Anno 1°

venerdì, 4 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Campo rom del Lavello fuori dai controlli covid: "L’esercito va mandato anche lì" dice Bernardi

sabato, 21 novembre 2020, 19:52

Nessun controllo sulle condizioni sanitarie degli abitanti del campo rom del Lavello dove ci sarebbero minori che vivono in promiscuità, andirivieni di adulti e totale mancanza di rispetto delle regole basilari anticovid.

A riferirlo è il consigliere dell’opposizione Massimiliano Bernardi che ha fatto notare: “L’esercito richiesto dal sindaco De Pasquale per effettuare i tamponi dovrebbe essere mandato anche al campo rom del Lavello dove sarebbe necessario effettuare un' indagine epidemiologica e tamponi oltre che acquisire informazioni e tracciamenti sugli spostamenti dei residenti che vanno e vengono dal campo senza controllo. Al campo Rom del Lavello inoltre continua ad esserci da anni una vera discarica a cielo aperto e il problema igienico-sanitario è ancora più grave del coronavirus.”.

Bernardi si è rivolto agli assessori Galleni e Scaletti per segnalare la gravità del problema. “C’è un’emergenza nell’emergenza perché nel campo nomadi il rischio contagio è altissimo. Pulizia, igiene, sicurezza e ora anche la paura dell'infezione : i residenti in prossimità del Lavello non ne possono più e chiedono interventi alle istituzioni. Le difficoltà di chi è costretto ad affrontare quotidianamente criticità oggi sono aumentate con l'emergenza sanitaria e non è possibile che il Lavello sia lasciato nel degrado e il campo Rom sia una zona franca per il covid.”

Bernardi ha chiamato in causa le telecamere che erano state promesse dal sindaco De Pasquale e che non sono ancora state installate ed ha ricordato il forte disagio delle persone che vivono nei pressi del Lavello e che vedono i residenti del campo non rispettere nessuna delle regole imposte a tutti dal decreto che ha definito la Toscana zona rossa.

“Da quando il coronavirus è riemerso – ha aggiunto Bernardi - sono aumentate le persone di passaggio che stanziano lungo la strada all’esterno dell’accampamento e da alcune testimonianze le regole per il contenimento della diffusione del covid per queste persone non valgono. Una zona franca in un periodo in cui ogni centimetro di vie e piazze viene correttamente ispezionato dalle forze dell’ordine, a tutela della salute pubblica. Rimangono però timori da parte di chi vede il via vai di parecchie persone che circolano nell'area e che pare provengano dai campi di Torino e di La Spezia. Anche per la presenza dei tanti minori è necessario che vengano effettuati controlli per evitare eventuali casi di soggetti positivi da importazione.”.

Bernardi ha quindi rinnovato la possibilità di usare l’esercito anche per controllare chi occupa le seconde case e chi non rispetta le regole e per garantire la sicurezza e controllare proprio le zone dimenticate dalla gestione della amministrazione carrarese che, secondo Bernardi, distinguerebbe tra cittadini di serie A e quelli di serie B.

Vini. Tes.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 4 dicembre 2020, 12:05

Riviera Apuana, intesa su governance

Grazie all'intesa tra il vicesindaco di Massa Andrea Cella, l'assessore al turismo di Carrara Federica Forti e l'assessore al turismo di Montignoso Eleonora Petracci, l'ambito Riviera Apuana ha la procedura di scelta della Destination Management Organization (DMO)


giovedì, 3 dicembre 2020, 19:23

Sentenza crollo argine del Carrione, la responsabilità fu di Regione e Provincia

Dopo sei anni è arrivata la sentenza del Tribunale delle acque di Torino sui responsabili del crollo dell’argine del Carrione che il 5 novembre 2014 causò la terribile alluvione di Marina di Carrara. I colpevoli furono i tecnici, i professionisti e le imprese scelti e nominati da Regione e Provincia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 3 dicembre 2020, 19:19

3 dicembre, Giornata Internazionale delle persone con Disabilità

3 dicembre, Giornata Internazionale delle persone con Disabilità. Disabilità e inclusione al centro dell’azione dell’amministrazione Persiani: “Abbattiamo le barriere architettoniche e culturali”


giovedì, 3 dicembre 2020, 18:50

Dalla Lega applausi per la giunta di Massa che fa un bando per le attività commerciali e fischi per quella di Carrara “arrogante e menefreghista”

Il bando per le attività commerciali del centro che prevede contributi da un minimo di quattromila ad un massimo di seimila euro voluto dall’amministrazione di centrodestra di Massa ha trovato il plauso del coordinamento comunale della Lega di Carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 3 dicembre 2020, 18:50

Polemica luminarie, il sindaco incontra Veronica Frongia

«Ho incontrato una giovane imprenditrice, arrabbiata per gli effetti della crisi innescata dalla pandemia ma determinata a far sentire la propria voce per cambiare e migliorare la situazione, anche nella nostra città. Parlandole di persona ho compreso e raccolto il suo grido di allarme, ringraziandola per lo spirito con cui...


giovedì, 3 dicembre 2020, 18:49

Flashmob di FdI alla stazione contro il decreto sicurezza

Si è ritrovato tutto il coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia, stamani, alla stazione di Carrara Avenza per dare vita a un flashmob contro il decreto sicurezza emanato dal governo Pd-5 stelle


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara