Anno 1°

martedì, 1 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Pontremoli

“Sull’ospedale Covid troppa fretta”: Elisabetta Sordi contro il Pd

mercoledì, 11 novembre 2020, 14:20

di michela carlotti

Elisabetta Sordi, consigliera di minoranza di Pontremoli, candidata Pd alle trascorse regionali a sostegno del presidente Giani, ma anche dirigente medico di I livello del servizio immunotrasfusionale USL Toscana Nordovest.

Questi i presupposti dai quali parte una riflessione che merita tutto l’interesse dell’opinione pubblica, di quelle che lasciano parlare la competenza riguardo ad un determinato argomento e che non si piega agli stretti ordini di partito.

Il Pd provinciale nei giorni scorsi aveva rivolto a tutta la comunità un appello al senso di responsabilità, che in buona sostanza ha questo significato: la decisione è presa, fatevene una ragione perché il NOA è a tappo!

Ma il medico Sordi, prima ancora della consigliera piddina Sordi, parla da persona libera, con cognizione di causa, mettendo in campo la sua competenza per contribuire al meglio, con soluzioni adeguate e sostenibili, a gestire questa terribile situazione emergenziale.

“Non si tratta di un problema di mancata responsabilità o partecipazione del nostro territorio all'emergenza in atto – dichiara con decisione la Sordi - Tutto il personale sanitario, sia delle strutture Covid che no-Covid, ha dimostrato enorme senso di responsabilità e di collaborazione fin dalla prima ondata della pandemia, in ogni ruolo. Il problema è che ogni decisione deve rispondere a criteri di logicità e chiarezza”.

La Sordi chiarisce cos’è l'emergenza, e quali sono le occorrenze per gestirla: il problema consiste nella gestione del crescente numero di pazienti che necessitano di essere ricoverati, ventilati o, nei casi più gravi, intubati. Pertanto: “la soluzione non è, e non può essere quella di creare 14-20 posti letto per pazienti stabili, cioè per malati che non necessitano di ventilazione invasiva, né di terapia intensiva. Eppure – prosegue la Sordi - proprio questi sono i posti-letto pensati per la medicina-covid a Pontremoli: letti per pazienti stabili, in discrete condizioni, prossimi alla dimissione. Ma la necessità reale è, invece, proprio quella di avere postazioni di supporto medico e ventilatorio intensivo”.

Elisabetta Sordi spiega che la struttura ospedaliera di Pontremoli, non è versatile e modulare come il Noa: ciò comporta che i percorsi non possano essere completamente differenziati come invece avviene nell’ospedale delle Apuane, dove i percorsi sono totalmente alternativi.

“La fretta con cui è stata organizzata e gestita tutta la vicenda – commenta - sembra rispondere più ad una necessità di avere numeri di letti teoricamente disponibili, piuttosto che realmente necessari”.

La Sordi poi punta il dito contro i ritardi e gli investimenti sbagliati: “L'emergenza relativa al personale era già ben nota a marzo. Gli investimenti economici da centinaia di migliaia di euro effettuati nella prima ondata, hanno prevalentemente riguardato la costa, perché la Lunigiana è stata tenuta come area no-Covid. Però, oggi veniamo a conoscenza che quelle strutture (ex ospedale di Massa) non possono aprire per mancanza di personale”.

“Quindi – secondo la Sordi - l'investimento economico avrebbe dovuto tener conto anche di questo e, magari, preparare una soluzione sulla Lunigiana con più tempo, concertazione con il territorio, e non in fretta e furia come in questo caso, in cui sono state create zone filtro e doccia nel giro di poche ore”.  Oltre a tutto c’è, quindi, anche una spiacevole questione di mancanza di trasparenza e chiarezza nei confronti del territorio e dei rappresentanti istituzionali.

La gattina frettolosa ha fatto i gattini ciechi, così si dice: ed è quanto la Sordi in definitiva contesta al suo stesso partito, con un coraggioso atto d’accusa ad una soluzione frettolosa con conseguenze inevitabilmente gravose.

 


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

Banca dinamica Carismi

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Pontremoli


carispezia1


domenica, 29 novembre 2020, 11:45

Jacopo Ferri alza i toni: "La direzione Usl dovrebbe vergognarsi e dimettersi"

Con l'aumentare dei contagi nell'ospedale di Pontremoli si sono alzati anche i toni della protesta. Si parla di focolaio, anche se non è dimostrato che si tratti effettivamente di questo: in ogni caso, la diffusione dei contagi è salita troppo


sabato, 28 novembre 2020, 18:10

Mazzoni accusa la Asl: "Sull'ospedale solo scelte arbitrarie, silenzio ed inerzia!"

Il capogruppo dell'opposizione, Francesco Mazzoni, giorni fa aveva fatto istanza formale di accesso agli atti al direttore aziendale, Maria Letizia Casani, ed al direttore di presidio dell'ospedale delle Apuane, Giuliano Biselli


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 28 novembre 2020, 12:58

Ospedale Pontremoli, il direttore dell'Asl: "Messe in atto tutte le procedure di sicurezza"

Il direttore generale, Maria Letizia Casani, interviene relativamente all’organizzazione dell’ospedale di Pontremoli


venerdì, 27 novembre 2020, 16:02

Jacopo Ferri: "Mi sono sempre battuto per la mia terra nelle fila del centrodestra"

Non si è fatta attendere la replica di Jacopo Ferri a chi ieri lo ha accusato di fare un uso politico e strumentale della questione dell’ospedale di Pontremoli


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 27 novembre 2020, 16:01

FdI: "Si circoscriva l'ambito di diffusione del virus all'ospedale di Pontremoli"

Intervento del vice-capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale, Vittorio Fantozzi e degli esponenti della provincia di Massa Carrara e della Lunigiana Umberto Zangani e Emanuela Busetto


giovedì, 26 novembre 2020, 19:33

"Caro Ferri, c'eri anche tu ad assistere allo scempio della sanità quando eri a sinistra"

Con un durissimo comunicato stampa, Mauro Rivieri di Forza Italia e il responsabile dell’associazione “Libertà e diritti” Mario Cipollini, sono intervenuti in difesa della consigliera massese Roberta Dei contro Jacopo Ferri. Si preannunciano guerre intestine, dunque, dentro a Forza Italia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara