massautosin
massauto

Anno 1°

mercoledì, 17 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Preoccupazione per i dipendenti di CarrarFiere: il consigliere Bernardi chiede il bilancio 2018

lunedì, 17 giugno 2019, 17:19

Il 2017 ha lasciato un saldo negativo di quasi un milione di euro ed ha innescato un vero e proprio allarme lavoro per i 26 dipendenti di IMM, ai quali è giunta, oggi, la solidarietà del consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi che ha annunciato a breve un’interpellanza proprio nel merito delle rassicurazioni che l’amministrazione può dare ai lavoratori. “Non devono essere i dipendenti a pagare le scelte sbagliate di comune, regione e vertici di IMM.  – ha detto Bernardi - Da uomo della sinistra che ha ben presenti i valori del lavoro e dell’occupazione, voglio esprimere il mio sostegno ai dipendenti di Carrarafiere che, assieme a i sindacati, hanno espresso le loro preoccupazioni per il presente e per il futuro dell’azienda. Ritengo che dare sicurezza ai lavoratori rappresenti uno dei valori non negoziabili che tutti dovrebbero condividere.”. Bernardi ha poi ricordato che  la IMM ha avuto un “valore della produzione documentato nel bilancio 2017, pari ad  3.600.588 euro,   segnando una variazione di meno -12,10% e costi di produzione per  3.707.600 euro, con una variazione di meno -13,75%  dovuta, in parte a pensionamenti e dimissioni e che il Collegio sindacale ha certificato che il risultato netto è stato negativo per € 964.797. Bernardi ha anche lodato il senso di responsabilità  dimostrato dai dipendenti di IMM che nonostante la mancanza di un vero progetto di rilancio della società, la rinuncia alla fiera del marmo da parte dei grillini e dei vertici  dell’azienda e i miseri risultati raggiunti negli ultimi anni, sono rimasti ai loro posti. “Sono convinto – ha proseguito Bernardi – che  l’intera città abbia il dovere di chiedere chiarimenti in merito alla situazione economica e finanziaria di un’azienda che ha come principale azionista il comune di Carrara e la Regione Toscana che, al riguardo hanno saputo diffondere solo generici comunicati di rassicurazione.” Bernardi ha sottolineato la necessità di dati che sostengono le dichiarazioni di Matteo Martinelli, assessore alle partecipate e di Stefano Ciuoffo, assessore regionale, secondo i quali tutta la situazione sarebbe sotto controllo ed ha chiesto al sindaco e al presidente di IMM Fabio Felici di fornire le informazioni necessarie per valutare l’operato dei due assessori. Al sindaco, Bernardi, ha rivolto anche la richiesta di una risposta scritta sul bilancio 2018 ricordando sia le potenzialità non sfruttate dell’impianto di CarraraFiere sia l’investimento economico sostenuto dalla città per la costruzione dello stesso.

“ La fiera ormai – ha concluso Bernardi -  è diventata la location per un costoso e imbarazzante Maxischermo ed è stata trasformata in una succursale dell’ufficio turismo. Se queste sono le politiche aziendali le preoccupazioni dei dipendenti sono legittime e non basterà una festa della birra e le allegre trasferte all’estero dei dirigenti per dissipare le perplessità e le preoccupazioni. E’ necessario che il sindaco spieghi i motivi per i quali ha consentito di cancellare Fiera Internazionale Marmi e Macchine, commettendo un errore economico e politico gravissimo perché ha penalizzato le piccole e medie aziende, relegando la nostra città a semplice spettatrice di eventi organizzati da Carrarafiere per incartare monumenti anziché impegnarsi per mettere le nostre aziende in relazione commerciale con gli operatori di tutto il mondo. Come ho già detto in consiglio comunale è inutile approvare i PABE se non si pensa anche all’intera filiera che comprende anche il marmo lavorato.”.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 17 luglio 2019, 14:18

Completata l'adozione dei Pabe, De Pasquale: "Atti concreti per aumentare la resilienza del territorio"

L'intervento del sindaco Francesco De Pasquale a commento del completamento dell'iter di adozione dei Pabe


martedì, 16 luglio 2019, 12:46

Montesarchio rilancia sul taglio dei pini e indigna il comitato

A parlare è Florida Nicolai ma la voce è quella di tutto il Comitato in difesa dei pini di Viale Colombo che da un mese sta combattendo contro la decisione dell’amministrazione grillina di Carrara di tagliare le alberature storiche del viale a mare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 16 luglio 2019, 12:07

Asl, cambiano le regole sui prelievi ematici. Marchetti (FI): "Pazienti e infermieri piangono sul sangue non versato"

Ad annunciare battaglia è il capogruppo di Forza Italia consiglio regionale MaurizioMarchetti che sulla questione ha presentato alla giunta toscana un’interrogazione a risposta scritta chiedendo lumi sui fondamenti giuridici di una simile disposizione


martedì, 16 luglio 2019, 11:26

“Rivedete la legge Delrio sulle province e date loro certezze finanziarie”

Sono centinaia i sindaci che in tutta Italia hanno già firmato un ordine del giorno da inviare al Governo e al Parlamento per chiedere la revisione della legge di riforma delle Province, nota come legge Delrio, e per dare loro certezze finanziarie


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 15 luglio 2019, 12:30

Legambiente: "Tamerici di viale Da Verrazzano, diamo un taglio alle polemiche"

Legambiente Carrara risponde con una nota al gruppo di residenti che l'ha attaccata per essersi opposta alla potatura invasiva delle tamerici in viale Da Verrazzano


lunedì, 15 luglio 2019, 10:44

Left: “Nuove strutture per sport minori mentre stadio e camposcuola di Massa sono nel degrado"

A segnalarlo è il gruppo di Left,Maurizio Bonugli, Andrea Biagioni e Daniele Terzoni che si sono domandati, non senza una punta di polemica, se lo sport, a Massa, è davvero per tutti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara