massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 14 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Ritardi nella convenzione per la sorveglianza: Bernardi svela le ragioni della prolungata chiusura dei parchi di Marina

martedì, 14 luglio 2020, 18:41

Non sarebbe ancora stata firmata la convenzione per la sorveglianza del parco Puccinelli e di quello di villa Ceci a Marina di Carrara e, per questo motivo, i due principali spazi versi attrezzati per bambini risultano ancora chiusi al pubblico nonostante l’allentamento di tutte le misure restrittive causate dall’emergenza sanitaria.

E’ la spiegazione data dal consigliere di Alternativa per Carrara, Massimiliano Bernardi, che ha aggiunto: “La manifestazione d'interesse per il terzo settore è scaduta il 22 Giugno e, sebbene già  in ritardo rispetto ai tempi di riapertura dei parchi di altre città , da allora non si è saputo più nulla. Il decreto legge numero 33 dello scorso maggio aveva già predisposto  la riapertura regolamentata di parchi e di giardini  pubblici  per  la loro possibile frequentazione da parte  di  bambini  con  genitori  o  adulti familiari. A quanto pare  il fatto che parchi  e   giardini  pubblici  rappresentino, oggi più che mai, una   risorsa disponibile di grande importanza per tutti, sembra non essere rilevante solo per il sindaco di Carrara.” Bernardi ha parlato di “ solita totale mancanza di trasparenza e di responsabilità dei 5 Stelle a danno ai cittadini” e ha ricordato che  la riapertura dei parchi  rappresenterebbe un fatto positivo per la città e per il turismo e che è  stata più volte richiesta anche da molti genitori.

“Per poter riaprire i parchi in sicurezza – ha continuato Bernardi – è necessario  regolamentare le forme  di  accesso,  le modalità' di controllo e verificare e mantenere precise  condizioni  igieniche  degli  arredi  e delle attrezzature disponibili. Per questo l’amministrazione 5 Stelle ha deciso di tenere tutto off-limitts. L’amministrazione grillina  si è dimostrata incapace dimostrato di mettere a disposizione  personale  per  la  realizzazione  delle funzioni di sanificazione  frequente delle superfici più toccate,  almeno  in modalità giornaliera, nè di far eseguire la supervisione sulle persone che accedono affinchè siano dotate di mascherine.”

Bernardi ha ricordato le condizioni di degrado in cui versano i due parchi di Marina, invasi da erbacce e  ha dato la sua spiegazione al perché il sindaco continui a tenerli chiusi pur sapendo di violare la legge che li vorrebbe aperti: “  È chiarissimo: i parchi possono essere tenuti aperti ma il sindaco deve garantire l’incolumità dei frequentatori e  deve prevedere l'accesso contingentato ed attenersi alle regole di manutenzione, sorveglianza e igienizzazione . Quindi è  meglio che rimanga tutto chiuso.”

Bernardi si è detto convinto che la richiesta di chiarimenti sulla riapertura dei parchi avanzata al sindaco dai genitori residenti nella zona e la richiesta di un incontro col lo stesso primo cittadino cadranno nel vuoto e resteranno senza risposta.  “Un sindaco responsabile, coraggioso e trasparente – ha concluso Bernardi -  non dovrebbe aspettare di essere convocato dai cittadini, ma  dovrebbe emanare un comunicato spiegando le ragioni del perché la manifestazione d’nteresse del 20 Giugno per la sorveglianza dei parchi non è andata a buon fine . Ricordiamo che i minori hanno diritti che devono essere rispettati , anche dagli  amministratori, i quali hanno obblighi e doveri di cui devono rendere conto in caso di mancanze.”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


giovedì, 13 agosto 2020, 18:28

I dubbi della Lega sul focolaio nella struttura di Casa Betania

Lo dice anche nei suoi interventi in campagna elettorale da candidato al consiglio regionale: sul caso del focolaio a Bonascola e soprattutto su Casa Betania il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale non la racconta giusta. A parlare è Nicola Pieruccini


giovedì, 13 agosto 2020, 18:26

Il pastore valdese Marottoli difende Casa Betania

La tempesta mediatica scatenata sull’associazione Casa Betania ed in particolare su Sara Vatteroni e Bruno Lazzoni che ne sono i fondatori, a seguito della scoperta di un focolaio di coronavirus all’interno di una struttura per l’accoglienza gestita dall’associazione potrebbe avere, a monte, una pianificazione politica e uno scopo ben preciso.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 13 agosto 2020, 12:47

La direttrice del centro estivo è la cugina del vicesindaco. Bernardi: "Fraintendimento oscuro"

Non è chiaro, per il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, su cosa si sia fondato il fraintendimento ammesso dal presidente di Nausicaa Luca Cimino


giovedì, 13 agosto 2020, 11:03

“Risposta confusionaria e sconclusionata sulle misure di sicurezza anticriminalità”: Baruzzo bacchetta i 5 stelle

I suggerimenti forniti da Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale e responsabile regionale del dipartimento sicurezza legalità e immigrazione di Fratelli d’Italia, sulle misure da prendere per favore il contrasto alla criminalità hanno ottenuto una risposta non sufficientemente chiara da parte dei 5 Stelle


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 13 agosto 2020, 10:51

Uil Fpl: "Focolaio Covid al Cas, mancate procedure di controllo su lavoratore"

A puntare il dito è il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, che poche ore fa ha scritto alla direzione della Onlus per chiedere chiarimenti sulla gestione dell'emergenza con particolare riferimento al caso di un operatore


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

La Lega attacca ancora De Pasquale sugli immigrati di Casa Betania

"In fase di comunicazione il primo cittadino ha omesso di indicare la provenienza dei positivi, forse proprio per evitare che la gente potesse rendersi sempre più conto del rischio sanitario che gli immigrati possono risultare per il nostro Paese"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara