Anno VIII

martedì, 15 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Pontremoli

Truffe online: cinque italiani denunciati

martedì, 1 giugno 2021, 11:12

Sono tempi difficili, i soldi non bastano mai, ed è cosi che un 70enne residente in alta Lunigiana ha messo in vendita sul noto portale “Subito.it” un divano per una somma di 500 euro.

Purtroppo, l’uomo non ha fatto i conti con le insidie che si nascondono dietro vendite/acquisti on-line; infatti, subito dopo aver messo l’annuncio su internet, l’anziano è stato raggiunto da una telefonata: una voce maschile, molto gentile, il cui interlocutore si presentava come “rappresentante di una ditta di arredi emiliana” intenzionato ad acquistare il divano, tanto che – per evitare che l’affare gli sfuggisse di mano – ha chiesto all’anziano di recarsi immediatamente presso l’ufficio postale a lui più vicino per concludere l’acquisto e ricevere la somma pattuita.

Il 70 enne, contento di aver venduto il divano in così poco tempo, si è recato all’ufficio postale di Villafranca in Lunigiana; qua entra in gioco l’astuzia di un truffatore senza scrupoli, pronto a carpire la “buona fede” di persone oneste, non molto avvezze a districarsi all’interno di quel labirinto di insidie che si nascondono dentro il modo virtuale.

Il malcapitato, una volta arrivato all’ufficio postale, è stato richiamato telefonicamente: era la stessa voce gentile e persuasiva. Il “truffatore” a questo punto ha spiegato all’uomo che, per ricevere la somma pattuita, era necessario che fosse lui a fare una ricarica tramite post pay, pari alla metà circa l’importo pattuito (249 euro), quale transazione non esigibile per la verifica – da parte dell’acquirente – delle sue coordinate bancarie e soprattutto che non fosse una truffa!

Purtroppo, le ricariche sono state ben 26, ogni volta il “truffatore” ha fatto credere all’anziano che non fossero andate a buon fine, per cui lo convinceva a rifare l’operazione, utilizzando anche altre coordinate bancarie, sino a raggiungere la cifra di circa 6500 euro; a questo punto il “truffatore” diceva all’uomo di lasciar stare, che si sarebbero sentiti il giorno dopo, perché c’erano problemi di connessione.

Il malcapitato, insospettito della strana trattativa, tramite la propria banca, ha controllato l’estratto conto, ed ecco l’amara sorpresa: era stato truffato.

L’anziano, imbarazzato e amareggiato, si è rivolto ai carabinieri di Villafranca in Lunigiana, che hanno immediatamente avviato le indagini del caso ricostruendo con pazienza tutte le movimentazioni bancarie/postali fatte dall’uomo in favore del “truffatore” riuscendo così ad identificare tutte le persone che hanno ricevuto la ricarica post pay.

Si tratta di cinque Italiani, pluripregiudicati per reati specifici; un 47 e un 37 residenti in Emilia Romagna; un 24 enne residente in Sicilia; un 52 enne residente a Roma e un 51 enne residente a Torino.

A seguito di questa vicenda i carabinieri traggono spunto per raccomandare ancora una volta a “tutti” di prestare la massima attenzione sia sulle vendite che sugli acquisti on-line diffidando “sempre” di proposte “allettanti” o troppo “convenienti”.

In caso di difficoltà, dubbi, perplessità i carabinieri sono pronti a fornire consigli o come in questo caso a smascherare queste persone prive di scrupoli che approfittano di coloro che sono più esposti economicamente.


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare

Banca dinamica Carismi

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Pontremoli


martedì, 15 giugno 2021, 11:29

Ecco la classifica completa del premio Bancarellino 2021

Cinquanta le scuole partecipanti da tutta Italia alla 64esima edizione del Premio Bancarellino, rivolto alla letteratura per ragazzi, che anno dopo anno si afferma con successo incontrando cescenti adesioni, nonostante le difficoltà determinate dalla pandemia


sabato, 12 giugno 2021, 10:23

Pontremoli, elezioni alle porte: il Pd scalda i motori

Rimandate a causa della pandemia, le elezioni amministrative del 2021 che avrebbero dovuto svolgersi in primavera si terranno in autunno, a data ancora da definire


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 5 giugno 2021, 08:46

La gestione rifiuti divide la politica. Buttini: "Sono stupito del cambio di rotta del sindaco Maffei"

Il vicesindaco di Pontremoli, Manuel Buttini, in qualità di membro del Comitato Unitario per il controllo analogo di retiambiente SPA, interviene sulla questione della gestione del ciclo dei rifiuti affidata, a partire da inizio 2021, alla società in house RetiAmbiente SPA, partecipata da tutti i comuni dell'ATO Toscana Costa


martedì, 1 giugno 2021, 17:12

La comunità del Cibo di Crinale si presenta

La comunità del Cibo di Crinale 20 40 propone una mattina di confronto, approfondimento e riflessione sui programmi e le attività svolte e quelle future: venerdì 4 giugno, a partire dalle 10 in presenza (su prenotazione) alle Stanze del Teatro della Rosa di Pontremoli


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 31 maggio 2021, 21:07

Guidava ubriaco e finisce contro un palo, denunciato dai carabinieri

Nel corso della nottata di ieri i militari dell’aliquota radiomobile della compagnia di Pontremoli sono intervenuti in una frazione poco distante dal centro abitato, per effettuare i rilievi di un incidente stradale


giovedì, 20 maggio 2021, 18:18

Terre di Canossa 2021: si riaccendono i motori della XI edizione

Il “Terre di Canossa” è pronto a riaccendere i motori con l’edizione 2021 che si svolgerà dal 20 al 23 maggio. L’evento percorrerà le incantevoli strade di Emilia, Liguria e Toscana e sarà come sempre caratterizzato dall’inconfondibile miscela di sport, passione, paesaggi, cultura e serate indimenticabili


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara