massautosin
massauto

Anno 1°

sabato, 28 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

FdI: "Troppi ritardi per diagnosi di dsa e bes"

mercoledì, 19 febbraio 2020, 12:22

I templi biblici per l'accesso ai servizi sanitari per la diagnostica e le visite specialistiche sono ormai all'ordine del giorno e quasi non fanno più notizia sebbene il problema sia particolarmente attenzionato dal coordinamento comunale di Fratelli d'Italia che puntualmente si fa portavoce di ogni segnalazione. Alla lunga serie di ritardi accumulati dal cup, secondo quanto riferito da Nicola Frediani, delegato alla sanità di FdI Carrara e Romina Baldoni, delegata alla scuola FdI Carrara, bisogna aggiungere anche i ritardi di dodici mesi che i cittadini possono riscontrare per ottenere certificazioni relative ai disturbi dell'apprendimento e del comportamento per i ragazzi delle scuole. 

"La gestione della sanità regionale è  fallimentare. - hanno fatto sapere Frediani e Baldoni - Abbiamo avuto segnalazioni di ritardi consistenti, anche un anno, nelle prenotazioni delle visite mediche diagnostiche per il disturbo specifico dell'apprendimento e per i bisogni educativi speciali.Questi disservizi vanno a creare un danno grave al percorso formativo dello studente. Non a caso la legge 170/2010 sottolinea l' importanza fondamentale della tempestività nell'individuazione dei casi sospetti delle difficoltà scolastiche. Viceversa si va a vanificare de facto ogni intento previsto dalla Legge, in quanto viene meno la possibilità di stilare il piano didattico personalizzato volto a favorire il successo scolastico dello studente. Non è cosa da poco, a nostro avviso si calpesta il diritto all'istruzione garantito dalla Costituzione. Pensiamo anche agli studenti stranieri che si trovano in difficoltà con la lingua italiana; se non garantiamo loro l'assistenza di cui necessitano, andiamo a privarli di un diritto e a porre in essere una discriminazione che, stupisce, dovere essere solo noi di Fratelli d'Italia a dovere segnalare.". I due delegati di FdI hanno anche fatto notare che molte visite vengono  assegnate in sedi fuori provincia per cui è lecito domandarsi se tale procedura non sia tesa a favorire le strutture private accreditate, che notoriamente abbreviano i tempi di accesso al servizio avendo però costi più alti. 

"Vogliamo altresì ricordare - hanno concluso Frediani e Baldoni - che la legge in materia prevede che i famigliari fino al primo grado degli studenti del primo ciclo dell'istruzione con certificazione di DSA e BES, abbiano il diritto di usufruire di orari di lavoro flessibili allorché impegnati con la struttura scolastica in un piano di assistenza alle attività didattiche da svolgere a casa. Anche in questo caso il disservizio costituisce un ostacolo al diritto del cittadino. Quindi, ci rivolgiamo al governatore Enrico Rossi e all'assessore alla Sanità della Regione Toscana Stefania Ricciardi affinché si mettano una mano sulla coscienza; il costo dei loro insuccessi non vada a ricadere sui nostri ragazzi andando a creare lacune nella formazione culturale ed educativa foriere di quella frustrazione che è propedeutica all'abbandono anticipato del percorso di studio.Non trovino scuse, si attivino affinché venga implementato, se necessario, il numero dei professionisti necessari alle strutture regionali quali neuropsichiatri, logopedisti, psicologi. I soldi ci sono.L'istruzione è un diritto costituzionale."


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 28 marzo 2020, 18:59

"Tanti malati con sintomi a casa a cui non vengono fatti i tamponi": Bernardi chiede chiarimenti

Moltissime sono le testimonianze di persone che chiedono l’intervento medico per sintomi da coronavirus conclamati  come febbre alta e tosse, ma che, non essendo in condizioni di grave ipossia, non ottengono il tampone che confermi la loro positività e vengono invitati a restare semplicemente in quarantena per far decorrere la...


sabato, 28 marzo 2020, 18:12

Code troppo lunghe ai supermercati: le proposte di Benedetti per risolvere il problema

Code di due, anche di tre ore per poter entrare all’Esselunga di Viale Roma a Massa. Situazione sostanzialmente identica per tutti gli altri supermercati del territorio fuori dei quali si formano code lunghissime che finiscono per diventare  nuovi assembramenti anche se si cerca di mantenere la distanza di un metro...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 28 marzo 2020, 14:25

Niente mascherine per gli autisti né sanificazione degli autobus: Benedetti chiama i N.A.S.

Ha atto un esposto in Procura per la condizione ormai estrema della sicurezza per operatori e passeggeri sul trasporto pubblico urbano e lo ha girato al Nucleo Antisofisticazione e Sanità dei carabinieri di Livorno


venerdì, 27 marzo 2020, 17:20

Assicurazione Covid-19: la proposta della Lega per tutti i dipendenti comunali e di Nausicaa

Sono quelli, fra i pochi ormai, che hanno continuato a lavorare per garantire i servizi essenziali e le attività ordinarie anche nel drammatico lockdown imposto dalla diffusione dell’epidemia da covid 19: sono i dipendenti comunali e gli operatori di Nausicaa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 26 marzo 2020, 20:58

Covid19, De Pasquale: «Sì alle uscite ma solo per i disabili gravi certificati»

Il sindaco Francesco De Pasquale: "Eccoci al momento del nostro aggiornamento quotidiano. Oggi purtroppo abbiamo avuto notizia dall’azienda sanitaria del decesso di un uomo di 87 anni. Ai suoi cari vanno il pensiero e il cordoglio dell’amministrazione e di tutti i nostri concittadini"


giovedì, 26 marzo 2020, 18:38

“Dilazionare tasse e tributi locali per andare in aiuto alla crisi economica causata dall’epidemia”: la proposta di Italia Viva Carrara

Sulla questione della scelta di approvare il bilancio in anticipo da parte dell’amministrazione 5 stelle si sono aperte varie polemiche


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara