Anno VIII

martedì, 15 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

L'evento

Canossa e Villa Minozzo: una grande stele arenacea e un nuovo ponte sulla Via Matildica del Volto Santo

giovedì, 27 maggio 2021, 11:53

Riserva di Biosfera dell'Appennino tosco emiliano: due nuovi punti di rilievo per la via Matildica del Volto Santo a beneficio di camminatori e turisti. Accade a Canossa e Villa Minozzo.

A Canossa, nella fattispecie, è stata posata in questi giorni la grande stele in arenaria dal peso di 2.600 Kg per due metri d'altezza. Su di essa, un artigiano locale, ha raffigurato l'emblema della Via, il labirinto circolare scolpito all'entrata del Duomo di Lucca. La stele è stata posata nel piazzale che conduce al Castello del Perdono di Canossa.

"Questa via così identificata – spiega Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano – è un cammino storico religioso di livello europeo tra Mantova e Lucca. Ora sta prendendo forma e visibilità permanente. È infatti un percorso destinato a restare e - di nuovo e a modo suo - a fare storia nei territori attraversati. La Via Matildica del Volto Santo attraversa tutta la provincia di Reggio Emilia e connette tre regioni e due città, una Riserva di Biosfera e due centri patrimonio dell'umanità dell'Unesco". Da inizio anno erano stati posati i 60 cippi realizzati di minori dimensioni che ne marcano il percorso in Appennino, come pietre miliari. La stele di Canossa è collocata all'incipit del percorso montanaro.

A Villa Minozzo, sempre sul medesimo percorso del Volto Santo, in quella che un tempo era identificata come via Maestra tra Morsiano e Gazzano, sono già avvenute le principali e spettacolari azioni di installazione del ponte sul rio Cervarolo, in sostituzione di uno precedente crollato nel primo dopoguerra.

Il nuovo ponte consentirà il passaggio di bici e pedoni. "Si tratta di una struttura in acciaio e legno, lunga 12 metri, largo 1,5 metri (larghezza idonea al transito in sicurezza) – spiega Sergio Guidetti, geologo – ha una altezza di 8 metri sulla forra che consente di bypassare. Progettato dall'ingegnere castelnovese Simone Del Rio, risulta particolarmente suggestivo. È in acciaio, ai fini di durare nel tempo. La sua realizzazione è stata concordata con la Sovraintendenza ai beni architettonici e ambientali della Regione Emilia-Romagna. La stessa Sovraintendenza ha richiesto un colore che si abbinasse alle arenarie del posto". 30.000 euro il costo dell'opera finanziata dal Por Fesr del Parco nazionale dell'Appennino.

Particolarmente soddisfatto Elio Ivo Sassi, sindaco di Villa Minozzo e consigliere del Parco nazionale dell'Appennino: "La Via Matildica si apre con una nuova anima all'alta valle del Dolo, sopra la diga di Gazzano. Questo era un punto particolarmente critico, ben risolto dato che, ora, consente ai camminatori della stessa Via di accedere alla sinistra del Dolo. Il ponte è di elegante fattura, con camminamento in legno e si inserisce bene nell'habitat del posto. In questo modo - grazie al Parco Nazionale - abbiamo valorizzato il percorso di questa via millenaria anche verso l'Abetina Reale e poi Lucca".

L'inaugurazione della stele avverrà sabato 29 maggio, alle ore 10,00 alla presenza del sindaco Luca Bolondi e del presidente del Parco nazionale Fausto Giovanelli, presso il Piazzale Enrico IV, prospicente il castello di Canossa.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

prenota

prenota

prenota_spazio

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in L'evento


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 14 giugno 2021, 18:57

Solennità di San Ceccardo, vescovo e martire

Mercoledì 16 giugno alle ore 18:30 in Duomo la città festeggia San Ceccardo, vescovo di Luni e martire, patrono della città, del comune e del vicariato di Carrara, compatrono della diocesi di Massa Carrara - Pontremoli


sabato, 12 giugno 2021, 08:42

Una magica notte azzurra sotto il cielo portoghese

Sotto uno splendido cielo stellato sulla rive dell'Oceano, lungo le sponde del placido Guadjana, se tendi l'orecchio sembra di sentire un vecchio ritornello che fa "notte magiche inseguendo un gol"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 11 giugno 2021, 10:08

“Storia del motore a scoppio e sue applicazioni”: incontro a Lucca

Una bella ripartenza, dopo il difficile periodo della pandemia, quella di domani per l’associazione amici di Barsanti e Matteucci e la Fondazione Barsanti e Matteucci, che hanno organizzato un incontro aperto a tutti sul tema “storia del motore a scoppio e sue applicazioni"


giovedì, 10 giugno 2021, 10:15

Tappini, Andrea Biagi batte il Napoli e vola alla finale nazionale

Internazionale-Napoli non era solo una partita, ma la sfida tra i migliori giocatori della storia di Tappini Calcio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 10 giugno 2021, 10:10

Montignoso dona a Cuba "El Che", realizzando una scultura con tecnica innovativa

Una statua alta due metri "risplenderà" nelle notti dell'Avana e avrà il cuore marmoreo di Carrara e le radici profonde della terra di Montignoso


mercoledì, 9 giugno 2021, 13:11

Borgo Biaia, benvenuti in... paradiso

I sogni prendono forma. Questo è lo spirito della famiglia Raffaelli e di Giuliano, titolare dell'angolo di paradiso, ad appena 12 chilometri dal borgo medievale di Castelnuovo Garfagnana, chiamato agriturismo Borgo Biaia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara