Anno 1°

lunedì, 10 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Alternativa Civica: "Contrari all'approvazione del regolamento urbanistico senza alcuna modifica"

domenica, 12 agosto 2018, 10:25

Una voce fuori dal coro: i consiglieri di Alternativa Civica, Barotti, Dell'Ertole e Menchini, manifestano la loro contrarietà alla approvazione, senza alcun esame e senza alcuna modifica, del regolamento urbanistico.

"Certo, il regolamento urbanistico, benché pessimo nei contenuti, dovrà essere alla fine licenziato e dovrà esserlo in tempi rapidi; ciò non esclude, tuttavia, che possa e debba essere incisivamente modificato, per lo meno nella parte delle norme generali in tema di cambi di destinazione, di superfici minime delle abitazioni e dei capannoni industriali, di interventi ammessi in aree Pime e in quelle verdi residuali. Sembra che incomba sul Regolamento urbanistico di Massa un ineluttabile destino: cambiano le amministrazioni, cambiano le maggioranze politiche, ma il risultato non cambia; l'urgenza, l'indifferibilità tengono sotto scacco il Consiglio Comunale, costringendolo a votare il Regolamento senza un'effettiva conoscenza dei contenuti e delle implicazioni".

Così il gruppo di Alternativa Civica critica la decisione della Giunta Persiani di convocare in fretta e furia il consiglio comunale, per fare approvare le osservazioni dei cittadini allo Ru, senza alcun approfondimento e verifica.

"Prima il Sindaco Volpi impone un tour de force in piena campagna elettorale, ora il Sindaco Persiani convoca il Consiglio addirittura il 13 agosto, nel bel mezzo del periodo feriale, scavalcando qualsiasi esame degli atti da parte della pur costituenda commissione urbanistica". Le date fatidiche sono il 4 maggio e il 13 agosto; gli atti sono la delibera 42/2018 del consiglio comunale a maggioranza centro sinistra e la proposta di delibera n. 79/2018 dell'amministrazione Persiani. Continuità nel metodo, continuità nei contenuti. Anzi, ripetizione dei contenuti, se è vero che la  proposta di delibera dell'amministrazione Persiani testualmente afferma di ripetere e fare propri i contenuti della delibera dell'amministrazione Volpi, salvi alcuni cambiamenti certamente peggiorativi, si crede imposti dall'ufficio pianificazione, che, per non sbagliare, dettano regole ancora più restrittive e, addirittura, eliminano la possibilità di realizzare due nuove unità alberghiere in zona Ronchi-Poveromo. Con buona pace  dello sviluppo economico del territorio e del miglioramento dell'offerta turistica. Le politiche urbanistiche della giunta del cambiamento riproducono esattamente quelle  delle vecchie giunte di centro sinistra: evidentemente, le idee di pianificazione urbanistica e di sviluppo del Sindaco Persiani coincidono con quelle del Sindaco Volpi, le opinioni dei giovani e arrembanti consiglieri del centrodestra sono uguali a quelle dei più navigati consiglieri del pd e di Leu. "La maggioranza di centrodestra metterà il fiocco sulle scelte urbanistiche delle vecchie amministrazioni di centro sinistra, per spedire poi il pacco così frettolosamente confezionato alla Regione Toscana!" Si dirà: la città aspetta il regolamento da decenni, piuttosto che  far passare altro tempo meglio approvare il pur pessimo, così lo ha definito in campagna elettorale il Sindaco Persiani, Regolamento partorito dall'amministrazione Volpi; tanto poi, rapidamente lo cambieremo! Duplice errore: in primo luogo, questo Regolamento, in forza degli articoli 230 e 55 della Legge regionale urbanistica della Toscana, rimarrà in vigore almeno per cinque anni dalla sua approvazione; in  secondo luogo, l'urgenza e la necessità di fare presto non erano e non sono  incompatibili con alcuni interventi mirati, di tipo chirurgico, sulle norme di carattere generale, al fine di agevolare gli investimenti e di dare impulso all'agonizzante economia locale. Ciò tanto più che le misure di salvaguardia restano in vigore e non vi è alcuna decadenza che incombe.

"Sembra esservi un filo sottile che unisce e accomuna l'operato della vecchia e della nuova amministrazione: la delega agli uffici della pianificazione comunali delle scelte urbanistiche, la rinuncia della politica a governare in prima persona i processi pianificatori". Questo regolamento, se verrà definitivamente approvato così come è oggi, si segnalerà per avere introdotto principi e regole più restrittive di quelle dettate dalla vigente normativa nazionale e regionale; provocherà la paralisi totale degli investimenti edilizi, sia nel settore residenziale, che in quello recettivo; costituirà un freno gravissimo allo sviluppo manifatturiero e turistico della nostra economia". I consiglieri di Alternativa Civica non si assumeranno una simile responsabilità, voteranno, in modo convinto, contro la proposta di delibera del Sindaco Persiani; lasceranno all'ex Sindaco Volpi e all'attuale Sindaco Persiani la responsabilità di avere dato alla città un simile frutto avvelenato. Assisteranno in consiglio comunale all'abbraccio e al voto congiunto dei consiglieri della sinistra e della destra nell'approvazione della delibera, chiedendosi come sia possibile che chi si è proposto alla città ed ha ottenuto il consenso per governare promettendo sviluppo ed occupazione possa sposare e fare proprie scelte e politiche recessive, senza neppure aprire un confronto ed un dibattito con gli ordini professionali, con i cittadini e con gli imprenditori. Sarà bene ricordare al sindaco Persiani che la fretta è nemica del bene e che i tecnici che fanno politica, di solito, pensano più che all'interesse generale a salvaguardare sé stessi. Il tempo è galantuomo e ci dirà chi aveva visto giusto".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 9 dicembre 2018, 12:12

Uil Fpl: "Sanità locale ferma al palo, promesse vuote"

Il segretario dei pensionati della Uil di Carrara e Lunigiana, Vittorio Geloni, lancia un attacco su tutti i fronti, alla politica locale e nazionale a seguito dell'ultima riunione del consiglio dell'organizzazione sindacale. Nel mirino, come sempre, ci finisce soprattutto la sanità


domenica, 9 dicembre 2018, 12:10

A Villa Cuturi assemblea pubblica Mdp con Miguel Gotor

Ricostruzione è la parola d'ordine dell'Assemblea Nazionale organizzata da Articolo Uno-Mdp che si terrà il 16 dicembre presso l'Auditorium Antonianum a Roma


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 9 dicembre 2018, 08:59

"La cresta Betogli va messa in sicurezza": Bernardi sottolinea l'importanza di salvaguardare il lavoro

Non solo una questione paesaggistica ma anche, e soprattutto, un problema per la sicurezza sul lavoro di moltissimi cavatori. Il consigliere di Alternativa per Carrara, Massimiliano Bernardi ricorda che il crinale del monte Betogli, ormai quasi interamente eroso dall'escavazione dei blocchi, necessita di una messa in sicurezza urgente


domenica, 9 dicembre 2018, 08:54

Pd: "Apuafarma, azienda risanata a precedenti scelte strategiche"

Il Pd di Carrara interviene in merito a quanto affermato dall'amministrazione comunale nei giorni scorsi a proposito degli straordinari risultati raggiunti in poco tempo dal nuovo management aziendale di Apuafarma


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 8 dicembre 2018, 19:59

"Carrarese, giocare a porte chiuse è stata scelta irresponsabile"

"Carrarese, giocare a porte chiuse è stata scelta irresponsabile". Lo sostiene in un comunicato l'amministrazione comunale di Carrara per invita la società a giocare ancora qualche partita casalinga su campi lontani da Carrara così da permettere l'adeguamento dell'impianto dello stadio alle prescrizioni previste


sabato, 8 dicembre 2018, 19:54

L’amministrazione a Bernardi: "Basta sciacallaggio sulla pelle dei lavoratori"

L'amministrazione comunale di Carrara bacchetta duramente il consigliere comunale Massimiliano Bernardi a proposito del rilancio dell'attività delle cave di marmo


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara