Anno VIII

venerdì, 3 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Lunigiana

Ferri contro Giannetti: “Ieri rimosso Serafini, oggi sfiduciata la Fabiani, domani chiuderanno le cave?”

giovedì, 21 ottobre 2021, 16:23

di michela carlotti

Che a Fivizzano non corra buon sangue tra il PD ed Italia Viva si sa da almeno un anno quando, in occasione delle elezioni regionali, i due fronti sono scesi in campo da posizioni diverse e con propri candidati a sostegno del presidente Eugenio Giani.

Questa distanza ha avuto ripercussioni  all’interno dello stesso consiglio comunale fivizzanese dove Diego Serafini, in quota Italia Viva, fu destituito della delega assessoriale che il sindaco decise di trasferire a Giovanna Gia.

Molto acceso è stata poi, in quest’ultimo anno, lo scontro tra le due parti rispetto alle questioni sanitarie, fino ad arrivare ad un’altra aperta rottura che si è consumata durante il consiglio comunale di martedì. In quella sede il gruppo di maggioranza  ha, infatti, presentato una mozione di sfiducia contro il presidente del consiglio comunale, Jessica Fabiani che, come Diego Serafini, è in quota Italia Viva.

Quanto basta, dunque, a legittimare l’intervento dell’onorevole Cosimo Ferri, con una dura invettiva contro il primo cittadino Gianluigi Giannetti.

“La Giunta Giannetti è allo sbando: non ha idee, ne’ programmi, nasconde le criticità amministrative e l’assenza di una buona politica, attaccando sul piano personale e politico persone perbene che lavorano per la loro comunità con entusiasmo e passione”.

Ferri ripercorre le tappe: “E’ storia triste e nota che dapprima il sindaco ha revocato le deleghe all’assessore Serafini ed ora il suo gruppo di maggioranza  presenta una mozione di sfiducia contro il presidente del consiglio comunale Jessica Fabiani. Per quanto riguarda Serafini, tra l’altro, la regione Toscana ha impugnato la delibera del comune di Fivizzano con cui è stato adottato il PABE : l’incompetenza non era quindi di Serafini ma dello stesso sindaco!”.

Cosimo Ferri fa riferimento al ricorso al TAR che sarebbe stato proposto proprio in questi giorni dall’avvocatura regionale contro la delibera con cui il consiglio comunale di Fivizzano l’estate scorsa aveva approvato i piani attuativi di bacino estrattivo.

Fatto, quest’ultimo, vissuto da Serafini come una rivincita nei confronti dell’assessore Gia: “Ricordo che nel consiglio comunale dell’estate, tutti i consiglieri delle minoranze avevano fatto notare come la delibera presentasse profili critici. Eppure, Gia e tutta la maggioranza hanno voluto votare comunque l’adozione dei PABE”.

Con tutte le conseguenze anche economiche del caso che, qualora fosse accertato l’inadempienza  delle prescrizioni normative, potrebbero condurre alla chiusura fino ad emissione di sentenza dei tre siti estrattivi del Sagro, del Borla ma anche di Equi, nonostante quest’ultimo abbia un’altitudine inferiore ai 1200mslm.

“Mi chiedo poi – aggiunge l’onorevole Ferri  - perché il sindaco Giannetti  non usi la stessa determinazione avuta nel difendere l’ospedale di Fivizzano, nel chiedere chiarezza sul futuro della Don Gnocchi, perché  non stimoli il consigliere regionale Giacomo  Bugliani a mantenere la linea  tenuta in campagna elettorale con tanto di taglio del nastro”.

“Questo modo di fare politica ci ha stufato. Vogliamo fatti e non parole – conclude Ferri - nell’interesse di un territorio che merita molto di più di questi atteggiamenti da vecchia politica e lontani dalla gente che ha bisogno di tutte altre risposte”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Lunigiana


giovedì, 2 dicembre 2021, 11:23

A Podenzana un servizio di supporto all’uso delle piattaforme informatiche per over 65

Per offrire un aiuto ad utilizzare le app ed i servizi informatici della regione Toscana e dei servizi locali, sabato 4 dalle 9.00 alle 14.00 presso la sala consigliare del municipio di Podenzana, persone competenti e disponibili saranno a disposizione per dare un aiuto ai cittadini over 65


giovedì, 2 dicembre 2021, 09:29

Compra una 'Playstation 5' online, ma viene truffata: denunciato un salernitano

Questa volta a farne le spese è stata una 47enne di origine albanese, residente da anni nel Pontremolese. Il truffatore un italiano di origine salernitane di 26 anni, con una sfilza di analoghi precedenti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 dicembre 2021, 21:13

Grande evento nella storica dimora di Castelletto contro la violenza di genere

È stata un’occasione di grande ed intensa partecipazione, l’evento socio culturale celebrato nel fine settimana presso la sala principale della dimora storica del Castelletto di Podenzana


mercoledì, 1 dicembre 2021, 21:09

Società Ciclistica Villafranca, muore Carluccio Devali

Sin dalla fine degli anni '80 è stato tra i soci più attivi dello storico sodalizio ciclistico dell'alta Lunigiana, società nata nel 1987 ed affiliata Federazione Ciclistica Italiana dal 1988, meglio conosciuta a tutti come Bazzà Villafranca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 dicembre 2021, 13:03

Oltre 14 milioni di interventi previsti sui corsi d'acqua del territorio

Previsti ben oltre 14 milioni di euro destinati per i lavori di manutenzione ordinaria sui vari corsi d'acqua per la manutenzione del reticolo idrografico su tutto il territorio gestito dal Consorzio 1 Toscana Nord


martedì, 30 novembre 2021, 20:52

RetiAmbiente struttura la gestione unica del ciclo rifiuti per i prossimi 14 anni

Novità importanti arrivano in questi giorni sul fronte della gestione del ciclo dei rifiuti con la previsione, tra l’altro, di una società operativa locale in Lunigiana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara