massautosin
massauto

Anno 1°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Probabile fallimento del progetto “Housing first” del sociale: Bernardi attacca l’assessore Galleni

sabato, 1 agosto 2020, 18:39

Sarebbero 263 mila euro i fondi previsti per il progetto “ Housing first” che si pone come obiettivo la tutela dei più poveri mediante l’assegnazione  di alloggi per i senzatetto, ma, secondo il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, questo finanziamento sarebbe sul punto di sfumare per colpa di una cattiva gestione dell’assessorato al sociale.

“La prima gara per questo progetto – ha spiegato Bernardi – è andata deserta nell’aprile del 2019. Identica sorte per la seconda che si è tenuta nel luglio dello stesso anno. Sicuramente l’assessore al sociale Anna Galleni avrà pronto un pipettone retorico e noioso per spiegare le ragioni delle gare andate deserte nel quale non mancherà l’ennesima aggressione nei miei confronti ma la verità è che il fallimento di questo progetto è da ascrivere alla politica  grillina  sul sociale che ha cancellato anni di collaborazione proficua che le amministrazioni precedenti avevano instaurato con il volontariato del territorio.” Bernardi a ricordato le chiusure di centri di aggregazione operate dai 5 stelle appena insediati al potere: il Mulino Forti, il  Centro Saffi, la Ludoteca di Bonascola  e l’affossamento della storica Consulta Anziani, per la quale, nonostante  un avviso pubblico pubblicato più volte,  nessuna associazione ha voluto partecipare.

“L'ultimo fallimento in ordine di tempo – ha continuato Bernardi -   è appunto il progetto “Housing' first “del quale il comune di Carrara, su progetto PON, aveva  il compito di capofila della progettazione assieme a Massa e Montignoso. L’obiettivo sarebbe stato trovare una soluzione abitativa per i senza fissa dimora e attivare un accompagnamento degli stessi in percorsi inclusivi.” . Bernardi  ha parlato di un silenzio intenzionale della Galleni finalizzato a  cercare di nascondere l’urgenza di una svolta ed ha persino invitato l’assessore a imboccare la strada delle dimissioni, che sarebbero dovute, secondo le voci riportate da Bernardi, da inconciliabili divergenze con la politica dei 5 stelle. “La Galleni  non ha più tempo per trovare scuse – ha  riferito Bernardi -  In pieno lockdown sul progetto “prima di tutto una casa”,  si  era difesa sostenendo  che, a seguito dei due bandi deserti ,era stata posto in essere un affidamento diretto a Sara Vatteroni e Bruno Lazzoni di Casa Betania. L'assessore ha anche affermato  che la convenzione, firmata a ridosso della pandemia, prevedeva che i senza tetto  avrebbero avuto modo di insediarsi in abitazioni condivise, non appena i referenti delle associazioni, che temevano la creazione di focolai, avessero messo a disposizione gli alloggi e dato il via libera. Passati altri tre mesi senza che nessuna nuova azione sia stata  attuata,  non più a “ causa del coronavirus", ma, a quanto sembra, perché i signori Vatteroni  e Lazzoni non avrebbero ancora messo a disposizione del settore sociale i tre alloggi previsti nel bando, non ci sono più scuse. Anzi l'aggravante sarebbe che l'unico immobile dei tre previsti dal bando individuato dai due soggetti affidatari sia in così pessime condizioni da risultare inagibile .”

Bernardi, alla luce dei 263 mila euro in gioco impegnati per  il cofinanziamento da parte del comune e che i fondi europei saranno probabilmente persi perché i 5 Stelle non sono riusciti a far decollare il progetto,ha chiesto all’amministrazione un’operazione verità, ricordando che il comune  l'obbligo e la responsabilità di trovare soluzioni immediate, oppure,  in autotutela, di revocare la Convenzione a Casa Betania.  “Il nostro più sincero auspicio – ha concluso Bernardi –  in un momento così disorientante e difficile per tutti è che l’amministrazione De Pasquale, oltre alla situazione tragica verificatisi nella gestione del Sociale, non si macchi di un’altra vergogna come la perdita di finanziamenti europei per incapacità .”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

La Lega attacca ancora De Pasquale sugli immigrati di Casa Betania

"In fase di comunicazione il primo cittadino ha omesso di indicare la provenienza dei positivi, forse proprio per evitare che la gente potesse rendersi sempre più conto del rischio sanitario che gli immigrati possono risultare per il nostro Paese"


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

Biblioteche ancora chiuse: Bernardi assegna la maglia nera alla Forti, assessore alla cultura carrarese

Gestione dell’emergenza coronavirus nel settore della cultura da maglia nera: questo il giudizio del consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, sull’operato dell’assessore alla cultura Federica Forti nel periodo post lockdown


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:37

Telecamere, ordinanze per la movida e attivazione della task-force anti-degrado: i suggerimenti del dipartimento sicurezza di FdI

L’incontro del sindaco Francesco De Pasquale con il nuovo primo dirigente del commissariato di Carrara, dottor Daniele Manganaro è servito da spunto per Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale di Fratelli d’Italia e responsabile regionale del dipartimento sicurezza, legalità e immigrazione di FdI, per lanciare alcuni suggerimenti all’amministrazione per rendere sempre più...


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:35

Martisca di Forza Italia deposita esposto contro Casa Betania

“Casa Betania non è in grado di gestire l’accoglienza degli immigrati, né di garantirne un percorso di integrazione all’interno della società.” Questa motivazione, nata dalla scoperta di un focolaio con diciotto positivi all’interno del Cas di Bonascola gestito dall’associazione, è alla base dell’esposto che Lucian Martisca


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:16

Covid e discoteche, Rossi firma la 'condanna a morte'

Firmata dal presidente della Regione Toscana una nuova ordinanza che dispone per le discoteche misure di controllo per la diffusione del Covid più restrittive, in attesa di eventuali provvedimenti nazionali


lunedì, 10 agosto 2020, 13:00

Focolaio covid a Bonascola: Pieruccini della Lega attacca Casa Betania

L’analisi della vicenda del focolaio di coronavirus scoperto all’interno di un cas di Bonascola, fatta da Nicola Pieruccini, coordinatore comunale della Lega e candidato alle regionali, si concentra sull’associazione che gestisce il centro e sull’appoggio “interessato” di Pd e 5 stelle locali


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara