Anno 1°

martedì, 22 maggio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Musetti (FI) dopo i fatti di Macerata e di Carrara: "Ronde notturne di cittadini per la sicurezza sul territorio"

martedì, 13 febbraio 2018, 18:22

Si indigna, Gianni Musetti, di Forza Italia, per la feroce rapina che ha colpito la famiglia di un noto industriale del marmo e si indigna anche per la notizia che uno dei nigeriani accusati del massacro di Macerata sia stato per un periodo ospite di una struttura per rifugiati politici qui a Carrara. Ecco il testo integrale della sua lettera aperta che contiene anche la proposta per la creazione di ronde serali automunite composte da cittadini in aiuto alle forze di polizia:

“Un territorio in pericolo per sicurezza e legalità. Anche a Carrara una situazione senza controllo sui clandestini espulsi per reati gravi che sono rimasti sul territorio : si tratta di gente che non ha i requisiti per ottenere il permesso di soggiorno.  La maggior parte di questi soggetti riescono, infatti, a sottrarsi alla cattura dopo l'ordine emesso dal questore o dal giudice e il ministero dell'Interno non ha la più pallida idea di dove si trovino. A volte sulla stampa si legge che sono stati di nuovo arrestati e scarcerati perché la legge lo permette. È  di una settimana fa la cattura di un nigeriano ospite della struttura di accoglienza sita nel viale XX Settembre ( ex casa di riposo Villa dei Nonni ) trovato con una valigia di droga. Un fatto inaudito Invece che il nigeriano accusato di aver fatto a pezzi la ragazza di Macerata era uno dei richiedenti asilo accolti nel centro di Via Loris gestito da Arci. Il sottoscritto,  proprio in quel periodo, aveva messo in dubbio  che l’ appartamento di via Loris Giorgi fosse in possesso dell’ autorizzazione di casa famiglia per accoglienza diextracomunitari. Rimango stupito che Matteo Bartolini dell’ Arci racconti seraficamente di aver avuto come ospite Innocent Oseghale, spacciatore  ventisettenne, arrestato per aver massacrato, dissanguato e fatto a pezziuna ragazza di appena 18 anni. A Carrara era un soggetto positivo lo dice lo stesso Matteo Bartolini. La sua presenza  in Via Loris Giorgi in un appartamento di appena 100 metri che ospitava fino a 25 immigrati, fa venire i brividi.

 Non solo, in quel periodo il via vai di “ profughi”  gestito da Arci contava anche numerosi spostamento da altri centri in Lunigiana che venivano inviati negli SPRAR. A nulla erano valse le lamentele degli abitanti del Centro storico che denunciavano comportamenti vistosamente scorretti. Ci fu anche un accoltellamento tra due ospiti. Contro Oseghale voglio sottolineare che ci sono prove inoppugnabili della ferocia con cui ha ucciso. Tanto che ora dovrà rispondere di omicidio, vilipendio, soppressione e occultamento di cadavere. Ma l'orrore non è ancora finito. Dai primi riscontri è emerso che, prima di essere stata fatta a pezzi con arti tranciati, sarebbero fatte sparite le viscere e il cuore. Quest'ultimo particolare spingerebbe gli inquirenti a ipotizzare il rito voodoo. 

“Non avrei mai detto che potesse essere un soggetto disturbato o capace di fare quello di cui è accusato. Non è sempre comune, infatti, che le relazioni sugli ospiti dei centri di prima accoglienza siano positive” ribadisce Matteo Bartolini .

Di tutt’ altra idea l’associazione Gus, Gruppo Umano di Accoglienza di Macerata, 

che alla stampa ha dichiarato di aver allontanato l’ extracomunitario perché spacciava . La polemica sterile in questi casi non basta, occorrono forti e mirate azioni di ripristino della sicurezza e della legalità, sopratutto su questi centri di accoglienza, sperando e auspicando un intervento della Prefettura che controlli immediatamente la regolarità di questi centri e il controllo degli ospiti da parte di servizi sociali e forze dell’ordine.

Ma l’allarme sicurezza si fa sentire ancora più forte dopo quanto accaduto all’imprenditori Alberto Franchi. A lui tutta la nostra solidarietà, che non basta da sola a rispondere a questa situazione di insicurezza diffusa.

E infatti annunciamo la costituzione di ronde serali automunite per il controllo del territorio, a disposizione delle forze dell’ordine per segnalarvi tempestivamente strani individui e movimenti sospetti.

Diciamo che vogliamo creare delle pattuglie di cittadini volontari per la sicurezza, in completo sostegno della già grande azione messa in campo da Carabinieri e Polizia nelle ultime settimana, dopo l’escalation di furti e rapine nel nostro territorio.”

 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 22 maggio 2018, 10:51

Persiani: "Dobbiamo affrontare il tema della sicurezza sul lavoro"

Francesco Persiani, candidato del centro destra a Massa, torna ad affrontare il tema del lavoro focalizzando stavolta l'attenzione sulla questione relativa alla sicurezza


martedì, 22 maggio 2018, 10:48

Fenapi, appello ai candidati sindaco: "Ridare fiducia all’economia, alle imprese e alla gente"

Il circolo Fenapi di Massa Carrara scrive una lettera/manifesto aperto a tutti i candidati sindaco del comune di Massa chiedendo di ridare fiducia all’economia, alle imprese e alla gente


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 22 maggio 2018, 10:29

Angeli (Persiani Sindaco): "Massa diventi una città che rispetta i diversamente abili"

Manuela Angeli di Forza Italia, candidata al consiglio comunale per Persiani Sindaco, porta l'attenzione sul tema dell'eliminazione delle barriere architettoniche e punta il dito contro le passate amministrazioni


martedì, 22 maggio 2018, 09:09

Biagioni (Area 2018): "Ambiente e beni comuni, no alla direttiva Bolkestein"

Andrea Biagioni, candidato a sindaco di Area 2018, interviene sul tema dell'ambiente, dei beni comuni e sul "No" alla direttiva Bolkestein


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 21 maggio 2018, 17:45

Il Gruppo di Intervento Giuridico richiede la dichiarazione di “beni culturali” per le colonie Fiat e Olivetti

il Gruppo di Intervento Giuridico onlus intervengono in merito a le colonie marine comprese fra Marina di Massa e il torrente Lavello, che segnano il confine tra i comuni di Massa e di Carrara


lunedì, 21 maggio 2018, 17:23

Benedetti: "Smontato il teatro tenda, parco pubblico invaso da transenne e cavi abbandonati"

Ha dato la colpa agli impegni frenetici della campagna elettorale per giustificare la “ svista” del sindaco Volpi sull’area usata per ospitare il teatro tenda che ha fatto da sostituto del Guglielmi per la stagione teatrale ormai conclusa, che, da quando il teatro è stato smontato è diventata una sorta...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara