Anno 1°

giovedì, 28 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

“Insensata la chiusura della scuola materna dell’Opa”: la protesta di Sinistra Anticapitalista

venerdì, 22 maggio 2020, 09:35

Una scelta scellerata, priva di senso e degna di un mondo capovolto: così il circolo Sinistra Anticapitalista Massa Carrara ha definito il progetto di chiudere la scuola dell'infanzia  interna all'Opa destinata ai bambini ricoverati e costretti a lunghe degenze.

“L'Opa è un'eccellenza assoluta della sanità toscana – hanno detto da Sinistra Anticapitalista -  un luogo dove si dimostra che il pubblico può funzionare e funziona. Una struttura punto di riferimento, e spesso di gratitudine, per tanti cittadini del territorio apuano e al tempo stesso luogo di approdo, di speranza e di cura da tutto il mondo. A Massa ci sono medici, tecnici e infermieri preparati, personale attento ai pazienti di tutte le età; si cura il cuore mettendoci il cuore anche nei dettagli dei giorni di degenza che in un Ospedale cardiochirurgico possono essere mesi. All'Opa c'è una scuola dell'infanzia e una scuola primaria. I numeri di bambine e bambini che frequentano la scuola sono importanti e sempre in crescita, sia dei bambini delle primarie sia di quelli più piccoli, sotto i 6 anni, della scuola dell'infanzia.”. Per Sinistra Anticapitalista la minacciata chiusura dell’asilo negherebbe ai bambini più piccoli un diritto importante e la possibilità di fruire un ritorno alla vita, alla socialità, ad uno spazio liberato dal lettino delle cure per una parte importante della giornata.

“L'insegnante di una scuola dell'infanzia è sempre più di un docente. – hanno continuato da Sinistra Anticapitalista -  In questo ospedale più che mai. Mentre l'emergenza Covid-19 mostra al mondo intero che bisogna ricostruire le priorità, mettere le persone al centro di tutto, potenziando la sanità ma anche il futuro di tutti noi attraverso la scuola, l'università, la ricerca, nel mondo capovolto delle priorità capitaliste, si tagliano le classi, il MIUR e tutto il governo impongono tagli rilevanti, sulla base di freddi indici di denatalità per i quali servirebbero meno classi, mentre nel mondo reale è evidente che, al contrario, ne servano di più ma con meno bambini, per consentire di studiare, meglio e in sicurezza anche dal punto di vista dei rischi di contagio.In questo scenario, l'ufficio scolastico regionale minaccia la chiusura della scuola dell'infanzia. Sinistra Anticapitalista non ritiene che debba essere tenuta aperta una scuola per chiuderne un'altra. Anche per questo siamo fermamente contrari all'intenzione annunciata di procedere, in Toscana e in particolare nella nostra provincia, a tagli insostenibili degli organici docenti: riteniamo, al contrario, la necessità di investire nelle scuole di ogni ordine e grado, iniziando con l'impegno per i soggetti più fragili, le bambine e i bambini più piccoli, quelli che affrontano il dolore e la malattia prima di tutti. Perché avremo un futuro tutti, grandi e piccoli, se avranno un futuro loro.”

Sinistra Anticapitalista Massa Carrara ha annunciato di attivarsi  immediatamente richiedendo ai consiglieri regionali di Toscana a Sinistra, di cui siamo parte, di esercitare la massima pressione verso la Regione Toscana affinché si impegni ad impedire che sia abbandonata un'attività importante come questa, un pezzo della qualità dell'esperienza straordinaria dell'Opa e parte integrante, oltre che del sistema scolastico nazionale di competenza del Ministero, anche del Servizio sanitario regionale.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 27 gennaio 2021, 19:30

Problemi di parcheggi e segnaletica: i residenti si rivolgono a Daniele Tarantino

Mancanza di parcheggi, di segnaletica adeguata, problemi di viabilità in alcune zone di Massa: i residenti si rivolgono a Daniele Tarantino, responsabile dell’associazione Insieme che raggruppa diversi comitati cittadini


mercoledì, 27 gennaio 2021, 19:26

Barotti: "Il piazzale davanti alla ex colonia Torino sia intitolato a ricordo del genocidio degli ebrei"

Il consigliere Barotti, in occasione della giornata della memoria, propone di intitolare il piazzale antistante alla ex Colonia Torino alle vittime dei lager nazisti e fascisti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 27 gennaio 2021, 19:20

"Erosione stato di emergenza e ancora si pensa di ampliare il porto?"

Così Orietta Colacicco, presidente dei Paladini Apuoversiliesi, discutendo della situazione ambientale della zona di cui l'associazione si occupa


mercoledì, 27 gennaio 2021, 16:33

Bernardi (Alternativa per Carrara): "La casa di riposo Regina Elena non è più in grado di reggere"

Massimiliano Bernardi torna ancora una volta sulla questione inerente alla gestione della casa di riposo Regina Elena: in  un comunicato, denuncia la gestione grillina della struttura per anziani, al centro delle polemiche per alcuni casi di Covid e per problemi legati al personale ivi impiegato


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 27 gennaio 2021, 15:31

Forza Italia Massa chiede uno stop all'ampliamento del porto di Marina di Carrara

Il coordinatore comunale di Forza Italia Massa Domenico Piedimonte ribadisce la posizione contraria del partito all’ampliamento del Porto di Marina di Carrara, sottolineando l’esigenza di convertirlo a favore della nautica da diporto


mercoledì, 27 gennaio 2021, 15:04

De Pasquale: “Sulla gestione delle reliquie solo notizie false. La Lega ha toccato il fondo”

Si apre così la replica indignata del sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale in merito alla gestione delle salme sollevata dagli esponenti del Carroccio


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara