Anno VIII

sabato, 23 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Graziani (Uiltec): "Vertenza Sanac, un buco nell'acqua: dal tavolo al Ministero nessuna risposta"

martedì, 12 ottobre 2021, 18:16

"Sanac, nessuna risposta e nulla di fatto dal tanto atteso tavolo di crisi convocato al Ministero dello sviluppo economico. Prima di tutto non c'era il ministro Giancarlo Giorgetti ma il delegato Luca Annibaletti che non ha saputo dare una sola risposta alle domande poste dai sindacati. E le poche che ha dato erano o fuori tema o inopportune".

Un buco nell'acqua che lascia l'amaro in bocca al segretario della Uiltec Toscana Nord, Massimo Graziani, che ieri ha partecipato all'incontro convocato al Mise con le segreterie territoriali e nazionali dei sindacati sulla vertenza del gruppo che negli ultimi giorni è precipitata mettendo in pericolo centinaia di posti di lavoro in tutta Italia di cui oltre 100 soltanto nello stabilimento di Massa.

"Una riunione del tutto interlocutoria che proprio non serviva in questo momento – incalza Graziani -. E' inutile che il Mise garantisca il pagamento degli stipendi, a oggi mai messi in discussione a meno che non sia un triste presagio. O che si impegni a onorare i debiti pendenti di Acciaierie d'Italia nei confronti di Sanac perché questo ormai è superato dai decreti ingiuntivi. Insomma, l'impressione è che il Ministero non sia in linea con i tempi della vertenza". I sindacati hanno quindi ribadito i punti chiave della vertenza: "Rivedere le scelte politiche fatte. Superare il paradosso attuale in cui lo Stato fa la guerra a se stesso, preferendo addirittura di acquistare materiali refrattari all'estero per danneggiare Sanac. Il destino dello stabilimento è appeso a un filo da oltre 7 anni e non si trova la parola fine e la soluzione per noi è tornare all'acquisizione del gruppo nella partita ex Ilva: Acciaierie d'Italia deve tener fede all'impegno preso".

Per il segretario Uiltec Toscana Nord non c'è alternativa: "Altrimenti significa perdere anni di lotta, un'eccellenza italiana, lanciare Sanac nel baratro. Una nuova gara oggi significa svendere il gruppo al massimo ribasso così che non sia neppure in grado di onorare gli impegni presi da Sanac con i propri creditori, fra cui i suoi stessi dipendenti. Spezzettare la vendita di Sanac rispetto all'ex Ilva è stata una scelta politica e oggi la politica deve tornare sui suoi passi: Taranto – conclude Graziani – avrà sempre bisogno dei refrattari e questi prodotti devono fare parte della filiera dell'acciaio italiano. Il tavolo è stato aggiornato ai primi di novembre e il delegato di Giorgetti si è preso l'impegno di darci risposte in tale occasioni. Noi cercheremo di tenere alta l'attenzione scegliendo le migliori modalità di lotta nei prossimi giorni con i lavoratori".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Politica


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 22 ottobre 2021, 23:14

Esposto di Bernardi: "La Procura verifichi se ci sono irregolarità nel concorso per la direzione del Regina Elena"

Il consigliere di opposizione Massimiliano Bernardi, dopo aver presentato la questione in consiglio comunale e non aver trovato evidentemente risposta soddisfacente, annuncia in conferenza stampa di aver presentato esposto in Procura e presso la Corte dei Conti


giovedì, 21 ottobre 2021, 13:15

Area ex Sin Ferroleghe, FdI: "Abbiamo portato la questione in Parlamento. Vogliamo tempi certi per la bonifica dell'area"

Lo annuncia il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Vittorio Fantozzi, che ha ricevuto quotidiane informazioni dal coordinatore provinciale di Fdi, Marco Guidi, al coordinatore comunale di Carrara, Lorenzo Baruzzo, ed capogruppo in comune a Massa, Alessandro Amorese


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 21 ottobre 2021, 12:39

GD Carrara: "Pericolo imminente sulla foce per mancata cura del verde e manutenzione"

Il gruppo giovani democratici di Carrara mette in evidenza una situazione veramente pericolosa per i cittadini, riguardante la strada della foce


mercoledì, 20 ottobre 2021, 08:54

Insieme: "Via Benedetto Croce come l’autodromo di Monza”

Sollecitata dai residenti di via Benedetto Croce, anche l’associazione Insieme che si preoccuperà di comunicare urgentemente il problema agli uffici comunali


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 19 ottobre 2021, 16:25

Italia Nostra raddoppia la sua presenza sul territorio

Domenica 17 ottobre, la sezione di Massa-Montignoso di Italia Nostra ha raddoppiato la sua presenza nel territorio partecipando a due iniziative di alto livello, la gita a Pontremoli e la visita guidata al Lago di Porta


domenica, 17 ottobre 2021, 20:36

Giovani democratici in difesa di CGIL: "Il sindaco Persiani guardi in casa sua e sciolga Forza Nuova e Tutto per Massa"

I Giovani Democratici apuani si stringono intorno alla CGIL dopo l'attacco subito a Roma, la settimana scorsa nella sede del sindacato, e lo testimoniano con una nota stampa in cui la denuncia dei Democratici coinvolge esplicitamente Forza Nuova chiedendone al sindaco lo scioglimento


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara