massautosin
massauto

Anno 1°

martedì, 12 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Uiltec: "Sanac, tutto o niente: altre ipotesi su Ilva sono un disastro da evitare"

venerdì, 8 novembre 2019, 15:41

"Il governo deve eliminare tutti i presupposti contrattuali di rottura per giusta causa, chiedendo con forza ad ArcelorMittal di rispettare gli accordi. Anche perché gli unici che da quest'operazione possono uscirne comunque i vincitori sono proprio in investitori del colosso internazionale: lo saranno se l'acquisto sarà remunerativo e lo saranno comunque con la chiusura di Taranto avendo eliminato dal mercato il più importante polo siderurgico europeo".

Lo sostiene il segretario della Uiltec Toscana Nord, Massimo Graziani, che partendo da questo presupposto economico, analizza poi la situazione di Sanac oggi estremamente critica e "con scarse possibilità di successo". Tre le ipotesi: "In caso di dismissione e disimpegno da parte di ArcelorMittal questo vorrà dire il rischio di finire in una posizione di isolamento, se non dovesse essere inserita nel pacchetto Ilva. Nel caso in cui la trattativa si sposti sui tagli lineari proposti lo scenario che si apre nei confronti dei 150 dipendenti Sanac rischia di essere altrettanto di lacrime e sangue. Infine l'ipotesi di mantenimento dell'area a freddo con la conseguente dismissione dell'area a caldo rappresenterebbe la fine per Sanac all'interno del gruppo visto che opera al servizio proprio delle aree a caldo".

E' evidente che a questo punto, dopo aver legato per 6 anni il futuro di Sanac a quello dell'Ilva di Taranto, tornare indietro diventa impossibile e l'unica soluzione plausibile nelle mani del governo è quella del 'tutto o niente', eliminando però ogni alibi alla multinazionale: "Il Presidente del consiglio, Conte, ha dichiarato che il problema dello scudo penale non esiste e che in realtà è un problema di carattere prettamente economico. I livelli produttivi attuali non coprirebbero gli investimenti con ArcelorMittal che ha già chiesto di tagliare il personale per un totale di 5.000 unità, riducendo di più di un terzo la forza produttiva e occupazionale di Ilva in Italia e del 50% della sola Taranto. Altra opzione sarebbe quella di conservare sotto il loro controllo l'area a freddo consegnando al governo e quindi ai commissari tutta l'area a caldo, più complessa da gestire  in termini di bonifiche  e investimenti, anche dal punto di vista giuridico – evidenzia il segretario Uiltec  -. Tutte proposte che per il governo italiano sono inaccettabili. E' anche vero che per Taranto servono investimenti importanti che richiedono tempo e l'iniezione di molti capitali. Gli scenari attuali non sembrano darci molta scelta perché dopo anni di attesa, di gestione ordinaria commissariale senza investimenti, il contratto di affitto di azienda è stato siglato solo 14 mesi fa. Di mezzo ci sono i mutati scenari economici e produttivi europei e mondiali, i dazi imposti da Trump, la contrazione del mercato europeo, lo stop della locomotiva Germania in termini di automotive e di manifatturiero, hanno fatto il resto".

Scenari complessi in cui si sono inseriti gravi errori politici e strategici "come la modifica dello scudo legale che avrebbe dovuto scadere nel 2023 e si è deciso di anticipare al 2019. Non sarà il vero motivo ma ha fornito l'alibi per la rescissione del contratto. Eliminiamo tutti i presupposti contrattuali di rottura per giusta causa perché non esiste un piano B – conclude Graziani -, neppure per Sanac. Non c'è più tempo, non ci sono le condizioni".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 11 novembre 2019, 21:52

Cisl sul Monoblocco: “Doveroso valutare bene le due soluzioni”

UST CISL e FNP CISL Toscananord – Massa Carrara ha quindi voluto esternare le sue valutazioni sulla vicenda Monoblocco nate solo dall’attenzione del sindacato all’assetto futuro della sanità territoriale intesa come l'insieme delle attività già svolte e presenti nella struttura


lunedì, 11 novembre 2019, 21:33

“Più attenzione agli ambulanti abusivi”: Baruzzo (FdI) saluta il nuovo assessore Macchiarini

La nomina dell’avvocato Giovanni Macchiarini a assessore al commercio e mobilità e traffico ha trovato riscontro positivo anche nel coordinamento locale di Fratelli d’Italia che ha voluto salutare il neo assessore, apprezzato per la sua notoria serietà, ed anche invitarlo a scegliere una linea operativa diversa dal suo predecessore


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 11 novembre 2019, 19:16

Bertucci: "La Dermatologia di Massa Carrara, un’eccellenza che perde l’autonomia"

Matteo Bertucci, consigliere comunale di Massa del gruppo "Persiani Sindaco - Amministrare Massa" interviene in merito alla dermatologia di Massa Carrara


lunedì, 11 novembre 2019, 09:57

"Troppi voltafaccia sul Monoblocco": per Bernardi il sindaco deve dimettersi

E’ la bugia il tratto distintivo del mandato di De Pasquale come sindaco di Carrara, secondo il consigliere di Alternativa per Carrara, Massimiliano Bernardi che ha analizzato la gestione della vicenda Monoblocco da parte dell’amministrazione carrarese 5 Stelle


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 9 novembre 2019, 11:58

Svelato il mistero: l’avvocato Giovanni Macchiarini è il nuovo assessore al commercio del comune di Carrara

Nuovo assessore al commercio del comune di Carrara: si tratta dell'avvocato Giovanni Antonio Macchiarini. Tanta suspence per l'annuncio fatto dall'amministrazione 5 stelle


venerdì, 8 novembre 2019, 15:45

Nuovo contratto nazionale dei lapidei, Confindustria: "In primo piano sicurezza e welfare, approccio positivo"

Le trattative, alle quali anche Confindustria Toscana Nord ha preso direttamente parte, hanno chiuso per il livello C con un aumento di 97 euro, che verrà erogato nel corso del triennio in tre tranche, l'ultima delle quali a gennaio 2022


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara