Anno 1°

mercoledì, 21 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Bonificato il “cimitero di auto" sequestrato in Lunigiana

sabato, 6 luglio 2019, 12:47

Era la fine del 2017 quando i militari della stazione dei carabinieri della forestale di Fivizzano e del gruppo carabinieri forestale di Massa Carrara, insieme ai tecnici dell'Arpat di Massa erano  intervenuti presso una nota concessionaria di auto con autofficina/carrozzeria della Lunigiana sul retro della quale, nel corso di anni, era cresciuto un "cimitero di auto" con decine di mezzi abbandonati, ammassati alla rinfusa ed esposti alle intemperie.

Era così scattato il sequestro penale dell'area e la denuncia a carico dell’attuale titolare dell'impianto per gestione irregolare dei rifiuti. Oltre alle auto abbandonate all'aperto, nei locali dell'officina erano stati rinvenuti rifiuti di vario genere, anche pericolosi (olii esausti, batterie, vernici, etc.) stivati alla rinfusa, senza rispettare le regole imposte dalle norme ambientali.

Il responsabile dell’attività si era però dichiarato sin da subito disponibile a rimediare ad uno stato di fatto frutto di anni di trascuratezza. Così, su disposizione della procura di Massa, sotto la direzione tecnica di Arpat ed il controllo del carabinieri forestali, nel corso dei mesi si è proceduto alla progressiva bonifica dell'area esterna, provvedendo a rimuovere ed a smaltire a norma di legge le carcasse di auto, recuperando le poche che avevano valore come auto d'epoca.

Parallelamente è stata sistemata anche la situazione nei luoghi di deposito e stoccaggio, provvedendo a sistemare adeguatamente sia i materiali che i rifiuti in attesa di smaltimento, separando questi ultimi per tipologie, etichettandoli con i codici CER e mantenendoli nelle condizioni idonee ad evitare possibili dispersioni e contaminazioni.

In questi giorni i lavori sono stati portati a termine e le analisi di suolo e sottosuolo hanno escluso ogni inquinamento. La comandante del nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Massa ha verificato, insieme ai tecnici Arpat, che la gestione dei numerosi rifiuti prodotti fosse ricondotta alla normalità, rispettando tutti gli adempimenti di legge.

Il titolare della ditta sarà ora soggetto alle pene previste dalle norme ambientali, applicate anche tenendo conto dell’impegno nell’adempiere le prescrizioni dell’autorità giudiziaria e del comune.

Una porzione della Lunigiana, il cui patrimonio è costituito soprattutto dai valori paesaggistici ed ambientali, è stata così recuperata da una situazione di grave degrado e potenziale pericolo. Un "lieto fine" frutto della stretta collaborazione tra differenti istituzioni sotto l’attenta regia dell’autorità giudiziaria.

Si allegano alcune foto relative alla situazione prima e dopo l'intervento di bonifica


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


mercoledì, 21 agosto 2019, 08:45

Lunezia Geografica, le attività e le proposte dell’Alpinismo Lento

Nei luoghi ove le genti del mare, della montagna e delle pianure sembrano appartenere ad un’unica comunità, l’associazione Mangia Trekking prosegue con l’ avanzare proposte “di cammino”


martedì, 20 agosto 2019, 15:33

Scoperta maxi piantagione di marijuana: arrestati un 44enne e un 39enne di Carrara

Un’intera piantagione composta da circa 200 piante di cannabis in pieno stato vegetativo è stata scoperta e sequestrata dai Carabinieri in una zona inaccessibile e isolata alla periferia di Fosdinovo. Per portare via le piante di marijuana dal luogo di coltivazione è stato necessario l’intervento di un elicottero.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 19 agosto 2019, 14:02

Casola in Lunigiana: si perde nel bosco, salva grazie ai carabinieri

Brutta avventura per una donna 50enne, originaria di Gramolazzo, uscita per cercare funghi nel bosco e ritrovata ore dopo nella località Ugliancaldo, a Casola in Lunigiana, grazie alle ricerche coordinate dai Carabinieri e condotte con l’aiuto del Soccorso Alpino 


sabato, 17 agosto 2019, 08:51

Incidenti sui sentieri, alcune raccomandazioni

Mangia Trekking sostiene la necessità di un abbigliamento adeguato al territorio, soprattutto per quanto riguarda le calzature ma anche i pantaloni, che dovrebbero essere preferibilmente lunghi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 15 agosto 2019, 16:57

Con la bici contro un'auto ferma:gravissimo anziano a Fosdinovo

Una gita in bici per Ferragosto è finita molto male per un uomo di 70 anni residente a Fosdinovo che stamani, verso le 11, è finito contro un'auto parcheggiata in via Gramsci a Fosdinovo


martedì, 13 agosto 2019, 15:46

Nove cuccioli introdotti illegalmente dalla Serbia per essere venduti “al nero”: intervengono i carabinieri

Nell’ambito di un’attività mirata a contrastare il fenomeno dell’introduzione clandestina di cuccioli di cane, i militari delle stazioni carabinieri tutela forestale di Massa e di Fivizzano sono intervenuti ieri mattina presso la stazione ferroviaria di Villafranca in Lunigiana dove era stata notata, nei pressi di un camper, la presenza di...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara