Anno 1°

martedì, 14 agosto 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

AmareMarina: "Carrara rinascerà solo se si tutela la costa"

mercoledì, 17 gennaio 2018, 22:47

Dariella Piolanti e Carla Gianfranchi di Amaremarina scrivono al sindaco rivolgendo ad esso un appello affinché tuteli il litorale di Marina di Carrara e i suoi residenti nonostante nelle linee programmatiche non ci sia cenno sul futuro della costa.

Gentilissmo Sindaco,

Ci sgomenta che l’Ass. Andrea Raggi presente alla “prima” del progetto Porto Lab, non abbia spiegato ai piccoli scolari che il traghetto che stavano visitando, lo Stena Freighter,  periodicamente, sbarca nel porto di Marina un carico di bombe fabbricate in Sardegna, un carico di morte che, come denunciato dal suo collega del Movimento 5Stelle, il senatore Roberto Cotti, bombardano civili nello Yemen, uccidendo anche bambini!  Dovere etico di una Amministrazione è quello di condannare e deprecare lo sbarco di tale carico e di intraprendere ogni azione per inibire l’arrivo dei carichi di bombe nel nostro porto. Un porto che con l’arrivo dei traffici dei traghetti Grendi ha stravolto il lungomare di Marina di Carrara con i container che stanno crescendo a vista d’occhio, con  i residenti che  non riescono  a dormire la notte a causa dei rumori violenti della movimentazione dei container, con il paesaggio che  è inesorabilmente  devastato e deturpato.

Molti cittadini hanno   presentato degli esposti per segnalare i disagi  , ma non vi sono state risposte a tutela degli interessi di chi vive in questo territorio. Al contrario, sin da dopo le elezioni, è stato chiaro che le intenzioni della nuova giunta erano quelle di seguire pedissequamente le orme di quelle precedenti, in favore di un ampliamento dello scalo con addirittura la realizzazione di una nuova banchina e nuova darsena. Ciò, inevitabilmente porterà all’aumento dei container e al peggioramento della situazione. 

Mentre apprezziamo come il Sindaco si sia preso a cuore il problema delle cave e di zone come Anderlino, ci spiace constatare come si sia dimenticato dei problemi  della costa e di come essi siano sottovalutati in funzione di una visione dello sviluppo di questo territorio. Una visione monca e zoppicante, poichè i progetti appoggiati distruggeranno per sempre l’unica vera risorsa turistica della zona  che è quella del suo mare e della sua costa. Se non si capisce che solo un lungomare tutelato nel suo aspetto paesaggistico e nella sua bellezza, potrà essere la vera leva che farà  rifiorire il turismo, non si andrà  da nessuna parte. A nulla serviranno luminarie, trenini, giostre, filodiffusione, eventi. Con un lungomare orrendo, con file di lamiere, camion e ogni bruttura di questo genere, il turismo non può decollare. Sono anni che diciamo che in questo territorio non ci può stare tutto. Una scelta è necessaria. Favorire i traffici commerciali al porto significa portare all’asfissia economica questa città, come hanno fatto nè più nemmeno quelli che hanno governato prima di lei.

Prima di diventare Sindaco  lei era un cittadino che lottava contro i disagi dovuti alle polveri e al passaggio dei bisonti del marmo. In nome della tutela dei cittadini e dell’ambiente non ha esitato a prendere posizione per la chiusura di attività  di cava dannose. In nome della tutela della gente, dell’ambiente e del territorio non ha esitato a decidere di non far costituire in giudizio il Comune contro chi protesta. Ci sembra che tutto ciò, per coerenza e rispetto di tutti i cittadini, la dovrebbe indurre ad adottare le stesse posizioni anche nei confronti dei problemi che sta arrecando da anni il porto di Marina di Carrara così come gestito in funzione dei traffici commerciali e come si prospetta ancora nel futuro. Forse è per un mero senso di disagio nei confronti degli abitanti di Marina  che nelle linee programmatiche lette in Consiglio Comunale non c’è cenno sul futuro della nostra costa?

Come abbiamo già  fatto notare alle precedenti amministrazioni, non esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B e se Carrara deve rinascere, rinascerà  solo se si tutela la costa. Lei prima di diventare Sindaco contestava aspramente il modello di sviluppo adottato “ da quelli di prima”, era contro il consumo di suolo e la cementificazione selvaggia. Avendo fiducia nella sua coerenza, le rivolgiamo un appello affinchè non venga meno a quanto da lei sostenuto fino a quando era all’opposizione, a tutela del litorale  e dei suoi residenti.

 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 14 agosto 2018, 13:21

Lega: "Case popolari, prima agli italiani: approvata la mozione"

"La pacchia è finita!" così esordisce il capogruppo della Lega Nicola Martinucci dopo l'approvazione in consiglio comunale della mozione sui criteri per l'assegnazione delle case popolari


martedì, 14 agosto 2018, 09:23

Il pasticcio dell’area mercato delle Jare rischia di finire davanti a un giudice

A sollevare il problema del degrado in cui versa lo spazio del mercato ortofrutticolo delle Jare è stato il presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti, che   ha sempre tenuto alta l’attenzione sulla struttura sin dai tempi in cui era consigliere dell’opposizione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 12 agosto 2018, 10:25

Alternativa Civica: "Contrari all'approvazione del regolamento urbanistico senza alcuna modifica"

Così il gruppo di Alternativa Civica critica la decisione della Giunta Persiani di convocare in fretta e furia il consiglio comunale, per fare approvare le osservazioni dei cittadini al regolamento urbanistico, senza alcun approfondimento e verifica


sabato, 11 agosto 2018, 13:18

Piano di edilizia scolastica della Regione, Raggi: "I nostri progetti sono una risorsa"

L'assessore ai lavori pubblici Andrea Raggi replica così alle polemiche sollevate a seguito della pubblicazione della graduatoria per i finanziamenti dell'edilizia scolastica 2018-2020 pubblicata dalla Regione Toscana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 11 agosto 2018, 12:55

"Da bando delle periferie a periferie messe al bando": da Massa critiche al Governo

Alessandro Volpi, Uilian Berti, Giovanni Rutili, Gabriele Carioli, Silvana Sdoga, Mauro Fiori ed Elena Mosti del comune di Massa intervengono, con una nota congiunta, sulla questione del bando periferie


venerdì, 10 agosto 2018, 19:40

I progetti dell’amministrazione per l’edilizia scolastica finiscono in fondo alla lista dei destinatari dei fondi della Regione: per Lapucci ennesimo fallimento dei grillini

L’avevano annunciata come cosa fatta: la nuova grandissima rivoluzione nell’edilizia scolastica carrarese firmata 5 stelle che avrebbe dovuto garantire scuole veramente nuove e sicure per i ragazzi della città e invece è arrivata  la doccia gelatissima della regione Toscana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara