massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 24 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Consigliere Pd sputa sul monumento a Bellugi: per Benedetti è atto di inciviltà e offesa alla cittadinanza

venerdì, 22 marzo 2019, 19:03

di vinicia tesconi

Oggetto di polemiche sin dal primo apparire dell’idea, il monolite dedicato a Ubaldo Bellugi, poeta massese e podestà fascista, non sta affatto tradendo le aspettative sulla difficile accoglienza che avrebbe riscosso a un solo giorno dalla sua inaugurazione ufficiale. Già stamani su facebook è apparso un post di Stefano Alberti, consigliere del Pd, nel quale lo stesso consigliere annunciava di aver sputato sul monumento al poeta fascista.

La notizia è stata rimbalzata subito dal presidente del consiglio comunale, Stefano Benedetti, uno dei più strenui estimatori del Bellugi – ma solo in senso letterario, come più volte ha precisato – che ha denunciato il fatto alle forze dell’ordine e lo ha bollato come atto di grave inciviltà: “Sono rimasto costernato di fronte allo sfregio di Alberti che, in quanto consigliere comunale e quindi anche figura istituzionale, ha offeso in questo modo  tutta la nostra comunità e nel merito esprimo a nome di tutto il consiglio comunale la più ampia solidarietà ai parenti in vita di Ubaldo Bellugi. Vorrei chiarire che il vile e becero gesto del consigliere può essere assimilato al reato di vilipendio alla memoria, poiché nello sputare sopra la stele, dandone successiva pubblicità agli organi di informazione, ha offeso la memoria del poeta e di  tutti i suoi  parenti ancora in vita.”

Il consigliere Alberti, nel suo post, spiegava, tuttavia, di appartenere ad una famiglia che era stata perseguitata proprio dai fascisti che rispondevano agli ordini di Bellugi e di aver ascoltato i racconti di spedizioni punitive con manganelli e olio di ricino subite dai suoi parenti.

Il segno lasciato nella memoria della città di Massa da Ubaldo Bellugi è fortemente intriso del suo passato - mai rinnegato - di convinto fascista. Bellugi fu uno dei “picchiatori” che parteciparono ai fatti di Sarzana; governò Massa per oltre 11 anni, nella fase culminante e poi nel disastroso declino della parabola di Mussolini e approvò e fece eseguire sul territorio da lui amministrato le leggi fascistissime del duce. Poi fu anche un poeta dialettale, ma forse, per tanti massesi il ricordo del suo “nero” passato è ancora molto vivo e le ripetute assicurazioni arrivate dalla giunta di centrodestra e dallo stesso Benedetti sull’omaggio tributato solo al suo – peraltro non elevatissimo – valore letterario, non hanno convinto tutti.

Che il monolite – guardacaso il tipico monumento dell’esaltazione di onnipotenza fascista – a Bellugi fosse destinato a suscitare sdegno e polemiche non poteva certo non essere stato messo in conto dall’amministrazione che l’ha voluto.

Che uno sputo sia un atto vandalico, verrà appurato. Benedetti si è infatti augurato un intervento d’ufficio della magistratura e l’avvio di un’indagine tesa a denunciare ed a perseguire penalmente e civilmente il consigliere Alberti, per dare un chiaro segnale affinché non accadano più tali gravi ed incomprensibili azioni di vandalismo ed inciviltà nella città di Massa, arrivando fino a dichiarare che, in caso di nuove azioni di questo genere lui, come presidente del consiglio comunale si costituirà parte civile.

Che il gesto del consigliere Alberti sia un’offesa alla cittadinanza massese, invece, regge un po’ meno. Specialmente se paragonato alle azioni compiute da Bellugi quando era a capo delle squadracce fasciste di Massa.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 24 maggio 2019, 12:06

Sindaco e Asl: "L'inquinamento della falda in zona Sin/Sir non riguarda l'acqua del rubinetto"

Alla luce delle false informazioni che stanno circolando in città sulla scia delle notizie pubblicate in questi giorni relativamente ai dati sull'inquinamento delle aree Sin/Sir, il sindaco di Carrara d'accordo con l'Azienda Sanitaria Usl Toscana Nord Ovest fa alcune precisazioni


venerdì, 24 maggio 2019, 09:32

Il programma di Ferri per le Europee: "Stop immigrazione irregolare e semplificazione dell'accesso ai fondi Ue"

Si chiude oggi alle 18 a Pontremoli la campagna elettorale di Jacopo Ferri. Il candidato alle elezioni europee, l'unico lunigianese, ma anche l'unico della Provincia, espone sinteticamente il suo programma


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 24 maggio 2019, 00:05

Bernardi smentisce le accuse dell’amministrazione grillina sul caso “occhiali d’oro”

Bernardi smentisce le accuse dell’amministrazione grillina sul caso “occhiali d’oro” pagati dal comune e segnala un tentativo di modificare gli accordi esposti nella determina


giovedì, 23 maggio 2019, 17:57

"Arrampicata sugli specchi": così Baruzzo (FdI) ha definito la spiegazione data dall’amministrazione sui costi del maxischermo

Ha convinto molto poco la giustificazione resa pubblica dall’amministrazione grillina di Carrara dei costi e della loro responsabilità in merito al maxischermo per la partita Carrarese  di domenica scorsa. Di certo non ha convinto Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 23 maggio 2019, 17:18

Bonifiche e inquinamento, il Deputato M5S Riccardo Ricciardi annuncia l'arrivo in Consiglio dei ministri del disegno di legge “Terra mia”

Giannarelli (M5S): “In Regione ho fatto una battaglia durissima”. Senatrice Bottici (M5S): “La salvaguardia del nostro paesaggio per noi una priorità”


giovedì, 23 maggio 2019, 16:14

Caso-occhiali, il sindaco: "Anche Bernardi li fece acquistare quando era assessore"

Il commento del sindaco di Carrara Francesco De Pasquale in merito alle ultime uscite sulla stampa locale dell'esponente della minoranza Massimiliano Bernardi 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara