massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 2 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Beni estimati: l’inconsistenza delle azioni di Giannarelli e De Pasquale secondo il consigliere Bernardi

venerdì, 14 febbraio 2020, 09:22

L’appoggio del consigliere regionale grillino, Giacomo Giannarelli, al sollecito sui beni estimati inviato dal sindaco De Pasquale al Parlamento non ha convinto il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi che ha voluto evidenziare le molte lacune di tutta l’operazione. Bernardi non è stato tenero nel riassumere la figura del consigliere regionale grillino: “Si è schierato a fianco del sindaco di Carrara sulla mozione sui beni estimati alla cui votazione lo stesso sindaco aveva scelto di astenersi, uscendo dalla sala consiliare, perché in disaccordo con la sua stessa maggioranza. Giannarelli, fatto fuori dai grillini toscani per la corsa alle regionali è il personaggio che ha negato la verità dei fatti,  e oggi sostiene  di essere “ soddisfatto per l’iniziativa del sindaco” che sarà il paladino della legge del Parlamento, nel pieno rispetto dell’atto approvato in consiglio comunale.”. Critiche di Bernardi anche sulla stessa che De Pasquale rifiutò di votare:  “ E’ una mozione di scarsissimo interesse e valore politico, studiata a tavolino al fine di rimediare malamente ai troppi errori del sindaco e del vicesindaco Martinelli sui  beni estimati, a cominciare dalla famosa frase della possibilità di deliberare in cinque minuti sulla loro riappropriazione. Sul tema quindi la maggioranza brancola a tutt'oggi nel buio confermando che la tesi sostenuta per anni dai grillini e cioè che l’operato dell’amministrazione precedente fosse a favore degli industriali del marmo era vergognosamente strumentale.”

Bernardi ha poi citato l’allegato A della recente delibera n°12 del Gennaio 2020 “ricognizione degli agri marmiferi" e fatto notare che nella relazione istruttoria del 20 gennaio 2020 lo Studio Legale Lessona si è guardato bene dal trattare i  beni estimati ed ha invocato  alla prudenza, tenuto conto del contenzioso ancora pendente tra il comune ed alcune imprese . Per questo motivo  la ricerca non ha inteso  interferire sui giudizi pendenti, posto che la ricognizione riguarda i soli agri marmiferi. “Ricordiamo che il sindaco De Pasquale ha dimostrato a tal proposito malafede anche rispetto alla legge parlamentare – ha continuato Bernardi -  perché prima di impegnarsi a sollecitare il Parlamento avrebbe dovuto “ ricercare e possedere “ il requisito fondante sui beni estimati,  espresso attraverso una ricognizione rigorosa degli stessi che ad oggi non c è.  A questo punto non è possibile dimenticare le superficiali promesse fatte in campagna elettorale su marmo e beni estimati, che avrebbero reso pubbliche tutte le cave e che finalmente  avrebbero azzerati tutti i privilegi del monte tacitamente autorizzati da ” quelli di prima".” Bernardi ha parlato di grande bluff in relazione all’operato di Giannarelli e De Pasquale  che avrebbero cambiato le regole della politica e invece del silenzio necessario in questi casi per scongiurare altre figuracce, hanno dipinto pubblicamente il caso della mozione dei 5 stelle carraresi come un’operazione montata ad arte ed intenzionalmente per travisare il comportamento di De Pasquale. “Invece di perdere tempo in solleciti che porteranno al nulla  - ha concluso Bernardi - avrebbe potuto riformulare una nuova trattativa con i proprietari dei beni estimati nell’interesse della città. In conclusione: il nulla tranne l'idea portata avanti in questi anni neanche tenuta tanto nascosta di chiudere definitivamente le cave che è la vera politica del  Movimento 5 Stelle locale.”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 1 luglio 2020, 22:55

Cermec: "Gli impianti non scaricano in acque superficiali"

Cermec smentisce il coinvolgimento delle proprie attività nei confronti dello stato del fosso lavello, che nei giorni scorsi ha allarmato cittadini e comitati


mercoledì, 1 luglio 2020, 20:27

“Ecco perché non manifesterò con gli ambientalisti”: parla Claudia Bieanimè

Faceva parte della squadra di collaboratori della sindaca Emilia Fazzi Contigli che nel lontano 1994 elaborò il primo regolamento degli agri marmiferi poi rivisto, contestato e modificato moltissime volte


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 luglio 2020, 20:26

Due milioni dalla Regione per guide turistiche e società sportive. Bugliani: “Importante segnale”

Il consiglio regionale ha dato il via libera a due leggi per contribuire a far fronte alla crisi economica conseguente all’emergenza sanitaria da Covid-19. I fondi vengono dalla quota libera dell'avanzo di amministrazione del bilancio 2019


mercoledì, 1 luglio 2020, 20:24

Campo rom al Lavello: Forza Italia incontra l’autorità portuale

L’ennesimo episodio di un’esplosione e un incendio avvenuto nel campo rom del Lavello ha portato una delegazione di Forza Italia a chiedere un incontro con l’Autorità Portuale di Marina di Carrara per cercare di risolvere un problema che si trascina da anni, mai risolto da nessuna amministrazione comunale precedente


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 1 luglio 2020, 20:21

“Sceneggiata dei 5 stelle sulla transazione Paradiso in consiglio comunale”: la Lega chiede coerenza e trasparenza

La clamorosa inversione di rotta dell’amministrazione 5 stelle, resa più eclatante dalla mania di fare sempre annunci stratosferici e autoreferenziati per ogni decisione amministrativa presa, non poteva non suscitare la pubblica condanna da parte del commissario della Lega Salvini Premier, Nicola Pieruccini


mercoledì, 1 luglio 2020, 11:47

Forza Italia Giovani fa partire una raccolta firme contro il degrado di viale Da Verrazzano

Sono state le tante segnalazioni di residenti  di viale Da Verrazzano a Marina, al limite della sopportazione, a spingere Lucian Martisca, coordinatore di Forza Italia Giovani Carrara, a far partire una raccolta firme per sollecitare un intervento di bonifica da parte del comune


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara