massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 6 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

“Non tutte le cave sono chiuse”: Bernardi chiede l’intervento del sindaco per punire i trasgressori del decreto ministeriale

mercoledì, 25 marzo 2020, 17:53

La legge dettata dell’emergenza ha predisposto la chiusura di tutte le aziende che  non producono beni di primaria utilità comprendendo tra queste anche tutte le ditte che estraggono marmo dalle cave di Carrara, ma, a quanto riferisce il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, le nuove disposizioni di sospensione del lavoro non sarebbero rispettate da tutti gli imprenditori del marmo.

“De Pasquale predisponga immediati controlli su tutte le cave ed intervenga con le sanzioni previste contro  chi non rispetta l’ultimo decreto del governo – ha detto Bernardi -  L’amministrazione non  può agire in ordine sparso, senza una strategia mirata , perché questo comportamento può portare ad effetti negativi in termini di efficacia e tempestività degli interventi necessari per frenare il contagio.  Le nuove disposizioni bloccano tutto fino al 3 aprile per cui non è più sostenibile il silenzio e l'inefficienza da parte  del sindaco De Pasquale sulla chiusura totale delle cave. I cittadini mi informano che, purtroppo,  a tutt'oggi, non  tutte le aziende aderenti a Confindustria Massa Carrara, del settore lapideo sia in cava, sia al piano, hanno sospeso la propria attività. Anche quelle che, dopo l'incontro in Prefettura avevano predisposto piani e misure di sicurezza per i propri dipendenti, oggi devono rispettare il Decreto del Presidente del Consiglio perché ormai non ci sono più le condizioni  per andare avanti. Il sindaco a questo punto ha l'obbligo di predisporre controlli oltre che sui cittadini “disobbedienti “ anche sugli imprenditori del marmo “inadempienti" , e adesso più che mai ha il dovere di contribuire in ogni modo a rallentare la diffusione del virus che in città conta già troppi morti e contagiati.”. Bernardi ha riferito che  le cooperative Gioia, Lorano e Canalgrande ed anche altre hanno  deciso di fermarsi, mostrando di essere persone responsabili che, al fine di tutelare la salute dei  soci lavoratori, dei clienti, dei fornitori e dei loro familiari hanno preso questa importante e sofferta decisione, mentre  altre aziende sono ancora attive.  “ I vari casi di contagi verificatisi in molte aziende del territorio confermano che in questo momento la priorità resta la salute – ha aggiunto Bernardi -  anche perché purtroppo constatiamo ancora che non tutti rispettano le regole e questi comportamenti insensati possono portare un intera comunità a vivere un’emergenza senza precedenti. Da qui la richiesta chiara verso il Primo cittadino che ha la responsabilità a far effettuare più rigidi controlli alle cave e pretendere il rispetto delle  esigenze primarie di salute non più rinviabili.”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 5 agosto 2020, 17:46

Norme sulle cave, Fillea Cgil: "Gli interventi regionali hanno avuto l'obiettivo di trovare il difficile equilibrio tra ambiente e lavoro"

"I provvedimenti legislativi regionali in materia di cave e lapidei approvati dal 2014 in poi e gli strumenti di programmazione regionale come il piano cave sono stati essenziali per tradurre nei fatti nostre richieste storiche". Lo dichiara in una nota stampa la Fillea Cgil Toscana, Lucca e Massa Carrara


mercoledì, 5 agosto 2020, 16:58

“Vergognosa passerella di Rossi e De Pasquale al Monoblocco”: Bernardi chiede le scuse ai cittadini

Sfilata in clima elettorale su un immaginario tappeto rosso di vergogna: questa la sintesi, secondo il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, della visita del presidente Enrico Rossi e del sindaco Francesco De Pasquale al Monoblocco nel corso della quale, ancora una volta sono state disattese le promesse  stabilite dal Pal, Piano...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 agosto 2020, 16:46

“Isole ecologiche del centro storico come discariche”: la denuncia di Musetti e Martisca di Forza Italia

Solo pochi giorni fa hanno segnalato la situazione allarmante dei rifiuti abbandonati vicino ai cassonetti a Bonascola e oggi arriva una nuova segnalazione per l’identica situazione in cui versano le isole ecologiche del centro storico di Carrara


mercoledì, 5 agosto 2020, 14:35

Sanità a Massa Carrara: critiche del Comitato Primo Soccorso

Tacciati di campanilismo per aver, per l’ennesima volta, ricordato il rispetto dei patti istituzionali sulla sanità locale. Non ci sta proprio, il Comitato Primo Soccorso e Urgenza Carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 5 agosto 2020, 09:26

Teatrino acchiappavoti tra sindaco De Pasquale e governatore Rossi per accaparrarsi il merito della semidemolizione del Monoblocco: critiche della Lega

Stucchevole e fuori luogo: così Nicola Pieruccini, commissario della Lega Salvini Premier ha definito lo scambio di battute – per lui un teatrino a favore di campagna elettorale – tra il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale e il governatore della Toscana Enrico Rossi durante la visita al Monoblocco di...


martedì, 4 agosto 2020, 14:56

Bonifica Grotta, De Pasquale: "Intervento gestito con la massima attenzione"

Il sindaco Francesco De Pasquale risponde così alle illazioni di Fratelli D’Italia e conferma le numerose rassicurazioni rilasciate nei mesi scorsi dall’assessore all’Ambiente, annunciando che in ottemperanza alle indicazioni della Soprintendenza, l’amministrazione ha già programmato al termine dei lavori di scavo un sopralluogo sul posto da parte dell’archeologo incaricato


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara