Anno VIII

venerdì, 3 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Il G.I.G. esulta: “Revocata l’autorizzazione ambientale per la cava Vittoria sulle Alpi Apuane”

lunedì, 2 ottobre 2017, 21:56

Il Gruppo di Intervento Giuridico onlus esprime la sua soddisfazione per la revoca della pronuncia di compatibilità ambientale in favore dell’attività estrattiva della Cava Vittoria nel comune di Fivizzano. Infatti, col provvedimento n°20 del 28 settembre il dirigente del settore Uffici Tecnici del Consorzio di gestione del Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane ha revocato la Pronuncia.

“Era ora – commentano i responsabili del G.I.G. - vista la situazione di perdurante illegalità ambientale. In proposito, si ricorda che, venivano accertate le seguenti opere abusive in violazione del provvedimento: escavazione di 19mila metri cubi di materiale lapideo in difformità dal progetto autorizzato (lavorazioni realizzate dalla ditta Ari Marmi srl; escavazione di 20mila metri cubi di materiale lapideo in assenza di autorizzazione (lavorazioni realizzate dalla ditta Aleph Escavazioni srl); scarico di materiale detritico nel versante a confine tra la cava Vittoria e la cava Valcontrada, in assenza di autorizzazione (lavorazioni realizzate dalla ditta Aleph Escavazioni srl).

Eppure, il Comando Guardiaparco rileva che nel corso di un ulteriore sopralluogo la ditta Aleph Escavazioni srl stava lavorando a pieno regime con tagli al monte, riquadratura di blocchi e scarico di detriti che presumibilmente vengono accumulati anche al di fuori dell’area in disponibilità, nella zona indicata come “Capannaccia” ai margini della cava Crespina. Lavori estrattivi abusivi.

Coinvolti i ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, la Regione Toscana, il Parco delle Alpi Apuane, l’A.R.P.A.T., i Carabinieri del N.O.E., la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Stato. Informati per opportuna valutazioni di competenza la Procura della Repubblica di Massa, la Commissione Europea e la Commissione “Petizioni” del Parlamento Europeo. Piuttosto evidenti i danni ambientali e le violazioni di legge. Ancora non risultano adottati provvedimenti di revoca delle attività estrattive riguardo la Cava Madielle

La revoca dell’autorizzazione ambientale relativa alla Cava Vittoria costituisce, però, un segnale positivo. Si ricorda che gran parte del comparto estrattivo del marmo, ben 178 cave, di cui 118 attive, nei soli bacini imbriferi del Carrione e del Frigido ricade proprio nell’ambito del Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane e che l’ente parco svolge tutte le funzioni relative ad accertamenti, valutazioni, considerazioni, autorizzazioni. Tuttavia, in favore dell’Ente Parco è previsto soltanto il potere di ordinare la sospensione dei lavori e il ripristino ambientale. Per sua stessa natura, poi, la sospensione dei lavori non può che essere temporanea.

In parole povere, a fronte di numerosi e reiterati casi di riscontrata grave violazione delle prescrizioni autorizzative da parte di Aziende estrattive del marmo sulle Alpi Apuane con gravissimi danni all’ambiente e alle risorse naturali (soprattutto al patrimonio idrico a causa dell’inquinamento da marmettola), non si registrano i conseguenti opportuni provvedimenti di revoca e chiusura definitivi dei relativi siti estrattivi. La Regione Toscana, poi, sta a guardare, pur sollecitata esplicitamente. Altro che buon governo del territorio! Senza contare i danni economici alla collettività: basti pensare ai maggiori costi (300mila euro annui) per la potabilizzazione delle acque o alle mancate entrate della tassa di concessione marmi: un vortice di probabili ricavi illeciti e di danni alla collettività sui quali il Gruppo di Intervento Giuridico onlus ha chiesto da tempo alle competenti Magistrature di far piena luce.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


giovedì, 2 dicembre 2021, 11:23

A Podenzana un servizio di supporto all’uso delle piattaforme informatiche per over 65

Per offrire un aiuto ad utilizzare le app ed i servizi informatici della regione Toscana e dei servizi locali, sabato 4 dalle 9.00 alle 14.00 presso la sala consigliare del municipio di Podenzana, persone competenti e disponibili saranno a disposizione per dare un aiuto ai cittadini over 65


giovedì, 2 dicembre 2021, 09:29

Compra una 'Playstation 5' online, ma viene truffata: denunciato un salernitano

Questa volta a farne le spese è stata una 47enne di origine albanese, residente da anni nel Pontremolese. Il truffatore un italiano di origine salernitane di 26 anni, con una sfilza di analoghi precedenti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 dicembre 2021, 21:13

Grande evento nella storica dimora di Castelletto contro la violenza di genere

È stata un’occasione di grande ed intensa partecipazione, l’evento socio culturale celebrato nel fine settimana presso la sala principale della dimora storica del Castelletto di Podenzana


mercoledì, 1 dicembre 2021, 21:09

Società Ciclistica Villafranca, muore Carluccio Devali

Sin dalla fine degli anni '80 è stato tra i soci più attivi dello storico sodalizio ciclistico dell'alta Lunigiana, società nata nel 1987 ed affiliata Federazione Ciclistica Italiana dal 1988, meglio conosciuta a tutti come Bazzà Villafranca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 dicembre 2021, 13:03

Oltre 14 milioni di interventi previsti sui corsi d'acqua del territorio

Previsti ben oltre 14 milioni di euro destinati per i lavori di manutenzione ordinaria sui vari corsi d'acqua per la manutenzione del reticolo idrografico su tutto il territorio gestito dal Consorzio 1 Toscana Nord


martedì, 30 novembre 2021, 20:52

RetiAmbiente struttura la gestione unica del ciclo rifiuti per i prossimi 14 anni

Novità importanti arrivano in questi giorni sul fronte della gestione del ciclo dei rifiuti con la previsione, tra l’altro, di una società operativa locale in Lunigiana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara