Anno VIII

mercoledì, 28 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Ricorso europeo per difendere i valori naturalistici delle Alpi Apuane

martedì, 5 gennaio 2016, 14:31

L'associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico onlus ha inoltrato uno specifico ricorso per la salvaguardia dei valori naturalistici delle Alpi Apuane rientranti nella Rete Natura 2000, il sistema europeo delle aree naturali protette, posti in pericolo anche dalla presenza di disposizioni favorevoli all'eccessiva attività estrattiva contenute nel Piano di indirizzo territoriale (P.I.T.) con valenza di piano paesaggistico della Toscana. 

Coinvolta la Commissione europea, la Commissione "petizioni" del Parlamento europeo, il Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, la Regione Toscana. 

Alle Istituzioni comunitarie sono state fornite ampie documentazioni concernenti anche la perdita di biodiversità delle aree interessate dai fenomeni estrattivi, raccolte con cura da parte del Presidio GrIG delle Apuane

Nonostante la presenza del Parco naturale regionale delle Alpi Apuane e, soprattutto, di una zona di protezione speciale (Z.P.S.) e di ben dieci siti di importanza comunitaria (S.I.C.), tutelati rispettivamente dalle direttive n. 2009/147/CE e n. 92/43/CEE e rientranti nella Rete Natura 2000[1], l'area delle Alpi Apuane continua a esser in grave pericolo per le pesantissime conseguenze delleattività estrattive del marmo sia in termini di vero e proprio consumo del territorio che in termini di inquinamento dell'acqua e del suolo. 

Purtroppo, al contrario di quanto fosse lecito attendersi, il P.I.T. della Toscana, nell'area delle Apuane, consente l'ampliamento di attività estrattive preesistenti, l'apertura di nuove attività di cava nonché la riattivazione di cave dismesse anche entro i S.I.C. e la Z.P.S.

Infatti, nonostante gli aspetti negativi e la necessità di rapidi interventi di salvaguardia, l'area delle Alpi Apuane, rientrante in gran parte nel Parco naturale regionale delle Alpi Apuane, è ampiamente destinata ad attività di cava attualmente in corso o potenzialmente riattivabile o, addirittura, attivabile ex novo anche nel P.I.T., così come emerge dalla disciplina dell'Allegato 5 – Schede bacini estrattivi Alpi Apuane + 21 schede di bacino.[2]   Il censimento delle attività estrattive sulle Alpi Apuane condotto dall'Università degli Studi di Siena – Centro di Geotecnologie avrebbe portato a individuare ben 165 cave attive e 510 cave inattive. 

Si deve evidenziare, in particolare, che il P.I.T. toscano costituisce il quadro di riferimento territoriale delle procedure di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.) a cui sono sottoposti i progetti estrattivi e, in pratica, ne condiziona l'esito, favorevole all'estrazione del marmo. 

Per tali motivi, il P.I.T. è già oggetto di ricorsi giurisdizionali davanti ai Giudici amministrativi nazionali e, ora, sarà oggetto di esame anche da parte delle Istituzioni europee. 

Deve, inoltre, esser ricordato che dal 2014 la Commissione europea – Direzione generale "Ambiente" ha aperto la procedura di indagine EU Pilot 6730/14/ENVI "diretta ad accertare se esista in Italiauna prassi di sistematica violazione dell'articolo 6 della direttiva Habitat" a causa di svariate attività e progetti realizzati in assenza di adeguata procedura di valutazione di incidenza ambientale (V.INC.A.) in aree rientranti in siti di importanza comunitaria (S.I.C.) e zone di protezione speciale (Z.P.S.) componenti la Rete Natura 2000.   Nella primavera del 2015 la Commissione europea – Direzione generale "Ambiente" ha chiesto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Europee – Struttura di Missione per le Procedure di Infrazione nuove informazioni complementari, segnalando ulteriori contestazioni e indicazioni di attuazione (nota Pres. Cons. Ministri prot. n. DPE3253 del 27 marzo 2015).  Fra le ulteriori contestazioni è il caso CHAP(2012)2233 che"riguarda l'impatto ambientale delle numerose cave di marmo attive nel Parco regionale delle Alpi Apuane (Toscana) ... in particolare, relativamente alla cava Colubraia".

 

Piuttosto gravi, anche sul piano finanziario, sono le conseguenze di un'eventuale condanna da parte della Corte di Giustizia europea in seguito a procedura di infrazione per violazione della normativa comunitaria.

Il Governo Renzi e la Regione Toscana lo capiranno in tempo?

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 27 luglio 2021, 09:06

Simone Caffaz: "Noi siamo la cura della variante gamma della sinistra carrarese"

Prima uscita del candidato sindaco di Carrara per il centrodestra Simone Caffaz: non un vero e proprio evento pubblico, ma un incontro con la ristretta cerchia di familiari, amici e sostenitori alla presenza della stampa, in un locale di Marina di Carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 10:18

Verso le amministrative: al voto in autunno Bagnone, Montignoso e Pontremoli

Sono tre i comuni della provincia di Massa Carrara che andranno al voto in autunno: Montignoso, Pontremoli e Bagnone; sette quelli della vicina provincia della Spezia: Ameglia, Santo Stefano, Brugnato, Borghetto Vara, Rio Maggiore, Beverino e Zignago


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 10:08

Marco Battistini: "Affidarsi al proprio medico prima di vaccinarsi"

Marco Battistini, consigliere a Massa, in un comunicato, esprime un personale punto di vista in merito, mettendo come premessa che si astiene da qualsiasi commento scientifico, non essendo un medico o ricercatore e che la libertà individuale è un concetto importantissimo e che finisce laddove inizia la libertà di un'altra...


domenica, 25 luglio 2021, 10:11

Forza Italia non rinnova la tessera a Dei, Rivieri e Cipollini

Forza Italia, in un comunicato, annuncia di aver rigettato la tessera a Dei, Rivieri e Cipollini in quanto non aderenti agli ideali del partito


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 24 luglio 2021, 18:26

Gazebo per raccolta firme su eutanasia legale

I volontari per la raccolta firme eutanasia legale, Buselli Leonardo, Zubbani Davide, Arrighi Filippo, ad autenticare le firme il consigliere comunale Andreazzoli Giuseppina


venerdì, 23 luglio 2021, 14:11

A Massa manifestazione contro il decreto 'Green Pass'

A Massa è in programma per domani, alle 17.30, in Piazza Aranci, una protesta organizzata dal gruppo Rivoluzione Allegra che in un comunicato, spiega le ragioni della manifestazione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara