Anno 1°

mercoledì, 17 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana : bagnone

Danneggiano un querceto e dichiarano il falso nella domanda di taglio: 24 mila euro di multa al titolare della ditta

venerdì, 22 marzo 2019, 13:57

I carabinieri forestali hanno denunciato il titolare della ditta all’autorità giudiziaria per danneggiamento del bosco ed assenza di autorizzazione paesaggistica contestando una sanzione amministrativa di  quasi 24 mila euro.

Nell’ambito dei controlli svolti sul territorio del comune di Bagnone, i militari della stazione carabinieri forestale di Fivizzano hanno accertato in località Vallescura un grave illecito ambientale e paesaggistico. I forestali si sono trovati di fronte uno spettacolo desolante: non si trattava del “dichiarato” taglio di bosco ceduo, pratica comune nei nostri boschi né tantomeno di un intervento eseguito nel rispetto delle prescrizioni della Legge Forestale della Regione Toscana, ma del taglio indiscriminato di querce di alto fusto di oltre 50 anni di età e di oltre 40 cm di diametro medio, non ammissibile ai sensi della legge forestale ed  in violazione delle norme paesaggistiche ed ambientali.

Dagli accertamenti svolti successivamente, cui hanno partecipato anche il comandante la stazione Forestale di Massa e tecnici forestali dell’Unione Comuni Montana Lunigiana, da parte dalla ditta esecutrice è risultato il deposito di una “dichiarazione” di taglio ceduo, contenente dati del tutto errati circa l’ubicazione del bosco e, soprattutto, il tipo d’intervento e l’età delle piante che si intendevano tagliare. La ditta boschiva già nota ai carabinieri della tutela forestale della Lunigiana sinora non aveva commesso violazioni di tale gravità per l’ecosistema ed il paesaggio forestali.

Dalla “dichiarazione di taglio” presentata come previsto dalla legge forestale si ricava che sarebbe stato tagliato un bosco ceduo di Cerro dell’età di 30 anni su di una superficie di circa 7.500 m2;  e che il taglio non avrebbe comportato nessun impatto ed in breve il bosco sarebbe ricresciuto con aspetto del tutto analogo alla situazione precedente il taglio.

La realtà dei fatti era ben diversa. Infatti il bosco, a prevalenza di Quercia cerro e radicato in un fertile impluvio, per quanto accertato dai forestali non veniva tagliato da oltre 50 anni e le sue piante maestose costituivano una bella fustaia di cerro con esemplari ben distanziati, meritevole di essere mantenuta e tutelata tramite mirati e contenuti tagli diradamento per favorirne la progressiva rinnovazione.

La ditta boschiva, evidentemente allettata dall’ingente quantità di legna di pregio ricavabile dai grandi fusti di Cerro, ha invece effettuato un taglio a raso su una superficie risultata dai rilievi eseguiti con strumentazione GPS più del doppio di quella dichiarata, lasciando pochissime piante molto distanziate tra loro. Per accertare in modo completo e puntuale le violazioni da contestare sono stati necessari alcuni sopralluoghi che hanno interessato sia l’area tagliata sia quelle limitrofe, così da ricavare, tramite misurazione in aree campione, i dati necessari a determinare l’entità del “danno forestale” e della sanzione amministrativa da irrogare contestualmente alle violazioni penali. Dal rilievo puntuale della tagliata risulta l’abbattimento di 303 piante di alto fusto, la maggior parte di Cerro ma anche di Quercia roverella, con diametri dei fusti variabili da 20 fino ad oltre 50 cm.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


mercoledì, 17 luglio 2019, 13:20

L'essenza di Fivizzano dedicata alla Beata Vergine donata al vescovo di Massa Carrara

E' il simbolo spirituale e di comunità di un percorso culturale. Per questo il Profumalchemico della Rosa dedicato alla Beata Vergine e creato dall'artista dei profumi Anna Rosa Ferrari, è stato donato al vescovo di Massa e Carrara Monsignor Giovanni Santucci


lunedì, 15 luglio 2019, 09:38

Mangia Trekking: "Addestramento, equipaggiamento e conoscenza significano prevenzione e attività piacevoli"

Si è svolta una interessante attività didattica dell’associazione Mangia Trekking. Scopo dell’iniziativa confermare i concetti relativi alla tipologia di calzature da utilizzarsi in montagna


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 10 luglio 2019, 13:31

In dono al vicario l'essenza Rosa Mater da Fivizzano

Il suo nome è Rosa Mater. E' l'essenza profumalchemica della Rosa che sarà donata dalle autorità di Fivizzano al Vicario, durante la celebrazione della solenne messa per la festa della Madonna dell'Adorazione,  questa domenica 14 luglio alle 11, alla presenza del Vescovo di Massa e Carrara


martedì, 9 luglio 2019, 13:22

Esperienze di montagna: alpinismo lento notturno sul Gottero

L’associazione Mangia Trekking esprime soddisfazione per il risultato dell’ultima iniziativa sviluppata in montagna da alcuni suoi associati


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 7 luglio 2019, 12:31

Sul crinale dell’Appennino lo stendardo italiano

Un’altra significativa iniziativa dell’associazione Mangia Trekking sul crinale dell’Appennino Tosco Emiliano, tra Ventasso e Fivizzano


sabato, 6 luglio 2019, 12:47

Bonificato il “cimitero di auto" sequestrato in Lunigiana

Una buona notizia per il territorio: rimosse oltre 150 autovetture, le analisi escludono la contaminazione del suolo


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara