massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 24 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Marzo da record per l’asportazione delle terre

lunedì, 22 aprile 2019, 13:57

Il primo trimestre del 2019, con 237.661 tonnellate di terre asportate dal monte, ha fatto registrare il miglior risultato dal 2005 a oggi: mai nel corso degli ultimi quattordici anni il totale di materiale sceso dal monte al mese di marzo aveva raggiunto quantitativi così elevati. Si tratta di un risultato importante che conferma l'efficacia dell'impegno dell'amministrazione nel perseguire l'obiettivo di far incrementare l'asportazione di questi materiali, un fattore fondamentale dal punto di vista della sicurezza idrogeologica del territorio. Tra i primi provvedimenti voluti dall'amministrazione di Francesco De Pasquale c'è stato proprio quello dell'intensificazione dei controlli al monte sugli stoccaggi di terre: questo giro di vite ha innescato un circolo virtuoso che ha stimolato gli imprenditori a cercare nuovi e ulteriori sbocci di mercato per questo materiale, con conseguente aumento dei quantitativi scesi dal monte e miglioramento delle condizioni di sicurezza del territorio. 

I dati lo confermano. Nel primo trimestre del 2019 sono scese a valle un totale di 237.661 tonnellate di terre: 66.239 a gennaio, 90.038 a febbraio e 81.384 a marzo. Per ritrovare numeri simili bisogna andare indietro addirittura al 2005 quando nel primo trimestre vennero asportate 210.404 tonnellate. Tenendo a riferimento ancora il primo trimestre dell'anno, la svolta impressa dall'input imposto dall'amministrazione è particolarmente evidente se si vanno a leggere i dati più recenti: da gennaio a marzo 2014 furono rimosse solo 26.433 tonnellate, nello stesso periodo del 2015 appena 57.111 tonnellate, l'anno successivo 40.105 tonnellate e 29.851 tonnellate nel 2017. Tra il primo trimestre del 2017 e lo stesso periodo del 2018, quindi subito dopo il giro di vite sui controlli, i quantitativi sono più che raddoppiati passando da 29.851 a 80.787 tonnellate; tra il 2018 e il 2019, nello stesso periodo dell'anno, il materiale asportato è quasi triplicato, salendo da 80.787 tonnellate a 237.661 tonnellate. 

Il trend è confermato e ancora più evidente dalla lettura dei dati annuali: nel 2017 sono state asportate complessivamente 144.117 tonnellate a fronte di appena 97.346 tonnellate scese dal monte nel 2016; il 2018 si è chiuso con 419.060 tonnellate asportate, il miglior risultato dal 2013.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 24 maggio 2019, 12:06

Sindaco e Asl: "L'inquinamento della falda in zona Sin/Sir non riguarda l'acqua del rubinetto"

Alla luce delle false informazioni che stanno circolando in città sulla scia delle notizie pubblicate in questi giorni relativamente ai dati sull'inquinamento delle aree Sin/Sir, il sindaco di Carrara d'accordo con l'Azienda Sanitaria Usl Toscana Nord Ovest fa alcune precisazioni


venerdì, 24 maggio 2019, 09:32

Il programma di Ferri per le Europee: "Stop immigrazione irregolare e semplificazione dell'accesso ai fondi Ue"

Si chiude oggi alle 18 a Pontremoli la campagna elettorale di Jacopo Ferri. Il candidato alle elezioni europee, l'unico lunigianese, ma anche l'unico della Provincia, espone sinteticamente il suo programma


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 24 maggio 2019, 00:05

Bernardi smentisce le accuse dell’amministrazione grillina sul caso “occhiali d’oro”

Bernardi smentisce le accuse dell’amministrazione grillina sul caso “occhiali d’oro” pagati dal comune e segnala un tentativo di modificare gli accordi esposti nella determina


giovedì, 23 maggio 2019, 17:57

"Arrampicata sugli specchi": così Baruzzo (FdI) ha definito la spiegazione data dall’amministrazione sui costi del maxischermo

Ha convinto molto poco la giustificazione resa pubblica dall’amministrazione grillina di Carrara dei costi e della loro responsabilità in merito al maxischermo per la partita Carrarese  di domenica scorsa. Di certo non ha convinto Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 23 maggio 2019, 17:18

Bonifiche e inquinamento, il Deputato M5S Riccardo Ricciardi annuncia l'arrivo in Consiglio dei ministri del disegno di legge “Terra mia”

Giannarelli (M5S): “In Regione ho fatto una battaglia durissima”. Senatrice Bottici (M5S): “La salvaguardia del nostro paesaggio per noi una priorità”


giovedì, 23 maggio 2019, 16:14

Caso-occhiali, il sindaco: "Anche Bernardi li fece acquistare quando era assessore"

Il commento del sindaco di Carrara Francesco De Pasquale in merito alle ultime uscite sulla stampa locale dell'esponente della minoranza Massimiliano Bernardi 


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara