Anno 1°

lunedì, 22 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Il grido disperato di una giovane madre vittima di stalking da parte dell’ex compagno: “Non so più cosa fare!”

giovedì, 6 dicembre 2018, 15:28

di vinicia tesconi

Ha affidato la sua disperazione ad un post, comparso sulla sua  pagina facebook, una giovane donna residente in Lunigiana, madre di due bambine, da mesi vittima di aggressioni verbali, minacce e stalking da parte dell’ex compagno. Una storia come tante la sua, iniziata come un grande amore, coronato dall’arrivo di due bambine e poi trasformata in un incubo le cui conseguenze potrebbero diventare addirittura drammatiche. La giovane mamma, dopo un rapporto durato nove anni con il compagno, un uomo di origine marocchina residente in Italia da oltre trent’anni, non riesce a trovar pace per sé e per le sue figlie a causa dei continui  scontri con l’ex compagno che la rivendica come una sua proprietà. La ragazza ha denunciato diverse volte la persecuzione di cui è oggetto, e, al momento, è seguita da un avvocato nell’ennesimo processo a carico dell’uomo per il suo comportamento aggressivo e minatorio nei confronti della ex compagna. Ma nonostante le denunce e gli interventi dei carabinieri, nessun provvedimento cautelativo è mai stato preso nei confronti dell’uomo che,addirittura, ha ancora il permesso dal tribunale di poter tenere le figlie in alcuni giorni della settimana, in base all’affidamento congiunto riconosciuto ad entrambi i genitori.  Abbiamo raggiunto la giovane madre  al telefono e ci ha raccontato la sua angoscia: “ Non so più cosa fare . Due giorni fa  sono stata raggiunta dal mio ex  completamente ubriaco e forse anche sotto l’effetto di droga, mentre portavo le mie figlie in palestra e sono stata di nuovo aggredita con insulti e offese di ogni tipo, tanto che è dovuta intervenire una mia parente per cacciarlo via. Lui ha aspettato che uscissimo alla fine della lezione e appena siamo uscite ha ricominciato nello stesso modo. E questo succede in continuazione da mesi.  L’ho denunciato più volte ma non è mai stato emesso un provvedimento di allontanamento da me e dalle bambine, anzi, lui ha ancora l’affidamento congiunto anche se è evidente che ha problemi psicologici gravi oltre al consumo di alcool e droga. Ci sono già stati due processi ai quali non si è mai presentato e so già per certo che non si presenterà neppure a quello che è in corso.  Aveva l’obbligo di firma in caserma  due volte al giorno e invece gli è stato sostituito con l’obbligo di una sola firma presso la Guardia di Finanza. Oltre alle mie denunce, ce ne sono  altre fatte dai carabinieri ai quali ha lanciato pietre e fatto minacce ogni volta che lo hanno arrestato e nonostante tutto non ha mai fatto un solo giorno di carcere. E’ in preda a una sorta di delirio per il quale crede di essere Dio in terra e di poter comandare su tutto e tutti. ”. Le ultime righe del post della giovane fanno rabbrividire: “Cosa devo fare, qualcuno me lo dice?Me ne devo andare? Devo scappare? Perché? O lo ammazzo io o mi ammazza lui: è a questo che dobbiamo arrivare?E’ questo che la nostra cara legge ci porta a fare…” . Un grido di dolore che deve essere accolto e ascoltato in tempo da chi ha il potere di impedire che un’altra storia d’amore finita male, diventi una tragedia.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


giovedì, 18 aprile 2019, 18:20

Terrarossa di Licciana Nardi: ANFFAS MS inaugura il nuovo centro diurno di salute mentale "Raffaello"

Stamani, dopo il convegno "Riabilitazione, progetti di vita e percorsi individualizzati nella disabilità intellettiva e relazionale: il modello della Lunigiana", che si è tenuto al Castello di Terrarossa,  si è inaugurato il nuovo centro diurno di Salute mentale "Raffaello"


giovedì, 18 aprile 2019, 09:31

Colesterolo, controlli gratuiti alla farmacia comunale di Fivizzano

La provincia di Massa-Carrara, secondo i dati dell’Agenzia Regionale di Sanità, è uno dei territori della Toscana dove le ospedalizzazioni per malattie circolatorie sono più alte. Visti questi numeri risulta sempre più chiaro quanto siano importanti la prevenzione e i controlli che proseguono nelle farmacie comunali di Nausicaa Spa (ex-Apuafarma)


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 17 aprile 2019, 14:10

Domenica torna la Mangialonga Fivizzano

La prima delle tre mangialonga del 2019 interesserà la Valle del Lucido con partenza da Gragnola in direzione Castello dell’Aquila proseguendo per Fazzano, Mozzano e arrivo a Gragnola. Le Alpi Apuane saranno la perfetta cornice dentro la quale si snoderanno i partecipanti che potranno gustare autentiche prelibatezze preparate con cura...


martedì, 16 aprile 2019, 12:25

Fibra ottica ad Apella, Bugliani interroga la giunta

Manca la fibra ottica ad Apella, frazione di Licciana Nardi. Non risultano infatti i effettuati i lavori di estensione dei cavi, che sembrerebbero essere fermi nella frazione di Tevernelle, distante circa 4 Km dalla località in questione.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 16 aprile 2019, 09:09

Truffe agli anziani, carabinieri incontrano le fasce deboli

Ieri pomeriggio i carabinieri della compagnia di Pontremoli hanno incontrato gli anziani del comune di Filattiera, in uno dei tanti appuntamenti dedicati alle fasce deboli della popolazioni organizzati dai carabinieri


sabato, 13 aprile 2019, 09:49

Licciana Nardi, adottato il piano strutturale intercomunale

Consiglio comunale molto impegnativo presieduto con grande padronanza e fermezza dalla reggente Michela Carlotti. All'ordine del giorno l'approvazione del Piano Strutturale Intercomunale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara