Anno VIII

giovedì, 6 maggio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta spazio pubblicità

Economia

Le associazioni dell'artigianato unite per l'apertura della ristorazione in sicurezza

sabato, 10 aprile 2021, 12:41

Le Confederazioni dell'Artigianato, CNA, Confartigianato e Casartigiani, da tempo sollecitano Governo e il Comitato Tecnico Scientifico a consentire la riapertura in sicurezza delle attività di ristorazione.

I presidenti di CNA Agroalimentare Andrea Borghini e di Confartigianato Alimentare Gabriele Giovanelli condividono in pieno le proposte al Governo presentate dalle Associazioni e sottolineano quanto segue.

Da una parte è evidente che non si può imputare a bar e ristoranti e alla ristorazione in genere, la trasmissione del virus che è rimasta a livelli particolarmente elevati anche da prima di Natale, da quando queste attività sono praticamente chiuse: dopo un anno siamo ancora nella stessa situazione, con l'aggravante che nel frattempo i sostegni per il settore sono stati del tutto inadeguati a compensare le perdite subite e il blocco dei licenziamenti nasconde una realtà ben più amare che purtroppo costringerà le imprese che non ce la faranno a chiudere.

Le scriventi Associazioni chiedono con fermezza che venga fatto ogni sforzo affinché non sia raggiunto il punto di non ritorno. Altri mesi di chiusure senza alcuna certezza per il futuro andrebbero a infliggere un nuovo e ancor più doloroso colpo al settore della ristorazione.

L'unica possibilità per poter aprire in sicurezza è accelerare la vaccinazione della popolazione e successivamente prestare particolare attenzione agli addetti delle categorie economiche come la ristorazione. Riteniamo, come Associazioni, che alla luce dell'avviata campagna di vaccinazione sarebbe fondamentale consentire ai ristoranti ubicati nelle cosiddette "zone gialle", capaci di documentare la rigida osservanza delle misure imposte dalla normativa, di poter riprendere la propria attività anche durante le ore serali.

Ricordiamo che le aperture a intermittenza costituiscono un ostacolo per l'ordinaria pianificazione del lavoro, che si struttura sull'acquisto e la trasformazione di prodotti che per loro natura presentano carattere di deperibilità. Le attività di ristorazione potenziati i canoni anti-contagio, equipaggiati gli spazi interni e conferita la formazione al personale, hanno immagazzinato la giusta esperienza, collaudando un modello di lavoro estremamente virtuoso. Conseguentemente è innegabile che le suddette attività siamo preparate a svolgere i servizi in sicurezza e una fascia temporale più ampia.

Le proposte delle Associazioni sono chiare e fattibili: apertura dalle 5 del mattino alle 23 della sera: obbligo di prenotazione, raccolta delle informazioni dei clienti: nome, cognome e numero di telefono di chi prenota il tavolo, numero di persone ammesso e la dichiarazione circa lo stato di convivenza dei commensali. Ai tavoli non più di 4 persone e se conviventi massimo 8. Tutta la documentazione dovrà essere conservata dall'esercizio per i 14 giorni successivi.

Le Associazioni richiamano anche l'attenzione sullo svolgimento delle cerimonie e degli eventi, altro pezzo fondamentale dell'economia. Qui occorre ragionare e provvedere alla modifica del DPCM che riporta il "divieto di feste nei luoghi al chiuso e all'aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose". E' necessario distinguere tra feste (che fanno capo a persone fisiche che non si riferiscono a un'azienda che organizza l'attività e non fanno riferimento a nessun protocollo) e cerimonie (che sono un'attività organizzata, che deve sottostare ai protocolli previsti per il settore. La sicurezza è garantita da un'impresa che organizza e gestisce l'evento. Alla luce di tutto questo CNA Agroalimentare e Confartigianato Alimentare, tramite i rispettivi presidenti provinciali del settore Andrea Borghini e Gabriele Giovannelli invitano il Governo e soprattutto i parlamentari della nostra provincia di farsi carico delle richieste delle Associazioni valutando positivamente le misure predisposte e tenendo conto che il settore della ristorazione è giunto al limite, ulteriori divieti causeranno danni irreparabili, con  la perdita di posti di lavoro e la chiusura delle attività.

Fermo restando quanto richiesto, le scriventi Associazioni richiedono agli organi compenti di aumentare i controlli nei confronti di coloro che non rispettano la vigenti misure previste per il contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19, affinché i gravosi sacrifici sino ad oggi sopportati dalle imprese della ristorazione non siano resi vani.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Economia


mercoledì, 5 maggio 2021, 13:18

Irene Serbandini, l'imprenditrice massese si racconta in un blog

"E' arrivato il momento!" E' quello che si è detta Irene Serbandini che nella vita, oltre ad essere imprenditrice, riveste il ruolo di presidente di Impresa Donna del Cna


mercoledì, 5 maggio 2021, 09:53

Confartigianato: "Meno tasse per artigiani e piccole imprese sulle bollette dell'energia"

A darne notizia ai propri associati è Confartigianato Imprese Massa Carrara, che spiega come è possibile avere una bolletta meno cara grazie ad un provvedimento adottato da ARERA (l'autorità di regolazione dell'energia, reti e ambiente) legato all’emergenza covid-19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 maggio 2021, 09:27

Cna su inchiesta autorizzazione trasporti: "Indagini facciano chiarezza"

In relazione all'arresto di 12 persone tra personale dipendente della provincia di Massa Carrara ed autotrasportatori che ha fatto seguito alle indagini svolte dalla procura e della guardia di finanza di Massa Carrara, Cna Fita esprime forte sconcerto e preoccupazione


venerdì, 30 aprile 2021, 16:28

"Primo maggio con beffa per i lavoratori edili: non arriva l'assegno di anzianità professionale"

La denuncia del delegato Feneal Uil: "La cassa di Carrara verserà in ritardo. Tante famiglie aspettavano quei soldi per festeggiare"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 30 aprile 2021, 15:20

Boom imprese giovanili spinge 'Oscar Green'

Exploit delle imprese giovanili nella provincia di Massa Carrara nella fase acuta della pandemia. Nei primi nove mesi del 2020 le nuove imprese nate sono 22, pari al 175% in più rispetto allo stesso periodo di un anno prima


venerdì, 30 aprile 2021, 15:00

Confartigianato: "Riapertura a metà non basta al rilancio. Ristoranti al chiuso, un pass per vaccinati e immuni"

Chiede di cambiare passo la dirigenza di Confartigianato Massa Carrara e lo fa a poche ore dal decreto del Governo che ha riaperto le attività di ristorazione a pranzo e a cena a partire dal 26 aprile ma solo all'aperto


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara