Anno VIII

mercoledì, 28 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Marcheschi in visita al ponte di Avenza: “Abbassare l’alveo o dimezzare i tempi dei lavori”

sabato, 30 maggio 2020, 17:47

di vinicia tesconi

Su invito del coordinatore comunale di Fratelli d’Italia Lorenzo Baruzzo, è arrivato stamani ad Avenza il consigliere regionale Paolo Marcheschi per fare un sopralluogo sul ponte di Avenza, al centro di molte polemiche per l’annuncio dell’imminente partenza dei lavori di ristrutturazione voluti da Regione e comune. Insieme a Marcheschi e Baruzzo c’erano anche i rappresentanti delle associazioni dei commercianti di Avenza e degli ambulanti e diversi titolari di negozi della zona.

“Abbiamo fatto intervenire il consigliere regionale Paolo Marcheschi – ha detto Baruzzo -  che si era subito disponibile a venire qui, perchè siamo stati contattati da alcuni commercianti di Avenza preoccupati per l’abbattimento del ponte in via Giovan Pietro. Secondo i commercianti l’abbattimento e la ricostruzione del ponte, con i tempi necessari per ricostruirlo, dopo i tre mesi di lockdown causati dall’epidemia, darebbero il colpo fatale all’economia locale. Il ponte collega,, infatti  due zone del centro storico di Avenza in cui ci sono moltissime attività commerciali, per cui l’apertura di un cantiere sarebbe assolutamente deleteria. A quanto sembra, il sindaco avrebbe subito in maniera silente le decisioni prese dalla Regione in merito alla ricostruzione del ponte ma noi di Fratelli d’Italia avremo da proporre alcune soluzioni alternative a quella concordata da Regione e comune come ad esempio quella di abbassare l’alveo del fiume facendo quella manutenzione che non è mai stata fatta dalla sua ristrutturazione . Il sindaco ha detto di aver ascoltato le associazioni di commercianti e ambulanti ma, forse, se li ha ascoltati, non ha capito bene le loro istanze.”

“La programmazione dei lavori per rimettere a norma il ponte è saltata con l’evento del coronavirus – ha spiegato Marcheschi – che ha spostato le priorità. E’ chiaro che la priorità del momento non è buttare giù un ponte e ritirarlo su a breve, perché andrebbe ad aggiungersi alle problematiche che già stanno affrontando i commercianti della zona che vivono un momento di grande sofferenza. Lasciarli, nel periodo estivo con la quasi certezza di avere  la divisione del quartiere in due è un’altra botta notevole sulle loro possibilità di ripresa economica.  Noi concordiamo sulla necessità di fare i lavori, anche perché, nella precedente ristrutturazione  sono stati fatti male. Bisogna  sottolineare, infatti,  che non si tratta di un ponte antico costruito da secoli ma di un ponte ristrutturato solo 15 anni fa. Ci sono gravi responsabilità politiche per chi ha fatto il ponte in questo modo e c’è stata un alluvione che ha fatto danni molto gravi causata anche dalla struttura sbagliata del ponte. E’ meglio spendere  cinquantamila euro in più ma  assicurarsi  che l’opera sia fatta in modo corretto senza doverci poi ritornare sopra.”

Secondo Marcheschi ci sarebbero le condizioni oggettive per rivedere i termini temporali e quindi il momento in cui far partire i lavori. La Regione ha previsto un anno di tempo per l’avvio del cantiere e si era detta disponibile a iniziare i lavori a ottobre. Ma questa soluzione pregiudicherebbe il commercio nel periodo natalizio causando uguale danno ai commercianti locali. “Aggiungo un’ipotesi a quella proposta da Baruzzo relativa  all’abbassamento dell’alveo del fiume, derivata dal confronto con gli addetti ai lavori – ha continuato Marcheschi -  e sottoporrò entrambe all’attenzione dell’assessore regionale Ceccarelli, perché la questione dell’abbattimento del ponte deve prescindere da qualsiasi appartenenza politica . Secondo le previsioni per realizzare il rifacimento del ponte ci vorranno sei mesi. Oltre alla possibilità di abbassare l’alveo, ipotesi che la Regione  aveva scartato ma che, data la situazione che richiede tempi più brevi e interventi meno invasivi, potrebbe essere ripresa in considerazione e realizzata come è stato fatto a Carrara in zona Conad, si potrebbe valutare la possibilità di ridurre i tempi di ristrutturazione. Ne ho parlato con dei tecnici  e credo che si possa verificare se, con un costo aggiuntivo da parte della regione, sia possibile ottimizzare i tempi. Ormai siamo abituati a lavorare in emergenza: basti pensare al ponte di Genova. Si possono dimezzare costi,  procedure e tempi. I 700 mila euro necessari per i lavori ci sono, se la Regione ne aggiungesse altri 200 mila e i lavori venissero completati in due o tre mesi invece di sei, si potrebbe risolvere la situazione facendo partire i lavori a settembre con l’impegno di terminarli entro l’inizio di dicembre.” Marcheschi ha ribadito  l’impossibilità da parte della politica di pensare che tutto possa ripartire da dove era stato interrotto prima della pandemia.

“Il virus ha portato un ripensamento di tante cose – ha concluso Marcheschi -  e la politica deve trovare rapidamente  la migliore iniziativa per  non fare ulteriori danni.  Riparare al problema derivato da una eventuale prossima alluvione alla fine non deve creare ulteriori danni a un tessuto commerciale che in questi mesi è stato azzerato. Cerchiamo di salvare il salvabile sia il commercio,  sia il pericolo dell’alluvione. Vorremmo rimettere in discussione il problema anche se la decisione è stata presa. Le prospettive sono cambiate per colpa del virus: i lavori programmati sono stati spostati nel tempo e la politica deve decidere se questo è il momento opportuno per farli”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 27 luglio 2021, 09:06

Simone Caffaz: "Noi siamo la cura della variante gamma della sinistra carrarese"

Prima uscita del candidato sindaco di Carrara per il centrodestra Simone Caffaz: non un vero e proprio evento pubblico, ma un incontro con la ristretta cerchia di familiari, amici e sostenitori alla presenza della stampa, in un locale di Marina di Carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 10:18

Verso le amministrative: al voto in autunno Bagnone, Montignoso e Pontremoli

Sono tre i comuni della provincia di Massa Carrara che andranno al voto in autunno: Montignoso, Pontremoli e Bagnone; sette quelli della vicina provincia della Spezia: Ameglia, Santo Stefano, Brugnato, Borghetto Vara, Rio Maggiore, Beverino e Zignago


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 26 luglio 2021, 10:08

Marco Battistini: "Affidarsi al proprio medico prima di vaccinarsi"

Marco Battistini, consigliere a Massa, in un comunicato, esprime un personale punto di vista in merito, mettendo come premessa che si astiene da qualsiasi commento scientifico, non essendo un medico o ricercatore e che la libertà individuale è un concetto importantissimo e che finisce laddove inizia la libertà di un'altra...


domenica, 25 luglio 2021, 10:11

Forza Italia non rinnova la tessera a Dei, Rivieri e Cipollini

Forza Italia, in un comunicato, annuncia di aver rigettato la tessera a Dei, Rivieri e Cipollini in quanto non aderenti agli ideali del partito


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 24 luglio 2021, 18:26

Gazebo per raccolta firme su eutanasia legale

I volontari per la raccolta firme eutanasia legale, Buselli Leonardo, Zubbani Davide, Arrighi Filippo, ad autenticare le firme il consigliere comunale Andreazzoli Giuseppina


venerdì, 23 luglio 2021, 14:11

A Massa manifestazione contro il decreto 'Green Pass'

A Massa è in programma per domani, alle 17.30, in Piazza Aranci, una protesta organizzata dal gruppo Rivoluzione Allegra che in un comunicato, spiega le ragioni della manifestazione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara