Anno 1°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

GrIG: "Il Parco Apuane blocchi sul serio le cave"

lunedì, 16 luglio 2018, 10:43

Stefano Deliperi del Gruppo d'Intervento Giuridico onlus giudica un atto dovuto la decisione di non autorizzare alcuna nuova cava sul Pizzo d'Uccello e lancia un invito ad escludere l'intera area del Monte Tambura dalla zona estrattiva.

"Il consiglio direttivo del Parco naturale regionale delle Alpi Apuane - esordisce - ha deciso (deliberazione n. 28 del 10 luglio 2018) di impartire la direttiva ai propri uffici tecnici e amministrativi relativa alla "'non concessione' di ulteriori autorizzazioni alle attività estrattive in esercizio o esercitabili nei bacini del Cantonaccio e del Solco d'Equi" (circa 40 ettari di territorio)".

"E' l'effetto della compresenza nell'area delle discipline di salvaguardia ambientale del piano del parco e del piano d'indirizzo territoriale (P.I.T.) con valenza di piano paesaggistico - spiega -.  Nessuna nuova cava sul Pizzo d'Uccello, ma pressochè un atto dovuto, qualsiasi trionfalismo appare fuori luogo".

"Curiosamente - incalza - la nuova cava al Pizzo d'Uccello "altera profondamente l'identità dei luoghi e presenta un rilevante impatto paesaggistico, naturalistico e geomorfologico", ma non lo altera, per esempio, l'altrettanto devastante Cava Cattani Lisciata, in comune di Fivizzano, recentemente autorizzata (pronuncia di compatibilità ambientale – P.C.A. n. 12 del 4 giugno 2018), pur essendo nel "Bacino marmifero di Equi". Così come perdurano i tanti inquinamenti e gli altrettanti abusi nelle attività estrattive".

"Gli organi direttivi del Parco e la Regione Toscana - conclude - vogliono davvero fare qualcosa di rilevante e incisivo per l'ambiente delle Alpi Apuane? Visti gli abusi riscontrati nella Cava Padulello (ordinanza sospensione lavori e ripristino ambientale n. 2 del 17 febbraio 2017), situata sul Monte Tambura a oltre 1.400 mt, visto l'introito ridotto del comune (Minucciano), considerando la sostanziale inattività della cava di cresta Piastramarina (P.C.A. n. 2 del 10 aprile 2017), - conclude - chiediamo al Parco, ai comuni interessati, alla Regione Toscana, al Ministero dei Beni e Attività Culturali di attivarsi nell'applicazione del P.I.T. con valenza di piano paesaggistico ed escludere l'intera area del Monte Tambura dalla zona estrattiva, cioè dall'area contigua di cava del parco naturale delle Alpi Apuane e inserirle nell'area del Parco vera e propria, dove l'attività estrattiva è preclusa".

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


venerdì, 30 ottobre 2020, 19:44

Ponte di Albiano, nuovi ostacoli: tutto il disappunto del sindaco

E' arrivata per ora solo informalmente ma molto presto perverrà anche formalmente, nei termini previsti dall'iter procedimentale, la pronuncia del consiglio superiore dei lavori pubblici. In essa sono contenute perplessità in ordine alla sicurezza delle rampe provvisorie da installare nelle more della costruzione del nuovo ponte definitivo


venerdì, 30 ottobre 2020, 17:17

Forza Italia su rimpasto di giunta: "Solita storia, uno scambio di favori"

Sul rimpasto di giunta voluto dal sindaco Gianluigi Giannetti, continuano a fioccare critiche da destra a manca. Il coordinamento comunale fivizzanese di Forza Italia, presieduto da Vittorio Marini, non ha mancato di dire la sua


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 30 ottobre 2020, 10:41

La Montagna e Padre Dionisio: un percorso per tutti fra Toscana e Liguria

Secondo una proficua collaborazione con gli enti, per la valorizzazione dei cammini tra i Parchi del mare e della montagna, l’associazione Mangia Trekking continua a sviluppare progetti relativi alla natura, ed alla promozione turistica dei territori


venerdì, 30 ottobre 2020, 08:34

Bufera sul sindaco Giannetti: anche "Sinistra unita" dice la sua sul caso Serafini-Gia

Com'è ovvio che sia, la revoca delle deleghe all'ormai ex assessore Diego Serafini ha acceso lo scontro politico. Dopo le dichiarazioni rilasciate a caldo dallo stesso Serafini e l'intervento del deputato di Italia Viva Cosimo Ferri, ora è la volta del gruppo "sinistra unita di Fivizzano"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 29 ottobre 2020, 17:27

Cosimo Ferri interviene a sostegno di Serafini contro il sindaco Giannetti che gli ha revocato le deleghe assessoriali

“Davvero poco opportuna la decisione del sindaco del Comune di Fivizzano, Gianluigi Giannetti, di revocare le deleghe all’assessore Diego Serafini in un momento difficile per tutti i territori ed i cittadini”. Questo il commento che arriva dal deputato di Italia Viva, Cosimo Ferri


mercoledì, 28 ottobre 2020, 19:39

L'assessore Serafini: "Il sindaco mi ha revocato le deleghe per accontentare il Pd"

Serafini era entrato in consiglio comunale con i civici e senza tessera di partito, alle ultime elezioni comunali del maggio di un anno fa. Recentemente si era avvicinato ad Italia Viva sostenendone la candidata alle regionali, Alice Rossetti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara