Anno 1°

martedì, 22 gennaio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche

Minore trasferita, la rettifica della Tommasini e la risposta della Gazzetta

giovedì, 6 luglio 2017, 10:25

E’arrivata in redazione la richiesta di una rettifica da parte dell’ex dirigente ai servizi sociali del comune di Carrara in merito all’articolo “Ragazzina trasferita, arriva la denuncia dei genitori contro il Piccolo Carro” comparso sulle nostre pagine domenica 2 luglio 2017 a firma di Vinicia Tesconi:


“La sottoscritta, a nome e per conto anche delle colleghe più volte citate negli articoli di cui trattasi, comunica di aver controquerelato i sig.ri ……….genitori della minore. La contro-querela sottoposta all'esame della Procura della Repubblica di Massa Carrara concerne la diffusione di notizie false, gravemente diffamatorie in danno delle controquerelanti, attraverso mezzo telematico avente “ex se” una elevatissima diffusività, che hanno indubbiamente indotto nelle scriventi un effetto fortemente destabilizzante che avrebbe potuto condurre finanche a danno biologico, finanche di natura irreversibile.

Le controquerelanti hanno tra l’altro denunciano i sig.ri………, anche per non aver limitato la diffusione di notizie da parte della testata on line La Gazzetta di Massa Carrara, in quanto ha reso pubblici dettagli della vita della minore, trasgredendo alla tutela della dignità della ragazza. Altresì ritenendo che la minore non si stata tutelata nemmeno sotto il profilo del diritto alla riservatezza per quanto attiene il decoro personale.
Le controquerelanti si riservano di costituirsi parte civile, al fine di ottenere il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi e con la richiesta di ristoro dei danni patrimoniali e non patrimoniali per il danno subito.
Per quanto attiene, infine, al riferimento riportato nuovamente nell’articolo in parola, ove viene citato “un’insolita e ancora non chiarita anomalia” relativamente alla presunta mancanza del “Piccolo Carro” nell’elenco delle strutture per minori del Settore Sociale, si ribadisce la falsità e la strumentalizzazione della notizia. Infatti, come la sottoscritta ha già avuto modo di chiarire quando ancora ricopriva l’incarico di Dirigente, la scelta della struttura e l’inserimento della minore erano stati effettuati dall’Azienda Usl Toscana Nord-Ovest e non dal Settore Sociale del Comune di Carrara.

Si invita, quindi, chiunque voglia appurare se quanto espresso risponde a verità, a rivolgersi formalmente alla ASL per conferme a riguardo e si chiede a codesta Redazione di desistere dal reiterare con moleste ed infondate repliche che possono risultare altresì lesive, oltreché per le controquerelanti, anche per l’intero Settore Sociale.


Risposta di Vinicia Tesconi: 

In merito alla rettifica chiesta dalla signora Daniela Tommasini, è necessario precisare che la notizia e le informazioni riportate nel pezzo di Vinicia Tesconi erano già comparse nell’articolo di Erika Pontini su La Nazione Cronaca di Perugia in data 30 giugno 2017 intitolato “ Sesso tra minorenni in Comunità. Le diedero la pillola abortiva.” e nell’identico articolo con la stessa firma ripreso da La Nazione Cronaca di Carrara l’1 luglio 2017 con il semplice cambiamento del titolo in “ Sesso tra bimbi nella comunità dei minori. Chi doveva controllare nostra figlia?”. Anzi, sempre in riferimento alla stessa notizia, sulle locandine de La Nazione di Carrara nella stessa data è comparso a titoli cubitali il titolo “ Sesso tra bimbi nella casa protetta”. L’accusa di aver diffuso notizia lesive della dignità della minore protagonista della storia - che, ricordiamo: è affidata ai servizi sociali del comune di Carrara - tuttavia, viene attribuita solo al nostro giornale. Il contenuto del nostro articolo, inoltre, deriva da un’intervista con i genitori della ragazza che di loro volontà hanno voluto rendere noti i fatti che hanno determinato la denuncia. Infine, abbiamo riprodotto integralmente il testo di rettifica richiesto dalla signora Tommasini ma siamo stati costretti ad omettere i nomi che lei ha indicato come protagonisti della vicenda: innanzi tutto perché il pubblicarli sarebbe stato davvero lesivo della privacy della ragazza e poi perché in nessun articolo è mai stato fatto il nome degli interessati.

Anche riguardo al passaggio della rettifica della signora Tommasini sull’anomalia non chiarita dai servizi sociali del comune è necessario precisare che possediamo il documento originale del 2014 nel quale, nell’elenco dei minori affidati al comune di Carrara, non compare la ragazzina in questione che pure, era ospite della struttura Piccolo Carro di Perugia, con prove documentate. 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 7 gennaio 2019, 15:16

Menconi: "'L'attuale rappresentanza nel Comitato non è rispettosa della figura femminile nel suo ruolo di cittadinanza attiva"

Lettera aperta di Francesca Menconi per la Commissione progetto donna per le Pari Opportunità del Comune di Carrara in merito alla Commissione progetto donna per le Pari Opportunità del Comune di Carrara


lunedì, 24 dicembre 2018, 13:15

Recensione Chery A5

Chery Automobile Company Limited è una compagnia di produzione automobilistica fondata in Cina. Questa società è di proprietà del governo cinese ed è stata fondata nel 1997. L'azienda produce un'ampia gamma di auto, tra cui utilitarie, monovolume e SUV. Uno dei modelli fabbricati da questa azienda è la Chery A5


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 23 dicembre 2018, 11:49

Ho lasciato la mia terrà perché...

Vi invitiamo a guardare il trailer del docufilm “Italia addio, non tornerò”, prodotto dalla Fondazione Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana e realizzato dalla nostra collaboratrice Barbara Pavarotti.  Lo trovate in alto a destra. Perché vi chiediamo di vedere questo trailer? Perché ci piacerebbe ricevere, via mail, le vostre testimonianze


mercoledì, 12 dicembre 2018, 12:05

"Orti Urbani, progetto sbagliato per la sua ubicazione"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Franco Frediani in merito all'ubicazione del progetto Orti Urbani sul Monte di Pasta


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 7 dicembre 2018, 15:40

"Grillini incompetenti e bugiardi. I finanziamenti per le scuole sono una cosa seria"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera del PSI Carrara in merito ai finanziamenti per le scuole e l'edificio della Giromini


mercoledì, 28 novembre 2018, 17:46

Leovegas incoronato miglior casinò online del 2018

Continua a fare incetta di premi il casinò online di LeoVegas, azienda svedese leader nel settore del gambling, specializzata nell’offerta di servizi di giochi e scommesse online


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara