Anno VIII

venerdì, 22 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

L'interSVISTA

Giancarlo Fornei e il segreto di come vivere alla grande

domenica, 12 ottobre 2014, 19:03

di massimo benedetti

L'autostima, come volersi bene, come sapere affrontare, ogni giorno, la vita sempre consapevoli di chi realmente siamo, accettando ed amando tutto quello che ci viene dato. Giancarlo Fornei, carrarese doc, classe 62, da molto tempo, ormai, ha deciso di dedicare parte della sua vita ad aiutare gli altri, con libri, conferenze e dibattiti e a giro per l'Italia. Ci racconta come è iniziato questo percorso?

Sono un ex marketer. Ero sempre in giro per l'Italia e, nello specifico, in quello che chiamavo simpaticamente il triangolo delle Bermude: Parma, Treviso, Milano. Capace di macinare chilometri su chilometri con la macchina, passavo da una città all'altra senza mai fermarmi. All'epoca, oltre al consulente di marketing, insegnavo nella Terza Area di molti istituti superiori della nostra provincia (un'area professionalizzante, dove venivano chiamati degli esperti a trasferire le loro conoscenze ai ragazzi). Quel giorno ero all'Einaudi di Carrara e, durante la ricreazione, mi sentii male. Mi ritrovai ricoverato d'urgenza al Pronto Soccorso di Carrara. In seguito, mi dissero che mi era andata bene: ero stato colpito da ben tre infarti cerebellari dovuti a un problema con una mutazione genetica che ho, ma, anche e soprattutto, allo stress. Era il 17 novembre del 1999. Quando mi ripresi, capii che era opportuno cambiare vita e smetterla di fare il consulente (troppo stressante). Da allora ho cominciato a dedicare la mia vita ad aiutare le persone dal punto di vista comunicazionale e motivazionale, trasferendo le cose che conoscevo.

 

"Come vivere alla grande" è la sua penultima fatica: nato sulla scorta dei tragici eventi dei molti suicidi di massa in Italia del maggio del 2012, ma anche con una forte componente personale, legata alla sua vita. Ci spieghi

Io ricevo una media di oltre venti email ogni giorno da persone che non conosco e che mi scrivono per chiedermi aiuto o anche solamente per farsi "leggere". A maggio del 2012, ricevetti diciassette email tutte legate tra loro da un doppio filo: nel primo, la tristezza e la disperazione emergevano; le persone mi raccontavano di non farcela più e, qualcuno, parlava addirittura di "suicidio".  Nel secondo, invece, si avvertivano positività e un ringraziamento diretto a me, per aver scritto certi libri e articoli in rete ed infuso speranza. Insomma, era come se, con i miei libri/articoli, avessi ridato una speranza di vita a queste persone. La cosa mi ha fatto immensamente piacere e, contemporaneamente, mi ha maggiormente responsabilizzato. Come potevo aiutare un numero maggiore di persone? La risposta mi arrivò quasi subito. In quel periodo stavo conducendo, su Antenna 3, la seconda serie delle mie trasmissioni motivazionali e mi accingevo ad andare in onda con l'ultima puntata proprio in quella settimana. In accordo con Andrea Lazzoni, il patron della tv, cambiai in corsa la scaletta della trasmissione e la dedicai completamente a tutte quelle persone in difficoltà, una sorta di "inno alla vita". La trasmissione piacque moltissimo e, da lì, a scriverne un libro, dove raccontare la mia storia e invitare le persone ad amare la vita, il passo fu breve. Nacque così l'idea di scrivere "Come Vivere Alla Grande".

Nel testo, 9 capitoli, 9 consigli per alimentare la propria autostima. A quale è legato maggiormente e perché?

Naturalmente a tutti e nove, perché ritengo i capitoli come gli anelli di una catena: sono tutti indispensabili per tenerla unita. Se proprio devo sceglierne uno, scelgo il sesto: "Dona agli altri".  Donare è uno dei presupposti più importanti per vivere alla grande la propria vita. Chiedo sempre alle persone che incontro: quante mani hai? Le persone mi guardano meravigliate e poi mi dicono... due. Allora io spiego che, se abbiamo due mani, c'è un motivo: con una possiamo prendere, ma, con l'altra, dobbiamo dare indietro qualcosa.  Sempre. Tra l'altro, non è assolutamente necessario che doniamo per forza dei soldi (penso a chi purtroppo, non ne ha), Ma è possibile donare tempo a un malato in ospedale, aiutare qualcuno in difficoltà, regalare un sorriso a un bambino, fare una carezza a una persona anziana. Insomma, possiamo donare qualsiasi cosa, purché si faccia senza mai chiedere nulla in cambio. 

 

Come vivere alla grande, per certi versi, non suona un po' come una contraddizione, visti i tempi odierni?

In effetti, ammetto che il titolo è volutamente provocatorio. Il libro offre una sorta di percorso di vita in nove consigli, intersecati tra loro come gli anelli di una catena. Nove consigli per imparare a vivere intensamente la propria vita, partendo dal saper apprezzare quello che uno ha già. Perché, pur essendo splendida la vita,  ci accorgiamo delle cose belle che abbiamo intorno a noi, solamente quando – purtroppo - ci vengono a mancare. Non è un caso che la pagina di apertura del libro reciti testualmente:  «In questo libro trovi nove consigli per imparare a vivere alla grande la tua vita e goderla al massimo, anche perché, mi dispiace farti notare che hai solo questa. Quindi, vivila la vita, anziché subirla». Dunque, "vivere alla grande" è possibile anche in tempi come quelli odierni; dipende solo da noi, dal saperla apprezzare o no, questa vita.

 

A breve, l'uscita del suo ultimo lavoro, che avrà come tema principale lo sport e l'allenamento mentale. Ci può dire qualcosa

Il tema dell'allenamento mentale nello sport non è nuovo per me. L'ho affrontato più volte,  tra il 2008 e il 2011, dove ho anche creato un audio corso da cui è nato proprio questo mio, ultimo libro: "Come Allenare la Mente a Vincere nello Sport". Oggi, chi gareggia o pratica sport a livelli agonistici, sa bene che non basta più allenare il fisico, avere tecnica e tattica, ma bisogna predisporre la mente a vincere. Purtroppo, in Italia siamo ancora all'età della pietra e pochissimi sportivi e ancor meno società, utilizzano i protocolli di allenamento mentale nella preparazione. Credo che il problema sia dovuto a una doppia motivazione: da una parte gli allenatori che temono di perdere la loro leadership nei confronti degli atleti allenati. Dall'altra, gli stessi atleti, che sono prevenuti nei confronti di discipline come la psicologia sportiva e, appunto, l'allenamento mentale. Nel primo caso, la paura degli allenatori è assolutamente infondata, perché qualsiasi mental coach preparato e professionista, lavorerebbe  "per" e "con" l'allenatore (e non contro), per migliorare le performance sportive dei suoi atleti. Nel secondo caso, credo sia invece un problema culturale: basta vedere come si comportano gli italiani con la psicologia nella vita quotidiana. Negli Stati Uniti, andare dallo psicologo o dallo psicoterapeuta è del tutto normale, in Italia è qualcosa di cui vergognarsi, da "nascondere". Nel libro presento sette step che sono le basi per cominciare ad allenare la propria mente a vincere nello sport. Lo presento in anteprima a Verona, il 18 ottobre, a Io Bene - Fiera del Benessere. Avrei voluto presentarlo ufficialmente a Carrara, ma si sa: non si è mai profeti in patria. 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

prenota

prenota

Banca dinamica Carismi

corsica

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in L'interSVISTA


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 3 maggio 2021, 08:46

L'inGiustizia

250 mila copie vendute di un libro che resterà nella storia della nostra sfasciata repubblica: la storia segreta della magistratura italiana tra potere, politica e affari. Alessandro Sallusti e il caso Palamara, la strumentalizzazione della Giustizia da parte di una casta super-politicizzata e ideologizzata


martedì, 5 gennaio 2021, 12:46

Locandina 'sessista': Cosentino, papà del progetto, spiega la sua idea e risponde alle critiche

Samuele Cosentino, ideatore del progetto di sostegno psicologico ai commercianti in tempi di Covid, ripercorre le tappe di una vicenda che ha suscitato polemiche, anche strumentali, a non finire


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 29 ottobre 2020, 16:10

"Covid, io non ci sto": a Firenze Momi tiene aperto il ristorante 'Tito Baracca' fino alle 22

Mohamed El Hawi, 34 anni, detto Momi, musulmano, ma nato e cresciuto in S. Frediano, si ribella al Dpcm: "Ho cinquanta dipendenti e tre ristoranti, la gente ha bisogno di me, non posso deluderla". Servizio al tavolo dalle 12 alle 22


domenica, 25 ottobre 2020, 11:13

Marcello Pera: "Dio esiste, ma Bergoglio non lo vede più. Ormai vicini a uno scisma"

Il professor Marcello Pera, ex presidente del Senato, in questa interSvista esclusiva affronta la crisi dell'Occidente, la decapitazione di Samuel Paty a Parigi, l'incedere dell'Islam, l'"apostasia" di papa Bergoglio, gli italiani e il Covid, l'ipocrisia delle classi dirigenti progressiste e la dissoluzione della famiglia naturale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 20 ottobre 2020, 13:26

La psicoterapeuta Giuliani lancia l'allarme: "Un altro lockdown sarebbe psicologicamente devastante per molte persone"

La responsabile del Centro Das di Lucca denuncia senza mezzi termini i rischi che sta correndo, da mesi, ormai, la mente umana e mette in guardia contro quello che potrebbe, drammaticamente, accadere: "C'è necessità di affetto, di abbracci, di emozioni, non possiamo permettere al Covid di impossessarsi di noi"


venerdì, 3 luglio 2020, 10:20

Cristiana Francesconi senza peli sulla lingua: "Se avesse ucciso e arrostito il mio gatto, mi sarei fatta giustizia da sola"

Lei è conosciuta, nel foro, come una pantera non può, certo, tollerare quello che è accaduto a Campiglia Marittima: "Chi non rispetta ci rispetta, torni a casa propria, non ne abbiamo bisogno"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara