massautosin
massauto

Anno 1°

sabato, 14 dicembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Panfietti candidato a capo dell’Erp col sostegno di 5stelle e Pd: per Bernardi sarà rottura col Pd

mercoledì, 17 luglio 2019, 15:20

di vinicia tesconi

Lo aveva denunciato alcuni giorni fa, quando era ancora a livello di voci di corridoio; adesso invece è ufficiale: l’amministratore unico uscente di Erp Luca Panfietti è candidato per la quarta volta alla carica di presidente dell’ente. Una situazione oltre il limite della vergogna, secondo il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, che stamani ha voluto illustrare lo scenario dell’imminente nomina dei nuovi vertici di Erp in un incontro con la stampa. “ Il 13 luglio  si è riunita la commissione del L.O.D.E composta da tutti i sindaci dei comuni della provincia per nominare il nuovo presidente – ha detto Bernardi – ma la decisione finale è stata rimandata per forti disaccordi interni sia sulla struttura della dirigenza politica di Erp, sia sul nome del candidato da votare.” Bernardi ha spiegato che in Erp si passò, due mandati fa, dal consiglio di amministrazione all’amministratore unico sotto la giunta Zubbani per ragioni di risparmio economico in linea con le direttive nazionali e che Luca Panfietti, da presidente del consiglio di amministrazione venne per altri due mandati nominato amministratore unico. Quindi per tre volte consecutive lo stesso incarico, che, tuttavia, dal 2015 non può essere ulteriormente reiterato per la legge Madia che impone al massimo due nomine consecutive. L’assemblea dei sindaci del L.O.D.E., secondo Bernardi, starebbe valutando la possibilità di tornare alla formula con il presidente e il consiglio di amministrazione – quindi un passo indietro nel tempo – e starebbe valutando la possibilità di nominare presidente, ancora una volta, Luca Panfietti.

“ La cosa che mi ha indignato – ha spiegato Bernardi – è che in queste manovre di strategia politica, per sostenere la nomina di Panfietti sia stato fatto un accordo tra 5 stelle di Carrara e Pd. Ogni sindaco vota in base alla quota del proprio comune all’interno del L.O.D.E.: il comune di Carrara ha il 39 per cento perché ha il maggior numero di alloggi popolari. Ma il sindaco di Carrara è dei 5 Stelle mentre Panfietti è stato nominato, in tutti e tre gli incarichi precedenti in quota Pd. A sostenere la sua ennesima riconferma sono i sindaci piddini di Montignoso e della Lunigiana mentre la rappresentanza del Pd di Carrara sarebbe assolutamente contraria ma non  ha possibilità di incidere sulla decisione finale. Credo che questa situazione sollevi moltissimi quesiti inquietanti: come si può pensare di nominare per la quarta volta una persona che riveste un ruolo pubblico da oltre nove anni ? Qual è la ragione per cui questa persona, che ha anche un lavoro in banca dal quale non ha mai preso aspettativa, ha bisogno di continuare a rivestire un ruolo di potere ? A Carrara c’è l’opposizione fatta dai consiglieri di vari partiti che cercano di opporsi insieme alla deriva dei 5 stelle che amministrano la città, ma, è evidente che c’è anche chi, pur nel Pd cioè nell’opposizione, rema contro, va fuori dagli schemi e pensa di poter fare nomine per conto proprio in accordo con la maggioranza grillina. Credo che in tutto questo il  pd abbia una  responsabilità grave.”

Bernardi, che è anche un dipendete Erp,  ha anche provato a delineare il quadro delle dinamiche che  stanno sotto a questa situazione: “ Fino a sei mesi fa, Panfietti non aveva palesato l’intenzione di proseguire il suo mandato a capo di Erp perché stava manovrando insieme al suo partito per ottenere l’incarico di amministratore unico in Gaia. Per qualche ragione gli accordi che dovevano portarlo in Gaia sono saltati e allora è tornato buono il ruolo di presidente di Erp.”. Bernardi ha voluto precisare: “ Panfietti, pur nominato in quota Pd, non ha esitato a sostenere Vannucci, nelle elezioni a Carrara  del 2017, dopo la rottura col Pd e allo stesso modo ha sostenuto Menchini nelle elezioni del 2018 a Massa. Al momento della vittoria dei 5 stelle a Carrara, avrebbe dovuto per coerenza, rimettere il suo mandato non essendo più in linea col partito dell’amministrazione, come ha fatto Fabrizio Volpi con Apuafarma. Invece Panfietti è rimasto al suo posto. Dal momento in cui io, che per tutta la durata del mio incarico politico come assessore nella giunta zubbani sono stato in aspettativa senza stipendio da Erp, sono rientrato al lavoro ho avuto modo di toccare con mano il modus operandi dell’amministratore unico e posso esprimere su di lui un giudizio di grande inadeguatezza politica.” . Bernardi ha fatto riferimento alla risposta data da Panfietti in merito al ritardo con il quale ancora non è stato concesso alle famiglie assegnatarie di entrare nelle case di Caina: “ La legge dice che appena le persone firmano un contratto e pagano gli oneri previsti per la casa popolare devono poter entrare subito nell’alloggio. Invece a Caina ci sono persone che hanno firmato il contratto da due mesi ma nessuno è ancora entrato. Panfietti ha usato come scusa la necessità di completare le assegnazioni per suddividere i costi condominiali ma questa è una stupidaggine perché nel caso di alloggi non ancora assegnati gli oneri condominiali sono sostenuti da Erp. La verità, invece, è che ci sono state infiltrazioni in alcuni terrazzi e sono necessari altri venti giorni per fare i lavori. Le famiglie che hanno pagato da due mesi e sono ancora fuori casa, costrette a pagare l’affitto altrove, stanno subendo un danno economico del quale potrebbero rivalersi su Erp. Se c’erano ancora lavori da fare le case non dovevano essere assegnate o, se vengono assegnate gli inquilini devono poter entrare subito.”. 

Le ragioni per le quali i 5 stelle di Carrara, rappresentati dal vicesindaco Martinelli in sostituzione del sindaco, vogliano mantenere Panfietti come capo dell’Erp non sono chiare nemmeno a Bernardi che ha rimandato i giornalisti a chiedere chiarimenti ai diretti interessati: Panfietti, scelto dall’odiato nemico Zubbani e nominato  per il Pd, al quarto incarico consecutivo, dovrebbe essere per i grillini la summa dei bersagli delle loro battaglie per la trasparenza, contro  gli intrighi di potere e contro l’attaccamento alle poltrone.

Bernardi ha sferrato un vero e proprio attacco al Pd, partito con il quale è stato da sempre alleato nell’amministrazione carrarese: “ Se fosse un partito serio dovrebbe dare un’indicazione politica ed esigere che tutti i sindaci eletti nelle proprie fila, le rispettino e non dovrebbe appoggiare un personaggio che ha palesemente preso le distanze dal partito stesso nelle ultime elezioni. Qualcuno, come il sindaco di Massa Persiani, per esempio, potrebbe essere stanco di assistere al giochino di alleanze tra il sindaco pd Lorenzetti e il sindaco 5 stelle De Pasquale che ha già portato alla nomina di De Pasquale a capo della conferenza zonale, storicamente assegnata a Massa, e che ora vuole mantenere Panfietti a capo di Erp. Questo tipo di manovre mi suscitano il vomito perché io mi adopero in tutti i modi per collaborare col Pd. Per questo motivo ho deciso di annunciare pubblicamente che se il Pd continuerà a sostenere la candidatura di Panfietti e costui verrà eletto, io toglierò il mio appoggio al Pd e non lo sosterrò alle prossime amministrative. “.

L’appuntamento per la nuova riunione del L.O.D.E è prevista per il 26 luglio: in quella data dovrebbe uscire fuori il nome del nuovo presidente o amministratore unico di Erp e si saprà anche se Bernardi uscirà dalla coalizione di centro sinistra.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 13 dicembre 2019, 17:45

“Massa Città in Comune ha infangato il presidente della Master Panesi”: la replica di Benedetti

La pioggia di cartelle esattoriali da parte di Master dopo la nomina a presidente di Corrado Panesi, vicino alla giunta di centrodestra, segnalata dall’associazione Massa città in comune non è piaciuta al presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti


venerdì, 13 dicembre 2019, 17:26

Dubbi di Bernardi su rielezione di Massari

Il destino del presidente Massari in Accademia sarà deciso dopo il 15 dicembre: il consigliere Bernardi lamenta la mancanza di aggiornamenti sulla questione da parte dell’assessore Raggi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 13 dicembre 2019, 16:28

Uil Fpl: "Vertenza Don Gnocchi, si apre spiraglio nella trattativa"

A renderlo noto è il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, che in queste ore ha incontrato il presidente dell'amministrazione di Palazzo Ducale


venerdì, 13 dicembre 2019, 14:47

Confartigianato: "Controlli emissioni lapideo, da Regione un documento tecnico farà chiarezza"

Una prima vittoria per la linea di Confartigianato Lucca e Massa Carrara, sostenuta anche da Confindustria Livorno – Massa Carrara. "Siamo speranzosi. Ora serve al più presto un chiarimento scientifico di Arpat. Pronti a collaborare alla stesura tecnica dell'atto"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 12 dicembre 2019, 19:20

Solito mercato settimanale spacciato per mercatino natalizio ad Avenza e a Marina e non in regola con le norme di sicurezza: la denuncia di Baruzzo di FdI

Banchi e furgoni che oscurano le vetrine dei negozi, traffico veicolare bloccato e residenti che ancora una volta devono spostare le auto per far posto ad una manciata di bancarelle ambulanti e dei soliti abusivi. Questo è quello che accade, a Marina e ad Avenza, nelle domeniche che dovrebbero essere...


giovedì, 12 dicembre 2019, 19:12

Il presepe torna... in comune a Massa: era ora

Da oggi fino al giorno dell'Epifania, al terzo piano del Comune di Massa, accanto alla segreteria del sindaco e agli uffici della presidenza del Consiglio, si può ammirare il presepe che quest'anno, per la prima volta, è stato accostato alle figure istituzionali del comune


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara