Anno 1°

domenica, 17 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Coordinamento 7 Luglio di Carrara: "No al Decreto Pillon"

giovedì, 7 febbraio 2019, 12:13

Il Coordinamento 7 Luglio di Carrara si schiera decisamente contro il disegno di legge: "Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bi-genitorialità", noto come ddl Pillon.

"Ne auspichiamo - esordisce - il ritiro ritenendolo lesivo dei diritti civili fondamentali della persona, profondamente dannoso per la qualità della vita e della crescita emozionale dei minori e rischioso per le donne che vogliono uscire da relazioni violente. Ritieniamo, inoltre, il suddetto decreto passibile di incremento del conflitto e dei tempi di separazione dei coniugi".

"Come componenti del Coordinamento 7 Luglio - spiega - riteniamo che chi lo sostiene sembra ignorare completamente, come se provenisse da un altro pianeta, che ad oggi  le disparità economiche  tra i generi in Italia sono pesantissime. Ci sconcerta notare, fra l'altro a questo proposito, che fra le firmatarie vi siano ben quattro donne! In questo decreto, infatti, con il pretesto di salvaguardare i minori e consentire una  bi-genitorialità, non si considerano i dati di realtà della società italiana ,dati per i quali: il 50,7% delle donne italiane non lavora fuori casa, occupandosi esclusivamente della famiglia (fonte Istat), il 40% delle donne che si dimettono dal lavoro fuori casa lo fa dopo la nascita dei figli (fonte: Ispettorato del lavoro), l'82,5% delle separazioni è consensuale (fonte Istat), e il 90% degli affidi è condiviso (fonte Istat), senza obbligo di mediazione familiare e di piano genitoriale che secondo il ddl Pillon dovrà essere, invece, previamente redatto con un mediatore privato e poi approvato dal giudice".

"Inoltre - prosegue - sono proprio i minori ad essere i più penalizzati. Costretti a subire inesistenti ed fantascientifiche attribuzioni di sindromi, come la Pas, senza nessun fondamento scientifico , con l'unico risultato di fare ai più deboli ulteriore violenza in una situazione, quale una  separazione, che altra attenzione e altra sensibilità dovrebbe avere. Considerata l'alta percentuale di separazioni consensuali e di affidi condivisi già garantiti dalla legge vigente, è semplice affermare che il ddl Pillon non è pensato per rispondere alle esigenze delle famiglie e che ha invece l'obiettivo  di avviare esclusivamente  una visione di mondo anacronistica,medievale e lesiva dei diritti umani fondamentali ad uso di quanto di più retrivo sta cercando di nuovo spazio nella nostra società. Scoraggiando separazioni e divorzi, che diventano in questa ottica possibilità solo di pochi chi "se li possono permettere", di fatto eliminando l'assegno di mantenimento per i figli e incrementando le possibilità di contenzioso tra i coniugi". 

"Il Coordinamento 7 Luglio - conclude - è decisamente contrario alla visione di società che il senatore Pillon vorrebbe restaurare ed avvierà prossimamente incontri ed iniziative sul territorio per approfondirne e divulgare la pericolosità di questo decreto ,sostenendo che la battaglia per la sua totale eliminazione deve e dovrà essere durissima. In questa occasione il Coordinamento 7 Luglio intende  promuovere anche a Carrara l'idea della  nascita di un Comitato No Pillon, invitando  chiunque si batta per i diritti civili, la tutela dei minori, delle donne, e comunque dei soggetti più deboli, ad un percorso condiviso di cui parlare in un incontro mercoledì 20  febbraio alle 18 presso il "Circolo  dei Baccanali" a Carrara, in via San Piero 3".

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 16 febbraio 2019, 19:24

M5S: Apuafarma risanata grazie alle competenze di un presidente senza conflitti di interesse

Il MoVimento 5 Stelle interviene sulle accuse rivolte ad Apuafarma dal consigliere Lapucci: i numeri dimostrano come la partecipata sia risanata grazie al lavoro del dott. Cimino e del CdA della partecipata


sabato, 16 febbraio 2019, 19:20

Forno crematorio, piena fiducia dell’amministrazione nei vertici di Apuafarma: “Lavoro eccellente”

L’amministrazione conferma e rinnova piena fiducia ai vertici di Apuafarma ed esprime la massima soddisfazione per l’eccellente lavoro svolto dal presidente Luca Cimino e dal consiglio di amministrazione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 16 febbraio 2019, 12:20

Apuafarma: “Assurdo quanto contestato dal consigliere Lapucci”

Il presidente di Apuafarma Spa, Luca Cimino, respinge al mittente le accuse arrivate dal consigliere di Forza Italia, Lorenzo Lapucci, in merito a una richiesta di accesso agli atti per l’acquisizione dei numeri del tempio crematorio del cimitero di Turigliano


sabato, 16 febbraio 2019, 12:05

Dell'Ertole (Alternativa Civica): "La nuova amministrazione non ha ancora spostato il mercato settimanale"

La capogruppo di Alternativa civica, Dina Dell'Ertole, ha presentato una interpellanza sul mercato settimanale del martedì, in centro storico, ponendosi in netta contrapposizione con la scelta dell'amministrazione comunale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 16 febbraio 2019, 09:11

Massa Città in Comune: "Maggioranza, espressione del capitalismo locale"

Massa Città in Comune interviene per commentare l'operazione di pulizia delle fontane della città e critica duramente la maggioranza in consiglio


venerdì, 15 febbraio 2019, 23:24

Amarezza e preoccupazione per la vicenda del clochard aggredito a Carrara: le parole di Elena Mosti, consigliera del comune di Massa

Tante le dichiarazioni ufficiali di sdegno e di condanna per l’aggressione subita da un senzatetto in pieno centro a Carrara. Infinite le polemiche sui social. Tra le molte voci che hanno voluto far sentire la loro costernazione per quanto accaduto c’è anche quella di Elena Mosti, consigliera dell’opposizione nel comune...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara