Anno 1°

martedì, 19 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Piano cave, Marchetti (FI): "No a nuove penalizzazioni per il settore marmo"

venerdì, 12 ottobre 2018, 09:53

«No a nuove penalizzazioni per il settore estrattivo apuo-versiliese: se il Piano cave dovesse andare avanti per come è ora in bozza senza i necessari correttivi invocati dai cavatori in queste ore, siamo pronti a metterci di traverso»: a partire all’attacco del documento messo in concertazione dalla giunta regionale il 24 settembre scorso è il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti che rigetta l’ipotesi di nuove limitazioni al comparto già afflitto per metodo e merito dal Piano paesaggistico approvato nel 2014.

«Per il lapideo – annuncia Marchetti – non siamo disponibili ad accettare altre limitazioni. E invece questo Piano cave, per come è in bozza, ne contiene eccome. Meno sicurezza sul lavoro, minor tenuta delle imprese apuo-versiliesi nel mercato interno ed estero, conseguenze occupazionali… in questa bozza c’è ogni presupposto per compromettere irrimediabilmente la salute delle aziende che operano nell’estrattivo ornamentale, le quali vengono sostanzialmente private della possibilità di fare libera impresa con limitazioni incompatibili con ogni prospettiva di sviluppo».

C’è un articolo, in particolare, ed è il numero 13, su cui l’attenzione di Marchetti si è fissata con preoccupazione: «Solo per le Apuane soglie minime al 30% dei quantitativi da destinare a trasformazione in blocchi, lastre e affini, lavori di scoperchiatura o di messa in sicurezza che non possono superare in termini volumetrici il 3% del volume autorizzato, soglie diversificate di quantitativi minimi per i differenti materiali ornamentali: i contenuti dei vari commi dell’articolo 13 sono un colpo al settore. Da un lato si inibisce la possibilità per i cavatori di ottenere le autorizzazioni, poiché le soglie storiche dei quantitativi minimi si attestano intorno al 21- 22% e i lavori di messa in sicurezza non possono contenersi in un numero, ma devono rispondere alle esigenze di tutela dei lavoratori. Dall’altro si generano condizioni di disparità a seconda dei materiali ornamentali coltivati, pur mantenendo una indistinta difficoltà di accesso alle autorizzazioni».

«A questo – continua Marchetti – va ad aggiungersi una stima di produzione dell’ornamentale che, per il ventennio 2019-2038, è fatta senza tener conto delle esigenze del mercato globale del marmo, ad esempio delle richieste dei mercati mediorientali, né delle potenzialità di produzione delle singole cave attestate dalle quantità storiche. Il Piano cave ignora totalmente il trend positivo del marmo ed è carente di una anche minima analisi del mercato mondiale dell’ornamentale. Le quantità del materiale da estrarre nel prossimo ventennio sono contingentate, solo per il marmo, in misura tale da non garantire nè sviluppo nè mantenimento dell’occupazione e della quota di mercato attuale. La scelta della Regione è inspiegabile, in quanto ci sono studi scientifici, commissionati all’Università di Siena, che classificano quella marmifera come una risorsa che non è affatto a rischio di esaurimento».

Insomma, secondo Forza Italia qui ci sono da rivedere i fondamentali: «Se una simile bozza andasse ad approvazione per come è adesso – rileva Marchetti – si metterebbero in ginocchio i cavatori e l’intero indotto. Non solo: si andrebbe a sottrarre la potestà pianificatoria degli enti locali, soprattutto quelli apuo-versiliesi, in favore di quella regionale. E noi su questo siamo pronti a dare battaglia».


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


venerdì, 15 febbraio 2019, 15:25

Arriva un altro week- end di sole e neve

Continua la stagione dello sci su tutta la montagna toscana e si annuncia un altro week end con neve e sole. Le temperature sono gradevoli e la neve in pista è dovunque sufficiente a garantire una buona sciabilità


venerdì, 15 febbraio 2019, 12:00

Alunni in visita al Centro di socializzazione handicap di Quercia

Una bella mattinata per stare insieme e imparare che la diversità è un valore. E’ l’esperienza che hanno vissuto i bambini della classe IV^ della scuola elementare di Serricciolo di Aulla, che, insieme alla loro maestra Norina Bertolini, hanno condiviso un po’ di tempo con gli ospiti del Centro di socializzazione...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 13 febbraio 2019, 12:52

Quinta sessione Startup School Lunigiana: economia, finanza e business al Salone Voltato di Villafranca

Procede a vele spiegate il progetto “Startup School Lunigiana”, il primo pre-acceleratore di startups della Lunigianaorganizzato e promosso da Lions Club Pontremoli Lunigiana e Rotary Club Lunigiana


mercoledì, 13 febbraio 2019, 08:53

In Lunigiana l'incontro "Overtourism e Turismo Responsabile. Esperienze a confronto"

Saranno parte attiva dell'incontro gli studenti universitari del corso di Laurea di Scienze del Turismo di Fondazione Campus e gli studenti di alcuni istituti superiori che hanno aderito all'iniziativa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 11 febbraio 2019, 21:55

"Chiedi ai tuoi professori cosa sono le foibe"

Come tutti gli anni, il 10 febbraio, i militanti di Lotta Studentesca, movimento giovanile di Forza Nuova, hanno affisso davanti alle scuole di decine di città uno striscione recitante "Chiedi ai tuoi professori cosa sono le foibe"


domenica, 10 febbraio 2019, 09:57

Promozione di un territorio ideale anche per la Montagnaterapia

Appare interessante osservare, che l’alpinista Mara Giusti, da anni frequentatrice della vasta area delle catene montuose italiane, e premiata per le sue attività tra le vette, dall’indimenticabile alpinista italiano Mario Merelli, oggi propone a tutti, il vivere e praticare il suo sport, nei territori dell’Appennino Tosco Emiliano


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara