massautosin
massauto

Anno 1°

venerdì, 14 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Regionali, il Pd Massa Carrara indica i suoi candidati

sabato, 1 agosto 2020, 17:27

di donatella beneventi

Si è tenuta nella sede di Via Groppini a Carrara, la conferenza stampa del Partito Democratico per la presentazione dei candidati in lista per le prossime elezioni regionali, il 20 e 21 settembre.

Presenti Enzo Manenti, ex sindaco di Licciana Nardi e segretario provinciale, Pietro Andreani, presidente e Nicola Abruzzese, consigliere della sede carrarina: l'incontro si è aperto con un'analisi del contesto storico e sociale, caratterizzato dall'emergenza sanitaria che ha cambiato radicalmente abitudini e anche il modo di fare politica.

Determinante è stata anche la batosta elettorale di tre anni fa, con la perdita dei feudi di Massa e Carrara, la prima con un governo di centro destra e la seconda, prima volta dal dopoguerra, passata ad una amministrazione pentastellata: ciò ha avuto conseguenze all'interno del partito che ha deciso di rinnovarsi, pur portando avanti i valori che lo contraddistingue.

"Sarà una campagna elettorale difficile- esordisce Manenti- e ne siamo coscienti. La pandemia ci ha messo alla prova su vari fronti, prima di tutto il sistema sanitario , che ha tenuto, grazie alle scelte che sono state adottate per la salvaguardia della salute pubblica: il mio ringraziamento va al presidente Rossi e a tutti gli operatori sanitari che si sono adoperati per il funzionamento della rete di ospedali provinciali e del sistema dei medici di base, La nostra proposta per le candidature ha tenuto presente non solo della maturità politica, ma soprattutto della rappresentatività sul territorio e delle capacità nel proprio ambito professionale".

Due uomini e due donne- prosegue- come stabilito dalla legge e che verranno ufficialmente presentati ad Aulla il 4 agosto e che sono : Roberta Crudeli, capogruppo in comune a Carrara e operatrice sanitaria presso il Noa, Elisabetta Sordi, medico presso l'ospedale di Pontremoli, Francesco Micheli, un giovane trentaduenne lunigianese e come capolista ; Giacomo Bugliani, consigliere regionale uscente e presidente della prima Commissione.

" Giacomo Bugliani- spiega Pietro Andreani- è stato molto apprezzato per il suo lavoro svolto nella prima commissione in sede regionale, non solo dal partito, ma anche dall'opposizione per il suo impegno, molto importante per la nostra zona. Voglio anche sottolineare il ruolo dell'onorevole Martina Nardi, presidente della commissione delle attività produttive ,per l'economia del territorio in sede nazionale:il lavoro sarà centrale nella campagna elettorale e sarà nostro compito di ascoltare i cittadini e le associazioni di categoria e dei vari settori, compreso il mondo del volontariato". La battaglia sarà quindi assai dura e da parte del PD provinciale,c'è il desiderio, oltre che di riconfermarsi partito al governo della Toscana , anche di avere una degna rappresentanza territoriale in giunta, cosa che non avviene da molto tempo e magari un assessorato, che renderebbe la Lunigiana,finalmente di peso nel contesto governativo.

" Il partito è sotto il segno della continuità come valori- dice Nicola Abruzzese- ma dal 2017 ha aperto un grosso dibattito interno, con l'avvio di una conferenza programmatica che copre un lungo periodo, fino al 2030 : dialogo con le persone comuni e un diverso modo di rapportarsi sia con l'esterno che con la base".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


giovedì, 13 agosto 2020, 18:28

I dubbi della Lega sul focolaio nella struttura di Casa Betania

Lo dice anche nei suoi interventi in campagna elettorale da candidato al consiglio regionale: sul caso del focolaio a Bonascola e soprattutto su Casa Betania il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale non la racconta giusta. A parlare è Nicola Pieruccini


giovedì, 13 agosto 2020, 18:26

Il pastore valdese Marottoli difende Casa Betania

La tempesta mediatica scatenata sull’associazione Casa Betania ed in particolare su Sara Vatteroni e Bruno Lazzoni che ne sono i fondatori, a seguito della scoperta di un focolaio di coronavirus all’interno di una struttura per l’accoglienza gestita dall’associazione potrebbe avere, a monte, una pianificazione politica e uno scopo ben preciso.


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 13 agosto 2020, 12:47

La direttrice del centro estivo è la cugina del vicesindaco. Bernardi: "Fraintendimento oscuro"

Non è chiaro, per il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi, su cosa si sia fondato il fraintendimento ammesso dal presidente di Nausicaa Luca Cimino


giovedì, 13 agosto 2020, 11:03

“Risposta confusionaria e sconclusionata sulle misure di sicurezza anticriminalità”: Baruzzo bacchetta i 5 stelle

I suggerimenti forniti da Lorenzo Baruzzo, coordinatore comunale e responsabile regionale del dipartimento sicurezza legalità e immigrazione di Fratelli d’Italia, sulle misure da prendere per favore il contrasto alla criminalità hanno ottenuto una risposta non sufficientemente chiara da parte dei 5 Stelle


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 13 agosto 2020, 10:51

Uil Fpl: "Focolaio Covid al Cas, mancate procedure di controllo su lavoratore"

A puntare il dito è il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, che poche ore fa ha scritto alla direzione della Onlus per chiedere chiarimenti sulla gestione dell'emergenza con particolare riferimento al caso di un operatore


mercoledì, 12 agosto 2020, 22:39

La Lega attacca ancora De Pasquale sugli immigrati di Casa Betania

"In fase di comunicazione il primo cittadino ha omesso di indicare la provenienza dei positivi, forse proprio per evitare che la gente potesse rendersi sempre più conto del rischio sanitario che gli immigrati possono risultare per il nostro Paese"


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara