Anno 1°

giovedì, 23 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Dolce & Farina 2020: l'Appennino tosco-emiliano festeggia il suo oro

martedì, 14 gennaio 2020, 12:51

Sabato 18 gennaio alle 17 al Passo del Cerreto, presso il Ristorante Giannarelli, Centro visita del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, si svolgerà un 'Laboratorio gastronomico d'Appennino'. 

Protagonisti i produttori di castagne e i ristoratori del circuito a Km Zero della Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano. Nell'occasione si svolgerà il quarto 'Contest' tra i produttori di farina di castagne realizzata con metodo tradizionale sui crinali di Emilia e Toscana, monumento della tradizione che lega il territorio. Tre i momenti della competizione: l'analisi sensoriale del prodotto, a cura di una giuria di esperti; la degustazione delle farine concorrenti con piccoli assaggi prodotti dai ristoratori del circuito a Km Zero; la rivisitazione di un piatto della tradizione a cura di uno Chef rappresentativo dell'Appennino.

'Dolce&Farina' è l'evento dedicato alla filiera della castagna: un percorso antico che da sempre lega le comunità d'Appennino alle loro montagne. Per molti piccoli borghi il recupero dell''albero del pane - come veniva tradizionalmente chiamato il castagno  - e dei suoi frutti,  così come la riaccensione degli essiccatoi e le fasi di produzione della preziosa farina, rappresentano un ritrovato senso di comunità; un lavoro per tutti i mesi autunnali, fino all'inverno, che riporta le persone a stare insieme per un bene che torna ad essere collettivo. 

L'importanza di questo evento è proprio nella partecipazione delle tante comunità che vi si ritrovano, come spiegano gli organizzatori. "Se a Vallisnera e Civago, a Licciana Nardi e Casola, a Giuncugnano e Monchio delle Corti si riaccendono i metati dopo più di 50 anni, se da Cerreto Alpi, da Cecciola da Sassalbo, da Vaglie, si porta, a 'Doce&Farina, la farina di castagne prodotta, curata con sapienza e impegno, e se tanti produttori e "metatari", anche giovani, parlano della loro esperienza con passione e orgoglio dopo almeno 40 giorni e notti di lavoro per tenere acceso un fuoco che nel borgo non ardeva più da moltissimi anni, e raccontano l'emozione di combinare i saperi dei nonni con l'esperienza del fare, se un "gioco" come una gara per la miglior farina di castagna del nostro Appennino accende non solo ricordi, ma sentimento e orgoglio di appartenenza, allora vuol dire che la "civiltà del Castagno" forse può rivivere davvero."


Quanto la castagna e la sua farina siano importanti lo si vede non solo dal grande valore sociale, ma anche da quello economico. Un valore riconosciuto che per molti produttori è anche certificato dalla DOP.

La filiera, però, non si ferma alla produzione di farina, ma diventa creatività e tradizione nelle sapienti mani di chi, tra forni e fornelli, ne fa piatti prelibati. Sono questi profumi che i produttori e i ristoratori d'Appennino vogliono raccontare per aprire le porte delle nostre comunità a tutti.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


carispezia1


giovedì, 23 gennaio 2020, 20:29

Anziano disperso nei boschi di Villafranca

Immediate sono partite le ricerche coordinate dai vigili del fuoco del Comando di Massa  Carrara. Sul posto è arrivato anche  il personale TAS (Topografia Applicata al Soccorso) e il personale del nucleo cinofili proveniente dai comandi di Prato e Siena


giovedì, 23 gennaio 2020, 10:47

Pioggia di contributi per giovani start-up agricole, incontro ad Aulla

A Massa Carrara sono 144 aziende under 35 (+27%). L'incontro è in programma lunedì 27 gennaio ad Aulla


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 20 gennaio 2020, 16:30

Sette tavoli tematici, esperti e cittadini a confronto al Castello di Terrarossa

Favorire la partecipazione della cittadinanza alle scelte in materia di sanità è una delle ragioni per cui sono nate le Società della Salute in Toscana


lunedì, 20 gennaio 2020, 14:00

La precisazione dell’Asl sui professionisti nei due ospedali e sui medici di medicina generale nel comune di Zeri

Nell’incontro di Pontremoli, oltre alla questione della carenza di professionisti ospedalieri, una problematica comunque di carattere nazionale, si è discusso anche di medici di famiglia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 18 gennaio 2020, 13:49

Legambiente chiede 170 opere pubbliche per l’Italia: due priorità anche in Lunigiana

Sono 170 le opere pubbliche individuate da Legambiente per fare aprire i cantieri e rilanciare investimenti e occupazione


venerdì, 17 gennaio 2020, 18:47

Inaugurato il nuovo centro socio-sanitario di Caniparola di Fosdinovo

Inaugurato oggi il nuovo centro socio-sanitario collocato all'interno del "centro Palomar" a Caniparola di Fosdinovo, una struttura all’avanguardia e rispondente a tutti i criteri antisismici e di accreditamento


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara