massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Cisl su vicenda Nausicaa: "È il momento di fare chiarezza"

sabato, 4 luglio 2020, 17:45

Alessio Menconi e Simone Pialli rispettivamente segretari provinciali della FP Cgil e della Fisascat Cisl per la provincia di Massa e Carrara, assieme alle loro delegate, sono totalmente in disaccordo con la ricostruzione fatta dal presidente di Nausicaa, Luca Cimino, in merito alle ultime vicende dei centri estivi.

"E' una ricostruzione incompleta, faziosa ed atta solamente ad alimentare un clima di scontro che non fa bene ai lavoratori, all'azienda ed alla cittadinanza". Con queste parole ha inizio la ricostruzione dei sindacalisti.

"Appena abbiamo appurato della possibilità della costituzione, anche per il 2020, dei centri estivi abbiamo dato la nostra immediata disponibilità al dialogo con l'azienda - spiegano Pialli e Menconi -. Dopo una serie di incontri l'azienda ha prodotto un testo d'accordo, per noi irricevibile, che prevedeva un riconoscimento economico di 30 euro solamente agli educatori lasciando escluso, di fatto, tutto il resto del personale impiegato. Oltre a questo l'azienda, in maniera del tutto unilaterale e senza alcun riscontro di meritocrazia, decideva di selezionare ed indennizzare con ulteriori 30 euro alcuni educatori elevandoli al ruolo di coordinatori".

"E' bene ricordare - continuano i sindacalisti -  che abbiamo a che fare con risorse pubbliche e pertanto non vi è posto per l'arbitrarietà nella selezione del personale da avanzare. A seguito di nostre potreste, che si sono concretizzate in una non sottoscrizione dell'accordo, l'azienda ha prodotto un altro testo. Il nuovo accordo prevedeva il riconoscimento di 30 euro per tutti i dipendenti impiegati nei centri estivi, di fatto veniva scongiurata la dicotomia tra lavoratori di serie A e quelli di serie B, ma purtroppo l'azienda pretendeva l'avallo da parte del sindacato del metodo di selezione e remunerazione dei coordinatori. A nostro avviso una ulteriore provocazione".

"A quel punto, vista una posizione aziendale arroccata sulla difesa del principio del " decido io e si fa a modo mio" abbiamo convocato un'assemblea del personale la quale, all'unanimità, ha votato lo stato di agitazione. Nel tentativo di ricorrere ai ripari l'azienda ha sottoscritto con la UIL, sigla assolutamente minoritaria in Nausicaa, il primo accordo quello che prevedeva i 30 euro solo per gli educatori".
  
"Dimostrando così, - sottolineano i referenti sindacali Cisl -  solamente un'abietta logica del risparmio ed il tentativo di far passare Fp Cgil e Fisascat Cisl come ottuse controparti".

A chiudere, momentaneamente, la polemica è Simone Pialli della Fisascat Cisl il quale tiene a chiarire che non ha potuto rappresentare le lavoratrici ed i lavoratori con lui iscritti al tavolo istituito in prefettura poiché, la stessa, ha mandato la convocazione ad un'altra categoria della Cisl e non a quella statutariamente preposta alla rappresentanza di quei lavoratori".

"A quel punto - prosegue Pialli - piuttosto che far saltare l'incontro arrecando un danno ai lavoratori ho dato delega di rappresentare la Fisascat ai colleghi della FP Cgil con i quali su questa vertenza c'è assoluta comunione di intenti. Anche qui è stato spiacevole apprendere che il Dott. Cimino ha provato a far passare il messaggio, presso il tavolo istituzionale, che i due sindacati maggiormente rappresentativi fossero divisi dando, di fatto, prova del più bieco e mal riuscito tentativo mai visto di " dividi et impera".

"Noi comunque - conclude Pialli - confidiamo che al prossimo tavolo istituzionale si possa trovare la quadra e sottoscrivere un accordo nell'interesse dei lavoratori e della cittadinanza tutta".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

La Lega attacca ancora De Pasquale sugli immigrati di Casa Betania

"In fase di comunicazione il primo cittadino ha omesso di indicare la provenienza dei positivi, forse proprio per evitare che la gente potesse rendersi sempre più conto del rischio sanitario che gli immigrati possono risultare per il nostro Paese"


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

Biblioteche ancora chiuse: Bernardi assegna la maglia nera alla Forti, assessore alla cultura carrarese

Gestione dell’emergenza coronavirus nel settore della cultura da maglia nera: questo il giudizio del consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, sull’operato dell’assessore alla cultura Federica Forti nel periodo post lockdown


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:37

Telecamere, ordinanze per la movida e attivazione della task-force anti-degrado: i suggerimenti del dipartimento sicurezza di FdI

L’incontro del sindaco Francesco De Pasquale con il nuovo primo dirigente del commissariato di Carrara, dottor Daniele Manganaro è servito da spunto per Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia e responsabile regionale del dipartimento sicurezza, legalità e immigrazione di FdI, per lanciare alcuni suggerimenti all’amministrazione per rendere sempre più...


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:35

Martisca di Forza Italia deposita esposto contro Casa Betania

“Casa Betania non è in grado di gestire l’accoglienza degli immigrati, né di garantirne un percorso di integrazione all’interno della società.” Questa motivazione, nata dalla scoperta di un focolaio con diciotto positivi all’interno del Cas di Bonascola gestito dall’associazione, è alla base dell’esposto che Lucian Martisca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:16

Covid e discoteche, Rossi firma la 'condanna a morte'

Firmata dal presidente della Regione Toscana una nuova ordinanza che dispone per le discoteche misure di controllo per la diffusione del Covid più restrittive, in attesa di eventuali provvedimenti nazionali


lunedì, 10 agosto 2020, 13:00

Focolaio covid a Bonascola: Pieruccini della Lega attacca Casa Betania

L’analisi della vicenda del focolaio di coronavirus scoperto all’interno di un cas di Bonascola, fatta da Nicola Pieruccini, coordinatore comunale della Lega e candidato alle regionali, si concentra sull’associazione che gestisce il centro e sull’appoggio “interessato” di Pd e 5 stelle locali


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara