direzione, aveva divulgato la notizia che sarebbe stato assunto uno psicologo per supportare gli allievi in questo lungo periodo di restrizioni causa...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 marzo 2021, 09:12

Fauna+++Lunigiana: abbattimento cinghiali, la Corte Costituzionale da il via libera anche gli agricoltori

La Corte Costituzionale, con una sentenza storica, permette di prendere parte alle operazioni di riduzione del numero degli animali selvatici anche agli agricoltori provvisti di tesserino di caccia. Arriva finalmente il via libera


mercoledì, 3 marzo 2021, 09:10

Covid: apertura ristoranti attesa da 41 per cento, cento agriturismi con fiato sospeso per Pasqua

Oltre 4 consumatori su 10 (41 per cento) considerano la riapertura dei ristoranti una priorità seconda solo alla ripartenza della scuola ma l'attesa per le nuove misure restrittive rischia di fermare i programmi di viaggio di un italiano su tre (32 per cento) per vacanze, gite fuori porta o visite...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara