Anno 1°

giovedì, 18 gennaio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Sicurezza, legalità, appalti e opere pubbliche: il punto del Movimento 5 Stelle

sabato, 20 maggio 2017, 00:56

di elisa marroni

Oggi pomeriggio, presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Carrara, si è tenuta una conferenza organizzata dal Movimento 5 Stelle sui temi della sicurezza e della legalità di appalti e opere pubbliche. Presenti i consiglieri regionali Giacomo Giannarelli e Gabriele Bianchi, insieme all'ex ispettore della DIA Renato Scalia. Assente - per motivi di salute - il senatore pentastellato Mario Michele Giarrusso.

Giannarelli ha evidenziato - sulla base di un rapporto della Guardia di Finanza - come gli illeciti sugli appalti siano triplicati nel corso del 2016. "Per poter vincere la battaglia per la legalità è necessario" ha aggiunto "che gli amministratori abbiano le mani slegate e la fedina penale pulita": in questo senso, risulta essenziale che le varie Procure procedano speditamente e arrivino in fondo alle proprie inchieste.

"Se arriveremo in comune - ha poi concluso - busseremo spesso alla loro porta".

Secondo Bianchi "bisogna ripartire dall'educazione civica": è evidente che - da prima a dopo Tangentopoli - vi sia stato un cambiamento sulle leggi a discapito dei reati di corruzione e abuso d'ufficio, nonché la percezione di tali illeciti da parte della popolazione. Non solo: in certi comuni l'accesso agli atti risulta particolarmente difficoltoso, mentre è fondamentale che nel rapporto fra amministrazione e cittadini "tali accessi debbano avvenire nella massima trasparenza"."Incompetenti" così ha esordito Renato Scalia, riferendosi alle ultime leggi emanate dal governo Gentiloni in tema di sicurezza (in primis la legittima difesa "notturna", ndr). Ma il suo è un affondo sulla lentezza delle procure, con due esempi: il primo, riguardo il terremoto del 24 agosto 2016 - con 265 giorni per arrivare al primi avvisi di garanzia per il crollo del campanile di Accumoli - e il secondo riguardo il cedimento dell'argine del 6 novembre 2014 a Carrara (dove addirittura non vi sono rinvii a giudizio e probabilmente si arriverà alla prescrizione dei reati). La giustizia - secondo Scalia - deve andare fino in fondo, così come fecero a loro tempo i magistrati Falcone, Borsellino e Caponnetto quando mandarono alla sbarra più di 400 mafiosi. Scalia ha concluso affermando che "solo i cittadini possono cambiare questo sistema perverso".

Francesco De Pasquale ha aperto il suo intervento riferendosi agli ultimi avvenimenti di cronaca avvenuti nel territorio comunale (siringhe nei pressi delle scuole, veicoli incendiati, spaccio in Piazza Alberica, risse frequenti) per evidenziare la mancanza di sicurezza "nel quotidiano". Non solo: anche lo stato delle scuole (con un solo edificio provvisto di Certificato Prevenzione Incendi, ndr) o del torrente Carrione rappresentano un rischio per la sicurezza dei cittadini. Per il candidato sindaco pentastellato "la sicurezza a Carrara è un bisogno: l'impresa è impegnativa per poter affrontare i vari problemi, ma per il bene della popolazione non ci si può più tirare indietro". Infine, un accenno alla videosorveglianza della città: dal momento che non si conosce quante telecamere siano in funzione, è difficile stabilirne la loro reale efficacia. Aggiungendo a ciò le esigue risorse a disposizione, nonché le poche forze dell'ordine disponibili, è chiaro che la sicurezza ne risenta di molto. "Mancano i luoghi di aggregazione" ha concluso De Pasquale "e per questo certi ragazzi possono commettere stupidaggini per noia; tutto questo si combatte con la socialità e la creazione di punti di ritrovo. Il tessuto sociale è da ricostruire, ed è cosa fondamentale per una città.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


giovedì, 18 gennaio 2018, 10:32

Bernardi (Alternativa per Carrara) attacca i 5 Stelle sui beni estimati

Parte al vetriolo l’opposizione di Massimiliano Bernardi, leader di Alternativa per Carrara, entrato due giorni in consiglio comunale sugli scranni dell’opposizione, dopo la rinuncia di Andrea Zanetti, candidato sindaco della coalizione del Pd. Un attacco frontale sull’annosissima questione dei beni estimati apre la sua esperienza di consigliere dell’opposizione


giovedì, 18 gennaio 2018, 10:19

Pasticcio Imu, Benedetti crea una class action contro la Master srl e chiede la destituzione della dirigente

Delle diecimila notifiche relative al pagamento dell’Imu 2012 inviate in questi giorni dalla Master srl, società in house del comune di Massa, moltissime hanno presentato un reclamo perché inesatte. A segnalare il problema è il consigliere dell’opposizione Stefano Benedetti che ha sollevato in merito altri dubbi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 18 gennaio 2018, 08:54

Liberi e Uguali: "Su abusivismo e contraffazione, i 5 stelle si mostrano nel loro populismo più becero"

Il coordinamento carrarino di Liberi e Uguali attacca la giunta 5 stelle sul fenomeno dell'abusivismo commerciale e della contraffazione proponendo di spostare l'attenzione dagli ambulanti alle organizzazioni che li sfruttano


mercoledì, 17 gennaio 2018, 22:47

AmareMarina: "Carrara rinascerà solo se si tutela la costa"

Dariella Piolanti e Carla Gianfranchi di Amaremarina scrivono al sindaco rivolgendo ad esso un appello affinché tuteli il litorale di Marina di Carrara e i suoi residenti nonostante nelle linee programmatiche non ci sia cenno sul futuro della costa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 17 gennaio 2018, 13:21

Martinucci (Lega): "A Massa la sicurezza stradale è inesistente"

Dopo le ripetute segnalazioni e l'ennesimo incidente stradale, la Lega attacca l'amministrazione sulla mancanza di sicurezza sulle strade di massa, con un intervento del suo responsabile comunale Nicola Martinucci


mercoledì, 17 gennaio 2018, 11:39

C.A.R.C: “Condanna compagno Marco Lenzoni, sentenza politica”

Venerdì 12 gennaio si è svolta nel tribunale di Massa l’ultima udienza del processo in cui era imputato Marco Lenzoni, un infermiere che nel 2014 aveva partecipato ad una mobilitazione contro l’approvazione in parlamento del Jobs Act. E’ il Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza - per il Comunismo (CARC)...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara